Arredamento pop art

Arredamento pop art

Condividi

PARLANO DI NOI
Vuoi saperne di più? Leggi i nostri consigli

Arredamento pop art:scopri di più su Westwing

Per chi è solito affrontare le giornate con un pizzico di sana follia, un arredamento pop art è sinonimo di dinamicità e creatività. Grazie ad un mix di colori e design con questo stile contemporaneo si possono rompere i classici schemi di home decor. Registratevi gratuitamente: ogni giorno on line tantissime proposte di mobili e accessori per arredare la tua casa con stile. Lasciatevi ispirare da Westwing!

Arredamento pop art: un tuffo di colore negli anni Sessanta

La pop art è un movimento artistico nato agli inizi degli anni ’50 in Gran Bretagna: concepito inizialmente come arte visiva, con il passare del tempo diventa una vera e propria tendenza che si estende anche ad altri settori come moda, musica e home decor. Se è vero che lo stile scelto per la casa e le decorazioni all’interno delle stanze sono lo specchio della personalità di chi le abita, un arredamento pop art è sicuramente sinonimo di creatività ed esuberanza. Chi non sopporta la noia e la staticità troverà particolarmente interessante questo stile contemporaneo e riuscirà ad apprezzarlo in tutta la sua stravaganza. Un mix di colori, combinato ad un design accattivante e mai scontato porterà all’interno della camera da letto o del soggiorno una ventata di freschezza e novità: a conquistarvi saranno geometrie optical e la semplicità della plastica.

Arredamento pop art: uno stile ironico e pungente

Sebbene questa tendenza trovi la sua origine nella pittura e nell’arte visiva, il movimento della pop art diventa presto una vera e propria rivoluzione di carattere culturale. In un periodo di boom economico dove si inizia a diffondere il concetto di consumismo, non più in senso dispregiativo, a diventare soggetti di opere d’arte sono icone del cinema, eroi dei fumetti, pubblicità e giornali. Questa corrente, considerata l’ultima espressione artistica di arte contemporanea, non è mai veramente passata di moda e ancora oggi un arredamento pop art è più attuale che mai. Ironico, pungente e penetrante, per una casa che esplode di energia e per chi, anche nel luogo in cui vive, non riesce davvero a rinunciare ad un pizzico di follia.

Arredamento pop art: decorare le pareti

mix quadri

Le pareti sono fondamentali quando si parla di un arredamento pop art e la loro decorazione va scelta con estrema cura. Quadri, poster e carta da parati saranno dei preziosi alleati, perché è proprio dal muro che l’esplosione di colore potrà cominciare. I dipinti più famosi sono caratterizzati da una serie di immagini identiche collocate una accanto all’altra, dove a cambiare sono solo i colori: Marilyn Monroe o una lattina di zuppa Campbell sono forse le più scontate ma, senza queste icone, un arredamento pop art non si può considerare tale. Per non esagerare meglio lasciare le pareti bianche oppure dipingere solo una parte. Per creare graziosi dettagli di pop art, invece, la carta da parati è un’ottima soluzione. Per dare una nuova luce alla stanza basterà ritagliare striscioline colorate ed utilizzarle per rifinire bordi e orli di mensole o battiscopa.

Arredamento pop art: mobili e accessori must have

In un arredamento pop art, alcuni mobili sono veri e propri must have che non potranno mancare all’interno delle vostre stanze. Un divano rosso a forma di labbra, sinuoso e dal fascino pop, può diventare il re indiscusso del soggiorno e rubare la scena ad ogni altro complemento d’arredo. Se volete esagerare, invece, una sedia a forma di mano trasformerà la stanza in una galleria d’arte contemporanea. Al contrario delle apparenze, un arredamento pop art riesce ad essere anche minimalista: seguendo la corrente di pensiero “less is more”, l’importante è selezionare pochi pezzi ma emblematici. Per non far risultare troppo pesante l’ambiente, infatti, è consigliabile alternare colori soft come sfumature di marrone o di avorio a mix fluorescenti ed esplosivi. Se la stanza non è molto ampia saranno gli accessori a dominare la scena di un arredamento pop art: via libera, quindi, a cuscini, lampade e quadri che prendono ispirazione dalla famose opere di Andy Warhol, l’esponente più importante di questa corrente.