divani in tessuto

Indice

  • Divani in tessuto: comfort e praticità
  • Stile
  • Colori
  • Fantasie

Confortevoli e pratici, ideali per la vita di tutti i giorni, i divani in tessuto sono un must-have in casa. Il materiale selezionato conta tanto quanto le dimensioni, la forma e i colori: ma come si sceglie quello giusto? Per aiutarti a garantire che il divano soddisfi tutte le tue esigenze di comfort ed estetica, abbiamo realizzato una guida all’acquisto. Scopri le caratteristiche principali, le diverse tipologie di tessuto e infine segui qualche semplice suggerimento per la manutenzione del tuo divano.

Divani in tessuto: comfort e praticità

Disponibili in tanti formati e stili differenti, i divani in tessuto sono gli alleati perfetti per rilassarsi in salotto con famiglia e amici, guardare la tv o riposarsi in splendida solitudine dopo una lunga giornata di lavoro. Sono indicati per un utilizzo intenso, perché offrono una superficie morbida e confortevole da personalizzare come vuoi per il tuo living: ecco una panoramica sulle caratteristiche principali di questo tipo di divano.

Stile

Il tessuto è un materiale versatile, che si inserisce bene in vari tipi di case. Pensa al classico modello due posti completamente rivestito, con braccioli stondati e cuscini separati, a suo agio in un soggiorno in stile country o shabby. I divani in tessuto con struttura in legno a vista e rivestimento in cotone staranno benissimo in un salotto d’ispirazione scandinava, mentre quelli modulari con linee minimaliste e senza braccioli sono consigliati in ambienti contemporanei.

Colori

Il colore del tessuto riveste un ruolo importante per lo stile che vuoi ottenere. Le tonalità chiare possono far sembrare lo spazio più grande e sono quindi adatte per spazi piccoli, ma sono sicuramente sporchevoli. Le tinte scure, dall’antracite al nero, sono meno sensibili alle macchie, ma sono indicate per stanze ampie. Se vuoi che il tuo divano si faccia notare, opta per un colore acceso, come il giallo, l’arancione o il rosso.

Fantasie

Oltre ai divani in tessuto monocromatico, puoi acquistare persino modelli in fantasia. In questo caso, meglio optare per formati piccoli, massimo due posti. Ad esempio, il pattern rigato starà benissimo in una casa di campagna, mentre il floreale ha un gusto delicatamente retrò. Ti serve un divanetto per l’ufficio? Osa con un tessuto in fantasia astratta, di grande carattere.

divani in tessuto

Che tessuto scegliere?

Quando si parla di tessuti per divani, normalmente si fa riferimento a un mix di fibre diverse. Il cotone è spesso il punto di partenza: è una fibra naturale, conveniente e facile da tingere, che resiste egregiamente allo sbiadimento. Lo svantaggio del cotone è che è sensibile alle macchie, come le altre fibre naturali utilizzate nei rivestimenti, il lino e la lana.

Le fibre sintetiche tendono a essere difficili da tingere, ma questa caratteristica le rende anche meno propense a trattenere le macchie. Per questa ragione, la maggior parte dei tessuti per arredamento ha un alto contenuto di fibre sintetiche, solitamente poliestere, che offre grande resistenza alla trazione e all’abrasione.

Infine, la microfibra è un altro tipo di fibra artificiale che garantisce ottime performance. Non solo è antimacchia, ma è consigliata per chi soffre di allergie agli acari e ha animali in casa, poiché la trama fitta non trattiene la polvere.

Cura e manutenzione dei divani in tessuto

La pulizia e la manutenzione dei divani in tessuto richiedono pochi gesti, ma sono essenziali per garantirne la durata nel tempo. Abbiamo raccolto qualche suggerimento utile per aiutarti a dedicare al tuo sofà tutte le attenzioni che merita.

  • Aspira il divano tutte le settimane: polvere e sporco possono causare un’usura più rapida del tessuto. Usa la bocchetta per tappezzeria del tuo aspirapolvere per pulirlo con delicatezza.
  • Rimuovi le macchie: in caso di sporco ostinato, usa un prodotto detergente in schiuma adatto ai tessuti per eseguire una pulizia profonda. Puoi anche provare con una miscela fai-da-te a base di bicarbonato e acqua tiepida, da usare direttamente sulla macchia.
  • Lava periodicamente le fodere: se il divano è sfoderabile, almeno un paio di volte all’anno rimuovi completamente il rivestimento e lavalo in lavatrice. Per non rovinare i colori, meglio preferire un lavaggio a bassa temperatura, non superiore ai 30°.
  • Attenzione ai “pallini”: il pilling è un processo fisico piuttosto comune per il tessuto; la rottura parziale dei fili porta infatti alla formazione di antiestetiche palline in superficie. Per rimuoverle puoi usare un apposito dispositivo a batteria.

I divani in tessuto non possono mancare in casa: ora che conosci tutte le caratteristiche, inizia subito a cercarne uno!