letti giapponesi

Indice

  • Letti giapponesi: la cultura del riposo
  • Il futon in versione occidentale

Dal futon, al tatami ai letti giapponesi. E’ sempre più diffusa la tendenza di arredare la zona notte in stile orientale, tra comfort e semplicità in nome della “cultura del riposo”. Scopri di più e lasciatevi ispirare dai consigli di stile e dai modelli di Westwing.

Letti giapponesi: la cultura del riposo

Il riposo è fondamentale per il nostro benessere fisico e psicologico. Basta pensare che in media gli essere umani trascorrono un terzo della loro vita dormendo per rendersi conto dell’importanza dell’importanza del comfort e della accoglienza della zona notte di una casa. In alcuni paesi esiste una vera e propria “cultura del riposo”, anche se l’arredamento delle camere da letto è molto diverso dal nostro.

In Giappone, ad esempio, il letto come manufatto non esiste, ma troviamo dei futon (materassi di cotone) che vengono appoggiati sul pavimento costituito da tatami (pannelli in paglia intrecciata). Il modello giapponese è sempre più apprezzato e riproposto anche nelle camere da letto occidentali con qualche significativa variazione. I letti giapponesi di stampo occidentale conservano la cornice in legno e al posto del tatami presentano doghe leggere e funzionali e più adatte a sostenere un vero materasso che non viene sostituito dal nipponico futon. Il letto non ha elementi metallici e rimanda alla natura e alla semplicità. I letti giapponesi portano un po’ d’oriente nelle nostre case e arredano la camera da letto in modo semplice e efficace.

futon

Il futon in versione occidentale

Oltre ai letti giapponesi, c’è anche chi opta per il vero futon. E’ un prodotto biologico, composto da materiali naturali e la sua conformazione si adatta al peso del corpo sdraiato, prendendo la forma delle normali curvature della colonna vertrebrale, garantendo il massimo del comfort e del relax. Il classico futon ha uno spessore di circa 10 centimetri ed è arrotolabile: si dispiega sul pavimento nelle ore notturne e si “ritira” la mattina seguente, lasciano spazio libero nella stanza. L’uso occidentale è ovviamente diverso e il futon è “fisso” come un materasso tradizionale.

I letti giapponesi, che siano provvisti di futon o materasso in lattice, necessitano di una cura e una manutenzione particolare. Si consiglia di lasciare aerare il futon al sole almeno tre volte alla settimana per dissipare l’umidità e riassettare il cotone. In alternativa potete “asciugare” il futon con un apposito “fon” che soffia aria calda al suo interno, evitando l’insoregere di muffa e cattivo odore.

Sfoglia le nostre guide dedicate ai letti per consigli di stile e informazioni utili che ti aiuteranno a scegliere l’opzione più adatta alle tue esigenze e allo stile della tua stanza!