scrivania smart working

Indice

  • Scrivania per smart working: come scegliere
  • I modelli
  • Posizione e illuminazione
  • Completa il look!

La nuova “normalità” di questi ultimi anni ci ha portato a lavorare anche fra le mura domestiche. Per molti, però, l’home office è semplicemente un piccolo angolo ufficio sul tavolo della cucina. Se ti sei stancato di lavorare così, forse è arrivato il momento di fare un piccolo passo avanti e acquistare una scrivania per lo smart working. Ti accompagneremo per mano nella scelta, scoprendo i diversi modelli a disposizione.

Scrivania per smart working: come scegliere

Scegliere la scrivania per lo smart working significa fare i conti sia con il tipo di lavoro che fai sia con le esigenze di spazio in casa. Insomma, non è così semplice scegliere il giusto modello perché sono davvero molti i fattori da tenere in considerazione.

Dimensioni

Il primo aspetto da valutare quando si cerca una scrivania è lo spazio che si ha a disposizione. Inutile esagerare con le dimensioni quando l’home office sarà destinato a un piccolo angolo della casa. Metro alla mano, cerca di capire dove vorresti posizionare la scrivania e quanti centimetri potrai sfruttare per la superficie di lavoro. Tieni però presente che la larghezza della scrivania non dovrebbe mai essere inferiore agli 80 cm, mentre la profondità deve necessariamente partire da 60 cm.

Materiali e colori

Stabilite le misure massime che dovrà avere la tua scrivania per lo smart working, dovrai passare ai materiali e ai colori. La scelta dipende dal tuo gusto personale e dallo stile d’arredo prevalente in casa. Qui di seguito trovi due macro categorie, perfette per avere una visione d’insieme. 

  1. Scrivania in legno: è la scrivania per antonomasia, che però può poi essere realizzata in stili molto diversi fra loro. Bianca e decapata per una casa shabby; semplice e senza fronzoli per una casa ispirata al minimalismo nordico; intarsiata e con cassetti per una casa in stile classico; con gambe fini e oblique per una casa vintage.
  2. Scrivania in metallo e legno: la struttura in metallo (nero o colorato) si accompagna a un piano da lavoro in legno, in essenza sia chiara che scura. Questo è il perfetto accostamento in una casa che si ispira al mondo industriale, in cui la commistione dei due materiali è un vero e proprio tratto distintivo.

Quanto ai colori, scegli essenze chiare per case in stile scandinavo, moderno o nordico; opta per essenze più scure per case in stile industrial o classiche; scegli una scrivania nera per una casa glamour e opta per il bianco, il beige o il panna per case romantiche e boho chic.

scrivania smart working

I modelli

Esistono tantissimi modelli di scrivanie per lo smart working. E quando le possibilità sono molte, non è poi così facile fare scelta giusta. Ma prova a concentrarti: qual è la tipologia che ti piace di più e che va incontro alle tue esigenze di spazio?

Scrivanie per PC

Passano dall’essere molto semplici ad essere mega elaborate. Se lavori con un semplice PC portatile ti sarà sufficiente una scrivania senza troppi fronzoli: scegline una lineare, con piano di lavoro sgombro da ripiani o cassetti. Se invece hai un PC fisso o, magari, il tuo portatile è collegato a uno o più schermi ed è dotato di tastiera esterna, potresti scegliere scrivanie dotate di diversi piani di lavoro sfalsati in altezza.

Scrivania con libreria

Si tratta del modello perfetto per chi deve consultare libri mentre lavora. Oltre al piano di lavoro su cui sarà adagiato il PC ed eventuali strumenti, la scrivania è dotata anche di particolari ripiani (laterali, frontali o al posto delle gambe) dove riporre volumi e attrezzi del mestiere.

Consolle allungabile

Si tratta di una soluzione indicata per chi non lavora sempre da casa. Siamo di fronte a un mobile a consolle che, all’occorrenza, può essere allungato e diventare una comoda scrivania per lo smart working, perfetta soprattutto per chi non ha troppe esigenze di spazio. Una volta terminato il lavoro, diventa un mobile o un utile piano d’appoggio.

scrivania smart working

Posizione e illuminazione

Per lavorare bene la luce è importante, anche quella che entra naturalmente dalle finestre. Il principio è semplice: la luce naturale non deve mai colpire lo schermo del PC. Di conseguenza dovresti posizionare la scrivania perpendicolarmente alla finestra, senza averla né alle spalle né di fronte, per evitare di avere i raggi solari sul viso.

Nei giorni bui, inoltre, la postazione di lavoro deve essere opportunamente illuminata: e se non c’è la possibilità di avere una luce diffusa centrale a soffitto, puoi optare sia per una lampada da terra a braccio lungo che per una lampada da scrivania che diffonda la luce il più uniformemente possibile.

Completa il look!

Una postazione da lavoro deve essere fornita di tutto ciò che può essere utile allo svolgimento della propria attività. Ecco un elenco di must have.

  • Sedia ergonomica: è fondamentale per evitare posture scorrette che, alla lunga, possono causare problemi alla schiena
  • Organizer: da quelli per cassetti ai modelli da posizionare direttamente sulla scrivania, sono fondamentali per evitare il disordine
  • Una pianta: la scrivania deve essere anche un luogo piacevole. Personalizzala e rendila più tua con una piccola pianta in vaso, che rallegrerà sicuramente l’ambiente

Vuoi trovare la scrivania per lo smart working che meglio si adatta all’arredamento e agli spazi della tua casa? Dai un’occhiata alla categoria “Scrivanie” e lasciati ispirare dalle nostre proposte!