Donald Robertson x Westwing Collection: Manca 1 Giorno al Lancio!

Color ametista

Ci sono colori che catturano lo sguardo come una pietra preziosa. È il caso del viola ametista, colore-gioiello che sa valorizzare ogni ambiente della casa. Non si finirebbe mai di ammirarlo, eppure non si tratta di un colore invadente, anzi: la sua forza coincide proprio con l’adattabilità che supera ogni aspettativa. Vediamo qualche consiglio per usare al meglio il color ametista, dalla camera alla cucina.

Caratteristiche del viola ametista

Il color ametista prende il nome dall’omonima varietà di quarzo, impiegato fin dai tempi antichi per la fabbricazione di coppe e gioielli. I cristalli di ametista si nascondono all’interno di geodi, cavità interne alla roccia rivestite da formazioni cristalline. Per l’ametista, le sfumature variano dal lilla molto tenue, fino al viola molto scuro: l’esposizione prolungata alla luce, però, può causarne lo scolorimento, facendo virare i cristalli verso tonalità bruno-giallastre. Oltre a essere molto scenografica, l’ametista è una pietra dai tanti significati, spesso associata ai concetti di spiritualità e di forza. Gli antichi Greci ritenevano che potesse proteggere dall’oblio causato dall’alcool, come conferma l’etimologia del nome.

Suggerimenti:

Pareti color ametista? Perché no!

Il viola non è il primo colore che viene in mente per tinteggiare la casa: la sua personalità molto decisa, infatti, può scoraggiare chi ama le scelte d’arredo discrete. Usare l’ametista per verniciare le pareti di casa, in realtà, è più facile di quanto si possa pensare: basta scegliere una gradazione chiara, non troppo distante da nuance tenui come il lavanda o il glicine. Proprio come queste, una finitura color ametista è ideale per un ambiente arredato in stile provenzale o shabby. Puntando su una tonalità grigiastra, potrai affrontare senza problemi anche la decorazione di interni in stile contemporaneo. Più impegnativo il viola intenso e brillante: meglio spezzarlo con altri colori – scegliendo la carta da parati giusta – o riservarlo alle ambientazioni più glamour, senza un dettaglio fuori posto.

Idee per ogni stanza della casa

Non hai intenzione di ritinteggiare le stanze? Nessun problema: basta qualche tocco di stile per dare nuova vita agli interni.

  1. Camera da letto

    Vorresti fare il pieno di colore in camera, senza ottenere un effetto troppo stucchevole? L’ametista può fare al caso tuo. Prova ad abbinarlo ad altre tonalità di viola – giocando coi tessili, i comodini, la testiera del letto o le decorazioni – ed elementi color marrone e grigio.  

  2. Cucina

    La cucina colorata rischia di annoiare? Difficile che accada col viola ametista: l’importante è non puntare su una nuance troppo accesa. Rispetto a tonalità come il porpora o il melanzana, questa nuance è molto più semplice da ambientare: in una cucina con parquet in legno, o abbinata a rivestimenti dal look più moderno. Ancora più facile è puntare sugli accessori: anche i più piccoli – stoviglie incluse – sapranno farsi notare.

  3. Soggiorno

    Sei un fan dello stile eclettico? Se sì, ti consigliamo di affidarti al color ametista per la decorazione delle pareti (e non solo). Questa sfumatura di tendenza è ideale per sposare arredi retro chic – come una poltroncina lavorata con gambe mosse – a pezzi in stile contemporaneo, come un coffee table a specchio.

  4. Cameretta

    Come dicevamo, l’ametista è declinabile anche in versione pastello: è l’opzione perfetta per la camera delle ragazze, spaziando dai mobili laccati, al tappeto, fino agli accessori come lampade e copriletto.

Come abbinare il color ametista

Serve qualche spunto per arricchire la palette? Prendi nota di queste combinazioni!

Bianco

Il bianco è ideale per esaltare il color ametista, offrendo uno sfondo neutro a tessili, piccoli arredi e accessori selezionati. Per rendere l’effetto più ricercato di consigliamo di puntare sul bianco off white e su nuance che sfumano nel grigio chiaro.

Oro e argento

L’ametista richiama i bagliori e le trasparenze di un cristallo prezioso: sarà per questo che il suo fascino raddoppia in combinazione con gli arredi dorati. Un pouf color ametista, abbinato a un tavolino con ripiano in vetro e gambe dorate, può aggiungere un tocco inequivocabilmente chic al living.

Il colore ametista si sposa superbamente anche con le finiture argentee. Non necessariamente deve trattarsi di complementi esclusivi, come portacandele antichi e simili: anche superfici dall’aspetto moderno, come l’acciaio, fanno ben risaltare questa sfumatura di viola.

Verde salvia

Vuoi creare un contrasto intenso e armonioso col color ametista? L’ideale è puntare su tinte complementari, ossia sui toni del verde. Fra le tonalità più azzeccate c’è il color salvia, neutro e facile da abbinare. Fascinose anche le nuance che ricordano le cosiddette olivine – per rimanere in tema di cristalli –, minerali caratterizzati da una colorazione variabile (in base al contenuto di ferro) che spazia dal giallo chiaro al verde oliva e verde scuro.

Color cioccolato

Viola e marrone sono una combinazione di indubbia eleganza. Nel caso del viola ametista, funziona molto bene anche l’accostamento col cioccolato e con altre tonalità scure come il testa di moro: senza tralasciare le sfumature chiare come il nocciola o il beige.

Verde smeraldo

Restiamo in tema di pietre per suggerirti un altro abbinamento top: quello col verde smeraldo, in alternativa alle tonalità di verde già citate. Puoi valutare anche le varie sfumature di verde agata, per una casa ispirata alla bellezza di un gioiello!

Stai ancora cercando la sfumatura di viola perfetta per la tua casa? Leggi la nostra guida al “Colore viola” e lasciati ispirare da tanti consigli creativi e idee di stile!