color bronzo

Una casa vintage può essere sofisticata ed elegante? Certamente sì, a patto che si scelga la giusta palette di colori. In una casa di questo tipo è il color bronzo a interpretare il ruolo da protagonista: la tonalità è tornata prepotentemente di moda e, complici le sfumature materiche a cui dà vita, è perfetta per pennellare pareti, arredi, tessili e decorazioni. E allora scopri subito come usarlo in casa per dar vita a un ambiente equilibrato, gradevole e – ovviamente – di classe.

Le diverse sfumature del color bronzo

Parlare del color bronzo significa entrare in un universo fatto di diverse sfumature. Così come accade per il tortora (con cui si abbina meravigliosamente) anche il bronzo è infatti identificato da una palette che, dalle tonalità più chiare e luminose, arriva a quelle più scure e persistenti. Usato fin dall’antichità (non a caso esiste l’età del bronzo) per la fattura di attrezzi e armi, dopo la scoperta del ferro questo metallo venne poi utilizzato solo per la realizzazione di decorazioni e oggetti di pregio: non deve quindi stupire che oggi la tonalità sia sinonimo di eleganza e classe.

Partiamo dal colore base che, identificato dal Codice RGB 205, 127, 50, è composto da una particolare miscela di rosso, verde e blu. Da questa tonalità, a metà tra l’arancio e il rame, partono tutte le diverse declinazioni del colore che, dalla prima all’ultima, possono trovar posto i casa su arredi, rivestimenti e pareti.

  • Bronzo scuro: caldo e avvolgente, è la gradazione più scura della tonalità che, avvicinandosi al marrone, conserva intatta la lucentezza tipica del metallo.
  • Bronzo antico: perfetto per chi ama le tonalità mat, oggi tornate di tendenza. Alla vista appare ossidato: l’effetto disomogeneo lo rende particolarmente adatto agli ambienti industrial ma chic.
  • Bronzo dorato: una punta di giallo lo rende la tonalità perfetta per gli ambienti di classe che puntano alla luminosità. L’effetto metallico regala grandi emozioni nell’area living della casa.
  • Bronzo metallizzato: una tonalità cangiante e particolare che impreziosisce gli ambienti regalando un tocco sopra le righe, ma comunque chic. Si tratta della tonalità perfetta per una casa retrò.

Come usare il color bronzo in casa

Usare il color bronzo in casa per dar vita ad ambienti tanto eleganti quanto accoglienti. Benché la tonalità derivi da un materiale metallico, il bronzo è infatti considerato un colore caldo che, se usato in modo sapiente, contribuisce a realizzare spazi particolarmente ospitali. E allora dimentica l’algida eleganza classica per dare il benvenuto a una finezza avvolgente, che ti farà sentire finalmente a casa.

Soggiorno

Il soggiorno è la parte più viva della casa, quella in cui ci si rilassa e si ricevono gli ospiti. E il color bronzo, nelle sue tonalità più chiare, è perfetto per rendere particolarmente gradevole questa parte della tua casa. Qui la tonalità potrà tinteggiare i complementi d’arredo come tavoli e tavolini, far capolino sulle sedie o addirittura troneggiare sui rivestimenti del divano. Se invece desideri dosare maggiormente il colore, affidalo senza indugi alle decorazioni, che daranno un tocco di ricercata eleganza alla stanza. Dalle cornici color bronzo alle lampade, l’intero ambiente risulterà più luminoso senza essere troppo invadente.

Cucina

Anche nelle sue tonalità più scure e opache, il color bronzo è perfetto per rivestire i mobili della cucina e il piano cottura: l’effetto anticato starà divinamente in un ambiente che, pur ispirandosi al mondo industrial, non dimentica l’eleganza e la classe per diventare una stanza quasi bohemienne. Alle pareti, invece, opta per le piastrelle diamantate bianche, che creeranno un contrasto dinamico in tutta la stanza.

Camera da letto

La stanza che meglio accoglie i cromatismi del bronzo è sicuramente la camera da letto: qui potrai usare la gradazione che più ti piace per rendere l’ambiente avvolgente e rilassante allo stesso tempo. Dalle pareti alle decorazioni, dai profili dei mobili fino alle applique ai lati del letto, il color bronzo sarà divino sulla struttura del letto, rigorosamente metallica. Sarà poi opportuno alleggerire l’atmosfera con tessili chiari, così da rendere arioso l’intero ambiente.

Bagno

In bagno il color bronzo sarà perfetto per pennellare tutto ciò che è metallico: i profili degli specchi, la rubinetteria, le maniglie dei mobili, il porta sapone e il porta spazzolini. Scegli la gradazione che più si avvicina alla tua personalità e opta per il bronzo dorato qualora tu voglia dar vita a un bagno prezioso e accogliente allo stesso tempo. Il tocco d’autore? Se la metratura lo consente, scegli una vasca freestanding color bronzo da posizionare in mezzo alla stanza.

Suggerimenti:

Pareti e rivestimenti color bronzo

Non solo arredi e decorazioni: il color bronzo è un’ottima tonalità anche per i rivestimenti. Le sue innumerevoli gradazioni, se abbinate correttamente, sono perfette anche su più pareti: l’effetto sarà particolarmente piacevole perché, oltre a essere dinamico e materico, contribuirà a rendere più calde e luminose le stanze. Qualora si opti per rivestimenti e pareti color bronzo, sarà però opportuno scegliere un arredamento più minimalista così da non appesantire troppo l’ambiente.

Per ottenere il color bronzo da destinare alle pareti dovrai miscelare correttamente i colori di cui è composto. In particolare, la tonalità base è composta dall’80.39% di rosso, il 49.8% di verde e il 19.61% di blu. Per le varie gradazioni e tonalità del colore principale è necessario mixare i colori in proporzioni diverse: il bronzo dorato, ad esempio, si arricchisce di intense sfumature di giallo per apparire più luminoso e tendente all’oro. Se cerchi una gradazione particolare, quindi, il consiglio è quello di affidarti ad esperti di settore che, con miscelatori meccanici, riusciranno a ottenere la tonalità che desideri con pochissimo margine di errore.

Qual è la combinazione cromatica perfetta per la tua casa e per il tuo stile d’arredo? Per non fare errori, dai un’occhiata alle nostre guide sugli abbinamenti dei colori.