Divano indaco e tavolino in marmo nero

L’indaco è un colore introspettivo e intenso, che invita alla meditazione e al relax. Non pensare che sia complicato da utilizzare, perché in realtà è molto versatile e facilmente utilizzabile in tutta la casa. Scopri come nella nostra guida al colore indaco.

Come si ottiene il color indaco

L’indaco è un colore molto antico, una tinta vegetale che prende il nome da una pianta originaria dell’India. È una sfumatura a metà tra l’azzurro e il violetto che si ottiene mescolando in parti uguali il ciano e il magenta.

Lo inseriamo nella categoria dei colori freddi ma è un colore che permette, come tutta la famiglia dei viola, di ottenere ambienti molto accoglienti, eleganti e rilassanti, dove dedicarti al relax, alla meditazione, al lavoro e allo studio.

È anche un colore molto versatile, che ben si adatta a diversi stili, da quelli più classici e opulenti, a quelli contemporanei ed essenziali. Puoi usarlo partendo solo con piccoli tocchi, per tessili e accessori, fino a dipingere le pareti. Vediamo insieme come usare il colore indaco in tutta la casa.

Una casa color indaco

Le possibilità di abbinamenti con il colore indaco sono davvero tante, dalle tonalità neutre e chiare, a quelle più scure e sature, fino a inaspettate combinazioni con colori più brillanti.
Per creare accostamenti cromatici perfetti con l’indaco, prima devi valutare in quale ambiente inserire questa tonalità.

Soggiorno

In zona giorno il colore indaco può essere utilizzato sia con l’arredamento moderno che classico. In un soggiorno classico puoi battezzare solo una parete (ad esempio, quella dietro il divano) e dipingerla in questa tonalità. Se vuoi dare un tocco ancora più originale, miscela una pittura glitterata alla base indaco per dare un effetto scintillante e prezioso.

In un soggiorno moderno puoi invertire i contrasti: dipingi le pareti in una nuance neutra e luminosa e acquista un divano o poltrone color indaco, oggetti di design, il tavolino o la libreria.

Cucina

Anche in cucina puoi scegliere l’indaco per i mobili, o, se è bianca o in colori neutri e vuoi spezzare la monotonia del monocromatico, puoi acquistare solo un pezzo di questo colore: un frigorifero, un mobile, i tendaggi, le imbottiture delle sedie.

L’indaco si sposa bene con il legno in una cucina in stile rustico. Evita invece materiali lucidi e freddi.

Camera da letto

L’indaco è un colore rilassante e molto adatto a essere usato in camera da letto. Come tonalità per le pareti, puoi usarlo per enfatizzare quella dietro la testiera del letto. In alternativa, se non vuoi eccedere, punta sui complementi e sui tessili, in nuance con altre sfumature di viola chiaro, come il lilla, il lavanda o il malva, o puntare sugli azzurri e i blu. Se ti piace il fai da te, prova a ridipingere una cassettiera o i comodini in questa sfumatura, per un effetto shabby e provenzale.

Camera dei bambini

Questo colore è molto adatto anche per le camerette, perché è allo stesso tempo creativo e tranquillizzante. Abbinalo a mobili in legno e dai colori chiari, come tonalità principale per una carta da parati divertente o per realizzare disegni sulla parete aiutandoti con degli stencil. Dipingi la scrivania o la libreria dei più piccoli per rinfrescare una cameretta un po’ monotona senza dover acquistare mobili nuovi.

Bagno

Rendi il bagno un luogo chic e distensivo con l’indaco, ad esempio scegliendolo per i rivestimenti, come le mattonelle per il pavimento, oppure per dipingere una boiserie lungo le pareti. Usalo solo per alcuni dettagli, come il mobiletto del lavandino o la tenda della doccia o, ancora, la cornice dello specchio.

Studio

I viola sono tra le nostre tonalità preferite per l’angolo studio in casa. In questo ambiente puoi optare per la sfumatura più scura di indaco, sia per una parete (ma a patto che la stanza sia sufficientemente luminosa) che per gli arredi. Basta una comoda poltroncina in questa tonalità per stimolare il raccoglimento e la concentrazione. E cosa ne pensi di un lampadario di cristallo in tante nuance di viola?

Abbinamenti e stili di arredo

L’indaco si abbina molto bene sia con tonalità neutre che altre più intense, e ti permette di creare combinazioni d’effetto, anche a seconda dello stile di arredo che hai scelto. Le nostre preferite sono:

  • Moderno e minimal: con il bianco e il nero;
  • Industriale: con toni caldi e terrosi, la pietra e il ferro battuto;
  • Etnico: con legni scuri e mogano, colori naturali come il corda e il beige, tappetti intrecciati e decorazioni di specchietti e frange;
  • Nordico: con colori naturali e delicati, sfumature calde del legno, il senape, i metalli;
  • Classico: con il bianco e l’avorio, l’azzurro e il rosa cipria;
  • Vintage Anni Settanta: con l’arancione, il giallo o il fucsia.

Vuoi conoscere tutti i segreti del colore e iniziare ad arredare la tua casa con le tonalità che più ti piacciono? Scopri le sfumature per ogni stile nella sezione “Colori e abbinamenti“.

banner arredamento