Donald Robertson x Westwing Collection: Manca 1 Giorno al Lancio!

Pareti bianche

La parete bianca è quasi come una camicia immacolata: classica, senza tempo, sta bene con tutto e non passa mai di moda. Le pareti bianche sono adatte praticamente a tutti gli stili di arredamento, ma se dovessimo scegliere quelli in cui sono un vero must, ne abbiamo individuati sette. Leggi come ricrearli a partire proprio da una parete bianca.

1. Stile scandinavo

Arredare in stile scandinavo crea ambienti accoglienti e luminosi, semplici ma ricercati, e naturalmente le pareti bianche sono ben accolte nelle atmosfere nordiche, anzi, ne sono proprio la base.

Per ricreare questo stile, dopo aver dipinto le pareti in bianco, scegli una palette di fondo di colori chiarissimi, luminosi e neutri (beige, tortora e grigio chiaro) che completerai scaldando con i complementi, dai tessuti (lana, pelliccia) e dai (pochi) accessori, da utilizzare per creare contrasto con la palette di base, aggiungendo dettagli neri o pastello o anche in colori più accesi (blu, giallo), ma sempre ben dosati. I mobili saranno altrettanto semplici ma dalle linee morbide. Tutto è funzionale e ogni oggetto decorativo dev’essere lineare, pulito e ridotto all’essenziale.

2. Look glamour

Lo stile glamour riprende da quello classico il gusto per l’arredamento elegante e soprattutto di alta qualità, senza lesinare nelle decorazioni e negli accessori. È però allo stesso tempo uno stile che vive nella contemporaneità perché preferisce linee e finiture moderne. Colori e materiali sono di lusso: tessuti e materiali che vanno dal velluto al cristallo alla pelle, colori che vanno dalla gamma dei viola ai rossi al nero e il blu notte, e finiture soprattutto lucide e glossy.

All’interno dello stile glamour la parete bianca fa da quinta teatrale a quello che vorrai mettere in scena: uno specchio con una cornice preziosa, magari dorata, un tappeto di lusso, un lampadario chic e importante in cristallo, ma anche una tenda in velluto o un imbottito in tessuto capitonné in un colore a contrasto, come il viola o il porpora.

3. Arredamento shabby chic

Shabby significa letteralmente “consumato”, e, accostato a “chic” ci racconta uno stile che recupera dal passato e non ha paura dei segni del tempo, però non sceglie arredi e decorazioni a caso, ma in modo molto studiato, per evitare un effetto stucchevole. Lo shabby è uno stile romantico che ha tra le sue sfumature d’elezione prima di tutte proprio il bianco, che in questo caso si abbina ai beige, al sabbia, al tortora e il greige e ai colori pastello.

Oggi l’arredamento shabby chic si realizza con mobili in legno di recupero, oppure nuovi, ma in cui il legno dipinto viene carteggiato solo in alcuni per realizzare l’effetto “invecchiato ma con eleganza”. In un ambiente shabby non devono poi mancare pezzi unici e decorazioni recuperate ai mercatini dell’antiquariato.

4. Global coastal

Rilassato, estivo, luminoso e allegro: il global coastal è quello stile che porta l’estate e la spiaggia in casa. Anche per realizzare questo stile devi inserire nella tua palette numerosi barattoli di vernice bianca, combinata ai colori della sabbia, del cielo e del mare: gli azzurri e i blu, i neutri caldi, il color corda, i verdi legati al mare, come il verde acqua. Affidati a materiali naturali, cotone, lino e iuta su tutti e ricordati che per realizzare questo stile non è necessario riempire poi la casa con decorazioni a tema nautico, per non sfociare nello stile marinaro, che con il coastal ha in comune colori e atmosfere, ma è molto più “esplicitamente” marino.

5. Stile country

Anche se vivi in un appartamento di città, puoi ricreare l’atmosfera accogliente di un casolare di campagna grazie allo stile country. Le pareti bianche in questo stile servono soprattutto a illuminare ambienti in cui prevalgono mobili in legno, vintage e rustici, che potrebbero risultare un po’ impegnativi e sacrificarne la luminosità. Completa con altri colori delicati, ad esempio altri bianchi più caldi (avorio e crema) ma anche colori chiari come il verde menta o il giallo pastello. Se vuoi trasportare il country all’interno di uno spazio più moderno, puoi abbinare a dettagli più classici mobili e decorazioni di design. Perfetti gli elementi strutturali lasciati a vista, come i mattoni o le travi del soffitto (anche questi, se ti piace l’idea, possono essere ridipinti di bianco).

6. Look boho chic

Lo stile boho chic è di sicuro uno degli stili più liberi e creativi, in cui puoi davvero mixare mobili molto diversi tra loro, stratificare materiali, colori, texture e pattern. Quindi la parete bianca diventa anche qui una vera e propria tela a cui contrapporre molti altri colori: dai neutri e caldi che richiamano la terra, il beige e il marrone o accenti brillanti e preziosi in verde, blu, viola, rosso e giallo. Abbonda con le decorazioni (frange, specchietti, piume…), con i materiali naturali come il vimini e il rattan, la canapa e il cotone, e anche con tutti i metalli, oro, argento e ottone, rame e platino. Non dimenticare poi un tappeto di cotone colorato, pezzi unici o hand-made scovati ai mercatini e i souvenir dei tuoi viaggi che spingeranno il boho verso un’atmosfera più etnica.

7. Stile zen

Lo stile zen giapponese ha l’obiettivo di creare ambienti in cui dedicarsi alla mediazione e a ritrovare la pace interiore allontanando lo stress e le preoccupazioni del quotidiano. I colori neutri formano la base di questo stile e di questa filosofia, e il bianco la fa da padrone. Davanti alle pareti bianche dovrai porre mobili semplici e lineari, con decorazioni ridotte al minimo e materiali che provengono dalla natura: la pietra, il cotone, il lino, il legno e il bambù. Molto importante per ricreare questo stile è l’elemento naturale, quindi sì alle piante in vaso e alle grandi aperture sugli spazi esterni verdi, per godere al massimo della luce naturale. Ricordati che lo stile zen è fatto di pieni e vuoti, che hanno la stessa importanza: quindi non sovraccaricare lo spazio con troppi arredi, ma scegli solo l’essenziale.

Non di solo bianco vive l’arredamento! Se ti incuriosisce l’idea di dipingere casa anche con altre tonalità, non puoi che dare un’occhiata alla guida “Pareti colorate”.