Romantico senza essere infantile, moderno ma con un’anima Anni Cinquanta: il rosa baby è una sfumatura dalle mille sfaccettature. Lo sappiamo a cosa stai pensando: pensi che sia troppo “da donna”? Vedrai come cambierai idea dopo aver letto la nostra guida all’arredamento rosa baby.

Le caratteristiche del rosa baby

Associato ad atmosfere femminili, il rosa fa ancora fatica a conquistare un posto d’onore nell’interior design, e la sfumatura di cui parliamo oggi, il rosa baby (o baby pink), non fa eccezione. Nasce come versione meno leziosa del rosa, più moderna e leggermente più intensa e comunica un effetto più rock rispetto all’allure di innocenza e delicatezza del rosa “puro”.

Anche il rosa baby, nelle sue sfumature più soft e meno sature, può essere usato come colore neutro. In gradazioni più intense può, invece, assumere il ruolo di nota d’accento all’interno di diverse palette, soprattutto quelle formate da colori neutri o da colori freddi. Vediamo insieme come usare il rosa baby in casa senza diventare stucchevoli.

Come utilizzarlo in casa?

Ebbene sì, secondo noi il rosa baby può essere usato in tutte le stanze di casa. Vuoi cogliere la sfida? Prosegui nella lettura!

Cameretta

Non solo per le nursery e per la camera delle bambine, il rosa baby è un colore rilassante che va bene anche per i maschietti. Dipingi una o più pareti di questa sfumatura rilassante e giocosa e abbinalo al grigio, all’azzurro, al blu e al verde: puoi usare decorazioni a tema foresta, una carta da parati con i fenicotteri… O decorare una cameretta neutra con dettagli rosa come stampe, lampade o poltroncine.

Soggiorno

Dicevamo come il rosa baby può essere usato come pennellata di colore all’interno di una palette neutra, ed ecco che diventa un alleato nel rivedere i colori prevalenti in un soggiorno classico. Se hai un arredamento in stile industriale e la tua tavolozza tende ai colori scuri (grigio antracite, nero, marrone) non aver paura di inserire un tocco di rosa baby per i cuscini del divano, una coperta morbida, un oggetto decorativo che sbuchi su una mensola. Rivesti il fondo di una libreria bianca o della parete attrezzata in rosa per un effetto moderno e inaspettato. E che ne dici di una scritta al neon super pop per decorare una parete?

Cucina

Non pensare che la cucina sia un ambiente inadatto al rosa baby e inizia partendo da piccoli dettagli che accendano l’ambiente di colore. Perfetto sia in una cucina moderna dai colori scuri, che in quella classica in legno massiccio o bianca e a prevalenza di neutri. Rivesti l’interno dei pensili, appendi una stampa sulla parete, cambia i cuscini delle sedute intorno al tavolo da pranzo… e poi aggiungi un bel vaso di fiori freschi rosa per l’ultimo tocco. Se poi t’innamori del rosa baby, dipingi una parete o una porzione di parete, simulando una boiserie o dividendo lo spazio lungo la diagonale.

Bagno

Un bagno rosa baby è troppo “da donne”? Decisamente no, se giochi con i contrasti. Un esempio di ristrutturazione di un bagno usando il baby pink? Ai sanitari bianchi cambia la rubinetteria e sceglila nera, rivesti il pavimento con piastrelle a scacchi bianche e nere e dipingi una parete rosa. Ecco pronto il tuo bagno moderno ma dall’ispirazione retro.

Camera da letto

Tessili, tessili, tessili: ecco da dove partire per dare alla tua camera da letto una sferzata di baby pink. Unico consiglio: per evitare l’effetto “camera della nonna”, evita tutte le fantasie floreali, le mantovane alle tende, ruche e pizzi, scegliendo tessuti moderni come la microfibra, il lino, la lana, linee più strutturate e decorazioni lineari e geometriche. Vuoi provare il rosa baby a parete? Una carta da parati in fantasia terrazzo ne smorza l’effetto bon-bon ed è assolutamente alla moda.

Idee per abbinarlo

Avrai già intuito come il rosa baby abbia bisogno di essere accostato a colori all’apparenza lontanissimi per creare un effetto piacevole in casa senza cadere nell’effetto bomboniera. Ecco allora quali sono secondo noi i suoi partner perfetti.

Grigio

In generale, il rosa sta bene con tutti i colori neutri, ma il nostro preferito è di sicuro l’abbinamento con i grigi, da quelli più chiari fino al grigio-nero. L’energia del rosa emerge in tutta la sua potenza a contrasto con il grigio, e ravviva anche ambienti monocromi (e monotoni), creando atmosfere sofisticate. Basta davvero poco: un divano grigio con qualche cuscino in rosa baby, ad esempio. Alla palette formata dal grigio puoi aggiungere un tocco prezioso e glam con dettagli in metallo dorato.

Blu

L’accoppiata rosa e blu è di sicuro vincente. In particolare, a noi piace accostare al rosa baby tutti i blu polverosi, scuri o che abbiano al loro interno una punta di grigio, perché sono quelli che mitigano di più la leziosità del baby pink. Quindi vai sul sicuro con il blu foglia di tè, blu notte, blu di Prussia, ma anche il meditativo indaco.

Nero

Ti piace il vintage Anni Cinquanta? Rosa baby e nero richiamo divertenti atmosfere alla “Happy Days”. Ma se vuoi portare quest’accoppiata dritta ai giorni nostri, aggiungi alla palette dei dettagli metallici, dorati o bronzo. Il baby pink nella sua versione pastello insieme al nero può essere usato anche nell’arredamento in stile scandinavo.

Verde

Rosa chiaro e verde creano un look che richiama la primavera e ricordano i fiori che sbocciano nei prati. Pensando proprio alla natura che esplode di colori, usa una base verde su cui aggiungere dettagli rosa: un bel divano o un copriletto color petrolio o verde foresta con cuscini rosa baby, piastrelle verdi in bagno con mobiletto rosa baby, e così via. Puoi anche dipingere una parete rosa dietro un elemento d’arredo verde che vuoi enfatizzare.

Forse il rosa non è il colore adatto a te, ma non scappare: abbiamo scritto decine di guide su tantissime altre sfumature di colore, ed è impossibile che non trovi quella che fa per te. Sfoglia la sezione “Colori e abbinamenti“!