Bagno padronale

Pulito, efficiente e senza fronzoli: così si presenta di solito il bagno di servizio, riservato anche agli ospiti e, spesso, alla gestione della biancheria. Viceversa, il bagno padronale antepone il comfort alla funzionalità e punta, talvolta, a offrire gli agi di un centro wellness in miniatura. Quali sono le differenze fra i due ambienti e come valorizzarli?

Le differenze

Nelle case dotate di doppi (o tripli) servizi, è normale distinguere tra bagno padronale e bagno secondario: due ambienti che, al di là delle dotazioni abbastanza simili, svolgono funzioni distinte. Il primo corrisponde al bagno principale, comunicante con la camera padronale o situato nelle immediate vicinanze di quest’ultima. Il bagno di servizio, invece, è generalmente destinato agli ospiti e corrisponde al bagno di riserva, spesso attrezzato come lavanderia.

I due ambienti tendono a differenziarsi dal punto di vista dell’arredo bagno, al di là delle inevitabili somiglianze come la presenza del lavabo e del wc. La doccia e il bidet sono facoltativi nel secondo bagno se lo spazio disponibile è poco: la vasca da bagno, a maggior ragione, tende ad essere una prerogativa del bagno padronale, specie se il bagno di servizio deve accogliere anche il lavatoio, la lavatrice e l’eventuale asciugatrice. Al di là di questi aspetti, quali accorgimenti conviene adottare per l’arredo?

Bagno padronale

Nella maggior parte dei casi, il bagno padronale si caratterizza per una metratura più generosa e per un allestimento più curato. Gli spazi ampi – e la collocazione nei pressi della camera principale – ne fanno un ambiente improntato al comfort, intimo e arredato con la massima attenzione. Vediamo come renderlo ancora più piacevole.

Scelta dei sanitari

Se il bagno di servizio è un ambiente perlopiù destinato a funzioni pratiche, il bagno padronale è un piccolo tempio di benessere dove prendersi cura di se stessi e dove indugiare senza fretta. La scelta dei sanitari riflette questa vocazione, come nel caso delle docce wellness dotate di getti idromassaggio. Anche i sanitari sospesi – o a terra filo muro con design minimalista – contribuiscono ad alleggerire l’ambiente e a renderlo più ordinato ed elegante. Se il bagno è grande, puoi valutare l’idea del doppio lavabo e concederti una sontuosa vasca da bagno freestanding, magari con piedini e rubinetteria personalizzati.

Scelta dei colori

Nella maggioranza dei casi, quando si tratta di scegliere i colori del bagno – padronale o di servizio che sia – la scelta ricade sul bianco e sulle tinte chiare. Queste cromie, infatti, contribuiscono a rendere l’ambiente intimo e rilassante. È possibile ottenere un effetto simile anche col legno naturale o coi materiali che ne simulano la texture, come il gres porcellanato, performanti e semplici da gestire. Se ti piacciono i rivestimenti scuri – come le piastrelle antracite e l’effetto lavagna – l’ideale è “smorzarli” con ceramiche chiare. Viceversa, un lavabo color nero opaco si sposerà alla perfezione con un top chiaro o con un pavimento in gres effetto cemento.

Bagno di servizio

Il secondo bagno della casa, o bagno di servizio, svolge in molti casi la funzione di lavanderia ed è destinato, al tempo stesso, all’accoglienza degli ospiti. Oltre a garantire la massima praticità, quindi, deve risultare piacevole dal punto di vista estetico e comodo da utilizzare. Ecco qualche consiglio per coniugare queste due esigenze.

Mobili salvaspazio

Come abbiamo visto, il bagno di servizio è generalmente più piccolo rispetto a quello padronale: di conseguenza, è spesso arredato con mobili salvaspazio per sfruttare ogni centimetro. È il caso, ad esempio, dei lavabi a colonna compatti e dei pensili dall’ingombro ridotto, facili da sistemare anche dove c’è poco spazio fra i sanitari. Un’altra soluzione vantaggiosa sono i mobili portalavabo dotati di cassetti e ripiani dove riporre asciugamani e altri oggetti utili, senza tralasciare i lavabi ad angolo. Se gli arredi sono collocati in posizione ravvicinata, ti consigliamo di evitare gli spigoli e di puntare su mobili dalle linee arrotondate per rendere i movimenti più agevoli.

Se possibile, cerca di ricavare un antibagno per le operazioni di lavaggio della biancheria e per dividere i sanitari dagli elettrodomestici e dagli armadi a muro.

Grandi specchi e colori chiari

Per migliorare la percezione dello spazio puoi ricorrere a vari stratagemmi. Oltre a scegliere mobili poco ingombranti, puoi installare ampi specchi per espandere l’ambiente dal punto di vista ottico. Oltre a far sembrare il bagno più grande, questo accorgimento servirà a renderlo più luminoso. Quanto alla scelta dei colori, l’ideale per il bagno di servizio è puntare su una palette soft, incentrata sulle tinte pastello e sulle variazioni del bianco. Se il total white ti sembra troppo freddo puoi sostituirlo con un azzurro tenue o creare un contrasto con la pavimentazione o con inserti di piastrelle decorate. Non sottovalutare, infine, l’importanza dell’illuminazione: oltre alla classica plafoniera, indicata per gli ambienti di piccole dimensioni, puoi attrezzare il bagno con faretti e barre led per renderlo più bello e pratico da vivere.

Sei in cerca di altre idee per dare un nuovo look al tuo bagno? Lasciati ispirare dai nostri articoli nella sezione dedicata e realizza un’ambiente che rispecchi il tuo stile!