camera da letto zen

Vuoi trasformare il tuo angolo di riposo in un silenzioso e accogliente rifugio orientale? Scegli la bellezza essenziale di una camera da letto zen: in un attimo potrai lasciare fuori dalla porta tutto lo stress della giornata e goderti il meritato relax. Realizza insieme a noi il tuo angolo di tranquillità con la nostra guida alla camera da letto zen.

Zen come filosofia di vita

Con il termine Zen ci si riferisce a un insieme di scuole buddhiste giapponesi che nascono da antiche congregazioni cinesi. Nel 1230, nella periferia di Kyoto, inizia a diffondersi il Buddhismo Zen di derivazione cinese, influenzando tradizioni e comportamenti della società nipponica.

Le basi della filosofia zen sono la pratica della meditazione e la ricerca dell’Illuminazione profonda, intesa come conoscenza assoluta e meta finale del Buddhismo. Più che una religione, è una vera e propria filosofia di vita.

Per meditare e riflettere profondamente è importante creare intorno a sé uno spazio adeguato: dall’abbigliamento, che deve essere essenziale, agli ambienti, che devono essere liberati da oggetti non necessari, semplici e spogli. Questo perché la mente non deve essere distratta dal superfluo e permettere la concentrazione assoluta. Per questo lo Zen può essere felicemente applicato anche all’arredamento, per creare ambienti minimal e di grande stile.

È una scelta perfetta soprattutto per la stanza più intima di casa, la camera da letto, grazie alla sua capacità di creare un’atmosfera di assoluto relax e un ambiente dedicato alla meditazione. Una camera da letto zen concilia il sonno e permette di iniziare la giornata con l’energia necessaria ad affrontare ogni impegno. Vediamo insieme come realizzarla.

Come arredare una camera da letto zen

Le parole chiave per ricreare al meglio una camera da letto zen, in perfetto stile nipponico, sono sicuramente essenzialità, ordine e armonia. La purezza delle forme e i colori che si fondono alla perfezione sono ricercati in ogni sua parte, per un risultato che distende al meglio anima e corpo. Vediamo cosa non deve mancare nell’arredamento di una camera da letto zen.

Colori e materiali

I colori della camera da letto zen sono ispirati alla natura: tinte neutre e rilassanti, colori luminosi come beige e grigio chiaro. Parti sempre da una base bianca, anche in un tono caldo e sporcato da una punta di giallo, come l’avorio. Scalda il tutto con qualche colore della terra, come il marrone o l’arancione

Altrettanto riuscito è il classico abbinamento bianco e nero, che rimanda allo Yin e Yang, concetto della religione tradizionale cinese legato alla dualità del giorno e della notte. Evita, invece, tinte troppo brillanti e accese.
Anche i materiali di una camera zen derivano dalla natura: scegli mobili e accessori in legno, nelle sue tinte più chiare e naturali, il bambù, e fibre naturali per tende e lenzuola. Banditi, invece, i metalli, le superfici lucide e tutto quello che non deriva dalla natura (prima di tutto, la plastica).

Letto

Il centro di questa stanza è il letto: la scelta migliore è il classico letto giapponese con la struttura in legno, senza bordi e testiera. In alternativa, la perfetta camera zen avrà al centro il tradizionale Futon, il materasso giapponese in cotone che si stende direttamente su una stuoia poggiata a terra.

Separé

Lo shoji è il tradizionale separé giapponese di legno e carta di riso, utilizzato di solito in appartamenti molto piccoli per creare una zona di privacy dove stendere il Futon. Nella tua camera tradizionale zen può diventare un elegante elemento decorativo accanto al letto o di fronte all’armadio.

Armadio a muro

L’armadio perfetto per la camera da letto zen è il classico armadio a muro con le ante scorrevoli in stile shoji, abbinato al separé. All’interno ha una griglia di legno su cui viene installato un rivestimento di carta di riso o tessuto. Abbina l’armadio a cassettiere, comodini, e l’immancabile lampada in carta di riso per dare l’ultimo tocco giapponese alla tua camera da letto.

Suggerimenti:

Il minimo indispensabile

Se la parola chiave della filosofia zen è essenzialità, questa deve essere mantenuta anche nelle decorazioni. Vediamo come decorare una camera da letto zen.

Gioca con pieni e vuoti

Una camera da letto in stile zen è arredata dai pieni come dai vuoti: non riempirla di oggetti, ma, al contrario, procedi per sottrazione, lasciando uno spazio libero per la meditazione e lo yoga.
Linee semplici e squadrate accomuneranno tutto il mobilio, per ricreare al meglio un’atmosfera di assoluta calma e purezza. Elimina il più possibile anche gli accessori tecnologici e concentrati sull’armonia di forme e dimensioni, cercando di rendere la tua camera da letto zen silenziosa e separata dai rumori esterni.

Stampe giapponesi

I pochi tocchi decorativi in una camera da letto zen dovranno essere a tema giapponese, mai eccessivi e mai ingombranti. Scegli una sola stampa con un soggetto semplice: un ramo di ciliegio, o una riproduzione di un’opera di Hiroshige, importante incisore e pittore giapponese che ha rappresentato la natura nelle sue molteplici forme.

Natura

La sensazione di pace tipica della cultura zen è data dallo stretto rapporto con la natura, e la camera da letto dovrebbe diventarne quasi un prolungamento all’interno della casa. Se hai la possibilità, studia in fase di ristrutturazione grandi finestre e vetrate che diano sul verde di un giardino, ma è sufficiente anche portare un angolo di verde all’interno, con una delicata orchidea, un vaso con canne di bambù, o un suggestivo bonsai.

Vuoi continuare a raccogliere idee su come arredare la tua camera da letto o hai bisogno di suggerimenti per le altre stanze di casa? I nostri esperti hanno scritto per te tante altre guide, che trovi nella sezione dedicata.