Camera con armadio a ponte

Quando la metratura a disposizione è limitata, lo spazio deve essere estremamente funzionale. Un concetto che si applica a ogni stanza della casa ma soprattutto alla cameretta dei bambini, multifunzionale per vocazione. In questi casi un’ottima soluzione è rappresentata dalla cameretta a ponte, che ottimizza armadiature e letti ricavando anche lo spazio per i compiti e i giochi. Continua a leggere per scoprire di che si tratta.

Da dove iniziare

È una soluzione versatile e pratica adatta ad ogni metratura ma, come anticipato, perfetta per le stanze in cui lo spazio è poco. Non sai cos’è la cameretta a ponte? Una breve descrizione ti aiuterà a farti un’idea generale di quello di cui stiamo parlando. Si tratta di una soluzione d’arredo che sfrutta lo spazio verticale delle pareti, andando a posizionare le necessarie armadiature direttamente sopra il letto. Si aumenta lo spazio contenitore e si guadagnano centimetri sulla superficie calpestabile della stanza, a tutto vantaggio dei bambini e dei loro giochi.

Misure

Quando si parla di cameretta a ponte, la progettazione è uno step fondamentale. Può infatti essere realizzata su misura e contare su elementi modulari molto versatili e intercambiabili. Se stai quindi pensando di scegliere una soluzione di questo tipo per la stanza dei bimbi, valuta prima di tutto lo spazio a disposizione e scegli la parete lungo la quale posizionare letto e armadiatura.  Conoscere le misure minime di una cameretta a ponte ti aiuterà a fare la giusta scelta quando dovrai acquistarne una.

  1. Altezza

    Le altezze riguardano soprattutto le armadiature che si sviluppano direttamente sopra il letto. In questo senso ci deve essere sia abbastanza spazio contenitore che la possibilità di muoversi agevolmente quando ci si trova sul letto. In generale l’armadio a ponte oscilla fra i 220 e i 290 cm da terra, mentre lo spazio fra il letto e l’armadio deve essere di minimo 130 cm.

  2. Profondità

    In una stanza dalle dimensioni limitate, anche la profondità è una variabile da non trascurare perché rappresenta, a tutti gli effetti, l’ingombro sulla superficie calpestabile. In genere la misura standard di un singolo armadio è di 60 cm, una dimensione più adeguata al ruolo che è chiamato a svolgere. È poi possibile rendere più dinamica la composizione prevedendo scaffalature di diverse profondità, fra i 30 e i 40 cm.

  3. Lunghezza

    La lunghezza della cameretta a ponte dipende essenzialmente dallo spazio a disposizione e dal numero di letti necessari. Con un letto singolo il cui lato lungo è addossato alla parete sarà necessaria una parete di 2 metri circa, perché il ponte deve essere poco più lungo del letto. Se il letto è appoggiato alla parete dal lato della testiera, la lunghezza del ponte può essere minore e arrivare quindi a 150 cm

A parte le misure standard, le dimensioni di una cameretta a ponte possono essere variabili. Oltre a quella addossata a una sola parete, infatti, se lo spazio lo consente si può optare per un ponte angolare, che sfrutti cioè parte della parete contigua. In generale, misure alla mano, ti consigliamo di farti aiutare da un esperto di settore per realizzare la soluzione più adatta alla metratura della stanza che devi arredare.

Cameretta a ponte lilla e azzurra

Materiali

Ci troviamo nel regno indiscusso del legno. Vivo, caldo e versatile, è praticamente perfetto per la cameretta dei bambini. In generale le tipologie più utilizzate per letti e armadiature a ponte sono:

  • Legno nobilitato: realizzato a partire di panelli di truciolare o compensato, viene poi rivestito di una resina che imita la naturalità del legno. Decisamente resistente (e più economico del classico legno massello) è utilizzato anche per la camera dei piccoli.
  • Legno impiallacciato: si tratta di legno nobile ricoperto da pannelli di truciolato o similari. Per questo è resistente e bello, quasi come il legno massello. Il materiale è spesso utilizzato per le camerette a ponte, che però avranno un costo maggiore.
  • Laminato: praticamente onnipresente nell’arredamento moderno, è uno dei più apprezzati per le camerette. Piuttosto economico, è decisamente resistente e soprattutto si pulisce con estrema facilità.

Sicurezza

La sicurezza è importante in ogni stanza della casa, ma soprattutto negli spazi destinati ai bambini. In una cameretta a ponte, in particolare, è fondamentale che la struttura portante sia resistente, robusta, ben assemblata e soprattutto stabile. Ecco a cosa fare attenzione.

  • Il ponte deve essere stabile e ben ancorato alla parete
  • La ferramenta deve essere di qualità, così da tener conto sia delle sollecitazioni sia dei carichi a cui è sottoposta
  • Se è presente un letto a castello, fare attenzione al fatto che sia presente anche un sistema a barriera anticaduta
  • In caso di letti (o elementi) estraibili è fondamentale che tutti i complementi siano facili da riporre ed estrarre anche dai bambini.

Una nota a parte, va fatta poi sui materiali e sulle vernici utilizzate per le finiture. Sarebbe opportuno che entrambi fossero di elevata qualità, magari realizzati con laccature a partire da vernici ad acqua, che non rilasciano sostanze volatili nocive, formaldeide compresa.

Cameretta a ponte azzurra

Stile

Dallo stile classico a quello moderno, dalle camerette a ponte shabby e a quelle che prendono ispirazione dal mondo marino e mediterraneo. Quando si tratta di arredare la camera dei bambini, non hai davvero che l’imbarazzo della scelta in quanto a complementi, colori e finiture.

Un’opzione molto amata è quella di dar vita a uno spazio in totale continuità con lo stile del resto della casa. Ed ecco che, se a essere prevalente è un look classico, anche la cameretta dei bambini seguirà a ruota riprendendo i diktat dello stile. Un’altra idea che piacerà sicuramente ai piccoli è quella di dar vita a un tema da riprendere poi nei colori e nei complementi. Dalla cameretta unicorno a quella per gli amanti del calcio, le possibilità sono praticamente infinite.

Cameretta a ponte

Perché scegliere una cameretta a ponte?

Per molti è una soluzione obbligata che lascia poco spazio alla fantasia, ma è possibile andare oltre l’effetto monolitico della struttura per vedere poco a poco tutti i vantaggi che una cameretta a ponte porta con sé.

Parti infatti dal presupposto che la cameretta è uno spazio multifunzione. Deve essere comoda per favorire il riposo notturno, deve avere lo spazio necessario per giocare e, una volta che i bimbi saranno cresciuti, deve essere anche un luogo che favorisce studio e concentrazione. Lo spazio deve adeguarsi alle esigenze del bambino e la cameretta a ponte è perfetta allo scopo: senza sacrificare lo spazio contenitore, libererà metri sul pavimento così da destinarli al gioco e, allo stesso tempo, dà la possibilità di inserire una scrivania (magari estraibile) per fare i compiti.

Oltre agli aspetti meramente funzionali, inoltre, solitamente le camerette a ponte si possono costruire anche su più livelli: un letto rialzato da raggiungere tramite grossi scalini (che sono ovviamente piccoli armadi) potrebbe rappresentare un momento di gioco per il bambino, che sarà più che felice di andare a letto ogni sera!

Spazio alla creatività

Personalizzare la cameretta per renderla a misura di bambino. In fondo è proprio nelle decorazioni e nei dettagli che si nasconde l’anima di questa stanza. E anche la cameretta a ponte non è da meno, visto che può trarre molto sia dalla scelta dei colori dei mobili che dai complementi con cui si sceglie di arredarla.

Per la stanza dei bambini puoi optare per i colori pastello, che donano calore senza per questo essere invadenti: darai vita a un ambiente piacevole e rilassante, perfetto per giocare, studiare e dormire. In questo caso puoi optare per il total look, scegliendo diverse sfumature appartenenti alla stessa tonalità, o giocare sui dualismi a contrasto: verde, azzurro, rosa stanno benissimo se abbinati con il bianco, che renderà più luminoso l’intero ambiente. In alternativa puoi sempre puntare sull’essenzialità del legno al naturale, perfetto per tutti coloro che desiderano una camera più lineare e versatile, adatta a crescere con il bimbo che la abita.

Per il resto, via libera ai complementi d’arredo: un ampio tappeto morbido per giocare, una poltroncina per leggere libri e fumetti, una coperta colorata e morbida per le notti più fredde, uno specchio dalla forma particolare da appendere alla parete, un abat-jour da accendere per la favola della buonanotte: sono davvero tanti i modi per personalizzare, fin nei minimi dettagli, la tana del tuo bambino. Sei pronto a cominciare?

Suggerimenti:

Stai cercando altre idee per il piccolo della casa? Dai un’occhiata alla nostra sezione dedicata alle camerette dei bambini per scoprire tanti consigli utili!