Cameretta stile industriale

Nel mondo dell’arredo, il look industriale conquista un po’ tutti: affascina gli estimatori del vintage e del rétro e accontenta gli amanti delle linee pulite e moderne. Lungi dall’essere uno stile freddo, si presta, al contrario, a creare ambienti accoglienti, sempre attuali, essenziali ma di grande carattere. È amatissimo anche dai ragazzi, quindi perché non renderli felici con una cameretta in stile industriale? Segui i nostri suggerimenti per ricreare l’atmosfera di un loft in miniatura.

Caratteristiche dello stile industriale

Fonte di ispirazione dello stile industriale sono i vecchi loft newyorkesi e i grandi open space a uso produttivo: ambienti caratterizzati da ampie metrature, alti soffitti e imponenti vetrate. Un altro elemento tipico è la centralità data agli elementi strutturali – travi in legno, tubature o impianti a vista – come si addice agli spazi di grandi dimensioni, quali fabbriche e magazzini (o spazi abitativi derivati dal recupero di questi ambienti). Tipici anche i muri rivestiti in mattoncini a vista, di colore rosso o dipinti di bianco.

Come riprodurre queste caratteristiche in un appartamento di piccole dimensioni o in una cameretta in stile industriale? Una soluzione semplice, ad esempio, può essere montare dei binari in metallo per luci a soffitto, o installare dei pannelli decorativi effetto mattoni faccia vista.  Quanto alla scelta degli arredi, puoi optare per un letto posizionato su bancali di recupero: senza tralasciare i letti a soppalco con struttura metallica, ideali per le camerette condivise. Scaffali in legno e metallo e cassettiere – anche montate su ruote – sono perfette per tenere in ordine la stanza.

Che colori scegliere?

Bianco, grigio, nero e marrone: lo stile industriale si sintetizza in questi colori che richiamano la sobrietà e il fascino retrò di una fabbrica d’altri tempi. Fra le tonalità dominanti c’è, in assoluto, il grigio, declinato in tutte le varianti possibili: dalle più chiare, come il grigio agata e il polvere, alle più scure come l’ardesia e l’antracite. Le varianti fredde convivono coi grigi caldi, come il tortora. Fra i colori più gettonati spiccano il grigio calcestruzzo e il fumo di Londra, a contrasto col nero bluastro, protagonista di arredi dall’aria vissuta. Fa da contraltare il legno grezzo, richiamato da elementi in pelle marrone e oggetti color mattone.

Le finiture sono tendenzialmente opache, come se gli oggetti fossero ricoperti da una patina o da un sottile strato di polvere, o avessero un aspetto “affumicato“. Il tutto è armonizzato dal bianco sporco che sembra costantemente sconfinare nel grigio chiaro e alleggerisce l’austerità degli arredi. La cameretta in stile industriale non dovrebbe discostarsi troppo da questa palette, ma non temere: c’è sempre la possibilità di accogliere qualche tocco di colore extra . L’’azzurro, il giallo e il verde –, preferibilmente desaturato e non troppo vivace.

Suggerimenti:

I materiali più indicati

Accanto al legno grezzo, fra i materiali più adatti per una cameretta in stile industriale c’è il metallo, spaziando dal ferro all’effetto zinco, senza tralasciare finiture dall’aspetto più caldo come il rame. Pelle e similpelle sono molto utilizzate per rivestire pouf, poltroncine, testiere del letto e dettagli decorativi. Per i muri spadroneggiano le finiture effetto cemento e i finti mattoni, a tutta parete – anche ricorrendo alla carta da parati – o applicati a superfici più ridotte.

Attenzione anche al pavimento: le scelte più azzeccate sono il parquet grezzo o sbiancato e le finiture in resina grigia. L’ideale sarebbe disporre di grandi finestre o di un’ampia vetrata o porta finestra, per assicurare una buona quantità di luce naturale. In alternativa puoi affidarti a uno specchio effetto finestra con telaio in ferro, da fissare alla parete o da posare semplicemente a terra (facendo attenzione, ovviamente, al fattore sicurezza).  

Suggerimenti:

Decorazioni dal sapore vintage

Dal punto di vista estetico, la cameretta in stile industriale si ispira uno schema piuttosto predefinito. Come sempre, puoi contare sugli accessori e sulle decorazioni per donare un pizzico di originalità alla stanza. Per prima cosa, non sottovalutare il fattore illuminazione: faretti, applique, lampade da regista e a sospensione sono essenziali per costruire il mood industriale. Scatole, cesti e bauli con dettagli metallici sono utilissimi non solo per movimentare la stanza, ma anche per conservare gli oggetti più piccoli.

Sugli scaffali puoi posizionare modellini colorati eriproduzioni di veicoli o macchinari, da alternare a libri e raccoglitori per dare un aspetto più divertente e giocoso alla libreria. Quanto alle decorazioni da parete, puoi sbizzarrirti con insegne vintage – anche in versione luminosa –, orologi e stampe d’epoca. Racchette, gagliardetti e skate – impiegati, magari, a mo’ di mensola – sono perfetti per gli sportivi e per i collezionisti in erba. Attenzione anche a coordinare bene i tessili, puntando su biancheria e accessori con colori neutri, senza cedere a nuance sgargianti o fantasie fuori tema.

Suggerimenti:

La cameretta in stile industriale ti piace ma vuoi provare a sperimentare con altri stili? Prova a dare un’occhiata alla nostra sezione dedicata alle camerette dei bambini.