Iscriviti per scoprire tutti i brand a -70%

Altalena da giardino

Chi non ha passato ore e ore sull’altalena del parco giochi o su quella più rustica, ma altrettanto divertente, che penzolava da un solido ramo d’albero? E chi non si è cullato su un’altalena da giardino al tepore del sole o alla frescura della brezza? Immagini di svago, relax e piacere. Ecco perché se hai la fortuna di possedere uno spazio verde all’esterno della casa non dovresti farti scappare l’opportunità di avere questi elementi che ricordano le ore liete dell’infanzia o momenti di serenità.

Tipologie e materiali per l’altalena da giardino

I bambini si divertono un mondo con l’altalena da giardino; mettono tutta la loro forza per oscillare da un lato all’altro ridono e urlano felici. Solitamente questo gioco da giardino è composto da una struttura che consiste di due montanti verticali, o eventualmente una coppia inclinata a formare una sorta di triangolo, che sono poggiati o inseriti nel terreno. Questi due elementi laterali sono collegati nella parte superiore da una trave di sostenimento alla quale sono legati i collegamenti per il sedile.

Questa è la versione classica, ma chi ha un po’ più di fantasia può anche ricorrere a topologie meno comuni, per esempio quella che utilizza un pneumatico come seduta o quella che penzola dal ramo, robusto ovviamente, di un albero.

I materiali sono i più diversi, ma l’importante è che siano robusti e sicuri, e puoi trovare strutture in plastica, legno o allumino.

Per quanto riguarda i dondoli da giardino il discorso non varia molto, in sostanza non si tratta che una versione più “matura” dell’altalena. Meno dinamismo ma più relax. Più che un gioco, un elemento d’arredamento d’esterni. Ecco perché li puoi trovare in diversi materiali:

  • le varianti in plastica, o PVC e resine varie, sono le più utilizzate sia per la praticità che per l’economicità: le cure sono minime e sono resistenti agli agenti atmosferici;
  • I modelli in legno sono l’oggetto di chi vuole avere più eleganza e stile, perfetti in giardini ben tenuti;
  • anche l’alluminio, o il più prezioso ferro battuto, è piuttosto resistente, ma è necessaria un po’ più di attenzione per non far insorgere la ruggine.

Siano di plastica, di legno o di alluminio con il dondolo da giardino puoi mettere in risalto anche la tua creatività: le coperture delle sedute, i cuscini e il tettuccio superiore conferiranno un elemento di vivacità in più al tuo ambiente esterno.

Consigli per scegliere un dondolo da giardino

Un dondolo è un vero e proprio arredo da giardino, quindi il primo elemento da considerare è l’ambiente in cui verrà collocato. Le proposte in commercio sono innumerevoli e rispondono praticamente a tutte le esigenze. Se il dondolo è sinonimo di quiete e relax, è consigliabile avere di fronte una visuale altrettanto piacevole, verso un prato fiorito per esempio. Se prediligi il fresco, il riparo di rami ombrosi d’albero potrebbe essere la soluzione più congeniale per te.

Importantissimo è anche l’aspetto della stabilità e sicurezza: trova una posizione adatta, non troppo inclinata e con superficie di sostegno idonea, se non hai intenzione di spostare di frequente il tuo dondolo da giardino, fissalo al terreno con appositi supporti.

Quanti sono i componenti della tua famiglia? Hai spesso ospiti? Questa potrebbe rivelarsi una delle domande fondamentali che potresti chiederti: quanti dondoli e quanti posti? Se ne trovano di diverse dimensioni da uno a quattro posti. Ma potresti anche utilizzarlo come un sostitutivo di un’amaca. Che bel sonnellino faresti su un dondolo comodo e bello ampio!

Non da ultimo, per garantire comfort ed eleganza considera il colore e i materiali di coperture delle sedute. Come sempre devono accordarsi con l’ambiente, ma alcuni particolari non sono del tutto trascurabili:

  • le fibre naturali sono più fresche e piacevoli al tatto;
  • i colori meno sgargianti mimetizzano meglio la scoloritura causata dal sole, dal tempo e dai trattamenti di pulizia;
  • i cuscini aggiuntivi, oltre quelli della seduta, assicurano una comodità ulteriore.

Perché non costruisci anche tu la tua altalena da giardino?

Hai una passione per il bricolage? Ti sta a cuore l’ecologia e pensi che le tre R (Riduci, Ricicla e Riusa) siano una soluzione allo spreco e al risparmio di energia del pianeta? Bene, allora potresti costruirti autonomamente un’altalena da giardino. Considera i materiali che hai a disposizione, le tecniche di costruzione e, non da ultima, la sicurezza di esecuzione e di fruizione del prodotto finale.

Solitamente, per la struttura portante, il legno è il materiale più consigliato, infatti è di più facile reperibilità e minor costo. Prova a dare un’occhiata in solaio o in cantina, potresti avere buona parte dell’occorrente già disponibile.

Alcune proposte prevedono anche di utilizzare tubi in acciaio, potrebbe rivelarsi una soluzione più durevole, ma necessita sicuramente maggior cura e lavorazioni più complesse.

Una volta realizzata potresti anche pensare di dipingerla per renderla più personale e in armonia con l’ambiente in cui la andrai a sistemare. Generalmente il giardino è il luogo d’elezione, quindi un bel colore vivace contribuirà a portare ulteriore allegria all’ambiente. Se non disponi di uno spazio all’aperto puoi sempre installarla sul terrazzo, prendendo comunque le opportune cautele del caso.

Potresti anche imbottire il sedile o creare dei cuscini che andrai a fissare opportunamente. Vicino all’altalena potresti considerare la sistemazione di tavolini per le bevande e sedie per il riposo dei bimbi dopo le energie profuse a dondolare.