Iscriviti per scoprire tutti i brand a -70%

giardino grande con palma e mobili da esterno

La primavera porta con sé un’ondata di novità. Nei prati sbocciano nuovi fiori e i rami degli alberi iniziano a tingersi di verde. L’aria diventa frizzante e anche il nostro umore inizia a scaldarsi alla luce del sole. Come godere al meglio dell’estasi della natura che rinasce? Progettare un giardino è una delle soluzione migliori per costruire una personale oasi di relax subito fuori l’uscio di casa. In molti pensano che dare vita ad uno spazio verde nell’area esterna della propria abitazione sia un’operazione di poco conto. In realtà progettare un giardino richiede particolari attenzioni e la valutazione di diversi aspetti. Nelle prossime righe troverai le sette principali regole per progettare un giardino perfetto!

1. Considera le tue esigenze

Prendi la planimetria della tua casa, armati di matita e metti in moto la tua fantasia! Il primo quesito da porsi nella progettazione di un giardino è: “Di cosa ho bisogno?”.

Le risposte potrebbero essere molteplici. Vorresti uno spazio in cui isolarti dal frastuono della vita quotidiana e immergerti nella lettura di un buon libro? Oppure vorresti creare uno spazio giochi per i tuoi bambini in prospettiva della stagione calda?

In base alle tue esigenze potrai scegliere come suddividere le aree del giardino affinché i tuoi desideri diventino realtà. Gli aspetti da considerare saranno molti: dalla fisionomia del paesaggio alle piante da utilizzare, dagli arredi all’illuminazione. La lista si potrebbe ancora allungare. E non dimenticare di considerare il budget a disposizione e trovare il giusto compromesso tra sogni e possibilità.

2. Rispetta il paesaggio

Hai mai sentito il detto “anche l’occhio vuole la sua parte”? Nel progettare un giardino questa frase più che un modo di dire diventerà un mantra. Il tuo spazio verde dovrà essere in piena sintonia con lo spazio circostante. Che senso avrebbe piantare una palma in un giardino incastonato tra delle verdi colline?

Tralasciando per un momento il gusto estetico, la scelta delle piante va anche ponderata a seconda del clima circostante. Non scordare mai che le piante sono anch’esse degli esseri viventi e danno il meglio di sé nel proprio habitat naturale.

3. Ottimizza gli spazi

Lo spazio a disposizione per la tua area verde potrà essere di grandi, piccole o medie dimensioni. Qualunque sia la grandezza, una delle regole principali sarà ottimizzare lo spazio.

Uno spazio ottimizzato è sinonimo di comfort abitativo, il quale si raggiunge trovando il giusto equilibrio tra tutte le componenti presenti in giardino. La prima proporzione da rispettare è quella tra la vegetazione e gli arredi: nessuno dei due elementi dovrà sovrastare l’altro. Evita di conseguenza l’utilizzo di piante troppo vistose rispetto allo spazio presente, così come di strutture troppo grandi per la metratura del giardino. Nel progettare un giardino non dimenticare mai di armonizzare il tutto: altrimenti che oasi di relax sarebbe?

4. Scegli le piante giuste

Un giardino acquisisce forma proprio grazie alle scelta delle piante. Queste si disporranno per creare zone d’ombre ed esaltare altri punti dell’area verde.

È sempre bene scegliere dei vegetali che non richiedano particolare cure. La manutenzione di un giardino può rivelarsi dispendiosa, sia dal punto di vista economico che per il tempo da dedicare ad esso. Per tale motivo è meglio puntare su quelle piante che potrai facilmente curare.

Quali sono allora le piante che si addicono meglio? Nel progettare un giardino tra gli arbusti più usati si trovano indubbiamente le conifere. Non assumono dimensioni eccessive e i loro rami potranno essere facilmente gestiti. Non si può fare lo stesso discorso ad esempio per i sempreverde ed i salici. L’effetto scenico che conferiranno al giardino sarà certamente d’impatto, ma data la grandezza si adatteranno solo a zone verdi particolarmente grandi.

E se il giardino è piccolo? Punta sulle piante in vaso e sui rampicanti. Se hai la fortuna di avere un porticato una delle scelte migliori sarà il glicine con i suoi colori e profumi unici. Un consiglio: utilizza vasi in argilla piuttosto che in plastica. Sono più resistenti e favoriscono il drenaggio della terra.

Sedie in vimini intorno a una fontana nel giardino

5. Segui uno stile preciso

Il giardino rientra a pieno titolo come uno spazio della casa. Lo dovrai considerare alla stregua di qualunque altra stanza. Abbiamo già visto più volte quanto sia importante riprodurre costantemente una sensazione di armonia. Questa si crea anche omogeneizzando lo stile di ogni spazio della casa, giardino compreso.

In un’abitazione dallo stile moderno l’area verde potrebbe essere caratterizzata da un gazebo corredato da divani candidi dalle linee contemporanee e da grandi cuscini. Delle siepi basse potrebbero limitare le varie aree verdi senza togliere campo alla vista.

Al contrario nel progettare un giardino di una villa coloniale potrebbe trovare la giusta collocazione una bella veranda in stile inglese arricchita dalla presenza di diverse piante da vaso, anche sospese dall’alto. Un lungo vialetto invece potrebbe essere costeggiato da una lunga serie di arbusti, posizionati lì, come per accompagnare i nuovi arrivati verso l’ingresso principale.

6. Crea una zona d’ombra riparata

Cosa c’è di meglio di godersi un po’ di frescura nel proprio prato verde durante una torrida giornata estiva? Nel progettare un giardino non dimenticare di pensare alle zone d’ombra.

Avrai più possibilità per ricrearle. Ad esempio potresti proprio sfruttare la vegetazione: le tue betulle si presteranno perfettamente all’intento e saranno anche l’appoggio ideale per un’amaca o un’altalena da giardino.

E quando la vegetazione non sarà sufficiente potrai sbizzarriti con le strutture più disparate: gazebo, tensostrutture e verande.

7. Scegli arredi di qualità

Nel progettare un giardino il primo pensiero corre verso il verde. Tuttavia è importante tenere in considerazione anche l’arredamento.

Nella scelta dei mobili da giardino dovrai focalizzarti su quattro aspetti essenziali:

  • la resistenza agli agenti atmosferici;
  • la comodità;
  • l’estetica;
  • la manutenzione.

L’arredo ideale per il tuo giardino saprà mixare alla perfezione tutti questi elementi. I mobili, essendo esposti continuamente, dovranno caratterizzarsi per una certa resistenza, in maniera tale da ridurre al minimo gli interventi di manutenzione. Ovviamente dovranno essere esteticamente piacevoli ed in sintonia con il resto dell’ambiente. Infine in un giardino ci si rilassa, quindi non si potrà assolutamente trascurare il comfort!

E i colori? La natura in primavera è un’esplosione di colori. Sarebbe inutile appesantire un quadro già cosi vivace! Punta su tonalità tenui che si armonizzino con il verde circostante e che risaltino con la luce naturale.

Una gallery per ispirarti

banner arredamento