Piastrelle cementine

Piccole, colorate e allegre: le piastrelle cementine sono tornate di moda e piacciono davvero a tutti. Esistono da secoli, ma grazie a nuovi formati e colori si adattano a meraviglia nelle case contemporanee. La chiave per farle funzionare è trovare un equilibrio di dimensioni, motivi e tonalità con lo spazio in cui vuoi utilizzarle. Ecco tutto ciò che devi sapere sulla loro origine, sulle tipologie e su come utilizzare le cementine in bagno, cucina e altri ambienti della casa!

Cosa sono le piastrelle cementine?

La storia di queste piastrelle si perde nel tempo, ma la loro popolarità crebbe nella seconda metà dell’Ottocento, quando un laboratorio artigiano spagnolo le presentò all’Esposizione Internazionale di Parigi del 1867. Grazie alla loro praticità e alla varietà di colori, diventarono subito popolari per la decorazione di palazzi pubblici e privati in Europa e non solo, rimanendo in voga fino agli anni Venti del secolo successivo.

Tradizionalmente, le piastrelle erano realizzate a mano, una alla volta, utilizzando pigmenti minerali, cemento, uno stampo e una pressa idraulica. La composizione del pigmento era una miscela di cemento Portland bianco di alta qualità, polvere di marmo, sabbia fine e pigmenti coloranti minerali naturali, per conferire carattere e profondità. Attualmente ci sono artigiani che ancora le producono in questo modo, ma sono realizzate soprattutto industrialmente, anche in altri materiali, come il gres porcellanato e la ceramica.

Qual è il motivo del loro successo, ieri e oggi? Sicuramente il fatto che siano piuttosto economiche e facili da posare, oltre che resistenti. In più, sono belle da vedere: grazie ai diversi motivi floreali, geometrici o Liberty, declinati in infinite tonalità, permettono di personalizzare la casa. Lo stesso vale per forme e dimensioni: si spazia dal quadrato piccolo, da 20×20 o 25×25, al sempre più amato formato esagonale, molto richiesto negli ultimi anni.

Idee per arredare con le cementine

Da qualche anno sono tornate alla ribalta e sempre più architetti e decoratori d’interni le consigliano per vivacizzare alcune stanze e ambienti in particolare. Se le cementine in cucina sono ormai un grande classico, la loro versatilità le rende geniali per molti altri contesti e per una grande varietà di stili, dal rétro al moderno.

In cucina

Le cementine in cucina sono adatte per pavimenti, pareti, piani di lavoro, frontali dell’isola e parti decorative di camini, ma è sicuramente nei paraschizzi che danno il loro meglio. Oltre a portare un piccolo tocco di colore, sono infatti comode perché semplici da pulire. Se cerchi qualcosa di originale, prova a mischiare diversi pattern, mantenendo però la regola cromatica dei 3 colori: l’effetto finale sarà super wow!

In bagno

Per una parete intera o l’interno della doccia, le cementine in bagno sono sempre una buona idea. Se preferisci uno stile più romantico, usa le piastrelle esagonali con motivi floreali oppure un tris di piastrelle esagonali monocromatiche in tre nuance delicate, meglio ancora se abbinate a sanitari in colori pastello satinati.

Nella cameretta

Per la zona scrivania, punta su piastrelle cementine moderne, con motivi geometrici e colori forti, come il giallo limone e il verde menta. Sono inoltre perfette per isolare una parte del pavimento, creando una divertente area gioco: in questo caso puoi persino dare vita a un arcobaleno con piastrelle esagonali in tinta unita, mixate in tanti colori diversi.

Nel living

Se hai un open space, prova a isolare visivamente aree diverse. Per esempio, puoi creare una zona bar usando un bancone, un paio di sgabelli e una porzione di parete decorata con piastrelle cementine che riprendano lo stile già presente.

Il nostro consiglio? Un discreto motivo floreale stilizzato sul bianco e grigio, ideale per un soggiorno minimal.

Sul terrazzo e negli spazi esterni

Le piastrelle cementine possono ovviamente essere impiegate all’aperto. Hai un bel terrazzo coperto e non sai come sfruttarlo? Se ti piace lo stile mediterraneo, rivesti il pavimento con una bella fantasia in bianco e blu, da valorizzare poi con un salottino per esterno in total white, pouf, piante e punti luce per le tue serate sotto le stelle.

Per finire, qualche consiglio pratico

Se hai deciso di optare per le piastrelle cementine per una o più stanze della tua casa, ecco qualche suggerimento utile da tenere a mente.

  • Per creare un’atmosfera equilibrata, prendi in considerazione tutte le finiture già presenti nella stanza.
  • Cerca di non esagerare e non ripetere ossessivamente un motivo. Meglio focalizzarti solo su una porzione da decorare e non su superfici troppo estese.
  • Come regola generale, è meglio utilizzare un motivo piccolo in uno spazio piccolo e un motivo grande in uno spazio grande.
  • Per quanto riguarda la pulizia, basta rimuovere polvere e sporco, per poi detergere la superficie con una soluzione a base di acqua e sapone di Marsiglia.

La tua casa ha bisogno di una ventata di novità? Se vuoi fare un restyling completo, parti da “Pavimenti e rivestimenti“: leggi le nostre guide per tanti consigli utili.

banner arredamento