stucco veneziano

La bellezza è senza tempo, e lo stucco veneziano sembra incarnare perfettamente lo spirito di quest’adagio. Stiamo infatti parlando di una tecnica decorativa molto antica che, nata oltre 4000 anni fa in Medio Oriente, è poi approdata a Venezia ai tempi della potente repubblica marinara, e da questa ha preso il suo nome. Detto anche stucco lucido, lo stucco veneziano ha fatto davvero tantissima strada. Oltre ad avere pregevoli qualità tecniche e materiche, si tratta infatti di una decorazione muraria che dona un’aspetto tanto magnifico quanto elegante alle pareti domestiche. E allora, se stai ristrutturando e cerchi qualcosa di diverso dal solito, continua a leggere per capire meglio di che si tratta e come si realizza, anche col fai da te.

Cos’è lo stucco veneziano

Come anticipato, lo stucco veneziano è una particolare finitura per pareti. Realizzato con calce e impalpabile polvere di marmo, è in grado di donare alla casa un effetto molto particolare e cangiante: la lavorazione spatolata, infatti, permette di ottenere pareti lisce e lucide che, guadagnando lucentezza, danno vita a giochi di luce di grande pregio. Al di là delle superbe caratteristiche estetiche, questo stucco lucido ha anche ottime peculiarità tecniche. Infatti, la finitura è traspirante, idrorepellente, contrasta la formazione di muffe, resiste benissimo all’umidità (non a caso era gettonatissima a Venezia) ed è facile da pulire.

E se fino a qualche tempo fa le materie prime dovevano essere prodotte e dosate dai maestri artigiani, oggi esistono miscele già pronte all’uso che permettono di ottenere risultati di posa strepitosi.

Tecniche di posa

Tutto ciò che è bello nasconde dietro di sé parecchio lavoro. E lo stucco veneziano non è da meno. Le tecniche di posa sono due, una più impegnativa e lunga e una più veloce e rapida.

  • Posa spatolata: applicare lo stucco veneziano con la tecnica a spatola è particolarmente complesso perché, oltre alla preparazione preventiva delle pareti, è necessario passare almeno tre volte il prodotto su tutta la superficie da lavorare, stendendolo con un’apposito utensile.
  • Posa a pennello: è la tecnica semplificata e più veloce, che prevede l’utilizzo dell’apposito pennello da stucco veneziano. In questo caso è possibile una sola passata di prodotto, a patto che la parete venga prima trattata con un primer, ovvero la base per lo stucco.

Quali colori scegliere?

Pur essendo una tecnica antica, i colori dello stucco veneziano sono davvero molti e permettono di utilizzare tonalità adatte a stili di arredo molto diversi. Dal bianco, perfetto per le case che accolgono la luminosità, non mancano neanche le tinte scure e le scelte cromatiche più eccentriche, perfette per una casa che trova la sua essenza a partire dal colore delle pareti. Qui di seguito una breve sintesi delle tonalità più adatte e usate.

Bianco

Scegliendo lo stucco veneziano bianco si elimina qualsiasi margine di errore. Facile da abbinare agli arredi, è perfetto per una casa che vuole essere elegante ma ricercata: lo stucco veneziano in questo caso arriva ad assomigliare molto da vicino al marmorino, pregiato e di classe. Proprio per questo motivo sta divinamente in bagno e, vista la neutralità del colore, è altresì perfetto per tutte le stanze della casa.

Grigio

In tutte le sue gradazioni, lo stucco veneziano grigio (dal tortora al perla) evidenzia le spatolature dando vita a pareti particolarmente cangianti quando colpite dalla luce. Siamo di fronte a una tonalità che arreda un ambiente votato alla modernità che, magari, accoglie il colore su arredi e decorazioni. Lo slancio decorativo, in questo caso è massimo ed è possibile esaltarlo con arredi barocchi o smorzarlo e renderlo più equilibrato con complementi sobri e lineari. In entrambi i casi il risultato sarà magnifico.

Nero

Se la scelta ricade sul nero, lo stucco veneziano deve essere necessariamente applicato su poche pareti, così da generare uno splendido gioco di contrasti con colori più chiari (bianco in primis). Usa il nero in stanze di ampia metratura per godere al massimo dei giochi di luce regalati dallo stucco lucido, che fa il suo lavoro anche se utilizzato con tonalità scure.

Blu

Dal blu all’azzurro cielo, lo stucco veneziano accoglie anche i colori più estrosi. L’effetto lucido rende la finitura particolarmente adatta ad ambienti che si ispirano allo stile arabo e alle atmosfere da mille e una notte. Simile per fattura al Tadelakt marocchino, sarà una decorazione parietale perfetta per il bagno, che avrà quindi tutte le carte in regola per trasformarsi nella tua personale oasi di benessere casalinga.

Colori caldi

A questo punto non possiamo non nominare i colori caldi, capaci di esaltare le peculiarità estetiche dello stucco veneziano. Dal color pesca all’arancione e fino alle tinte più intense del rosso, le possibilità sono davvero moltissime. In questo caso, per non rendere troppo opprimente l’ambiente, è necessario dosare attentamente il colore per non dar vita a stanze cromaticamente troppo cariche che, alla lunga, potrebbero stancare. Potrai quindi destinare i colori caldi a poche pareti o, ancora, accostarli a decorazioni, tessili e arredi caratterizzati da tonalità più fredde come l’azzurro polvere.

Stucco veneziano fai da te

Se vuoi dilettarti nell’applicazione dello stucco veneziano affidandoti al fai da te, l’impresa sarà impegnativa ma non impossibile. Come anticipato, infatti, è necessaria fatica e olio di gomito per ottenere un lavoro ben fatto ma, con le giuste conoscenze, sarà possibile arrivare a risultati soddisfacenti. Ecco, allora, gli step principali per applicare lo stucco veneziano.

  1. Rasatura a gesso:
    Prima di applicare lo stucco veneziano è fondamentale che la parete sia pronta ad accoglierlo. È quindi necessaria la cosiddetta rasatura a gesso, soprattutto su pareti non particolarmente lisce in partenza.
  2. Primer:
    Dopo la rasatura, le pareti che devono accogliere lo stucco devono essere trattate con un particolare prodotto chiamato primer, che consente al primo strato di stucco di ancorarsi in modo ottimale al muro.
  3. Applicazione dello stucco:
    A seconda della tecnica di posa scelta (a spatola o a pennello), dovrai applicare lo stucco veneziano alle pareti. Nel caso della tecnica a spatola, tra una passata e l’altra dovranno passare almeno quattro ore.
  4. Ceratura:
    L’applicazione dello stucco darà vita a una superficie liscia che, per guadagnare lucentezza e idrorepellenza, dovrà essere cosparsa di cera. Scegli la tipologia più naturale possibile e procedi a spugnare la parete, per poi sfregarla con uno straccio al fine di renderla uniformemente lucida.

Per completare il look:

Se stai cercando altre idee decorative per le pareti della tua casa, la sezione “Pavimenti e rivestimenti” fa proprio al caso tuo: prova a dare un’occhiata alle nostre guide e comincia a dar vita alla casa dei tuoi sogni.