feng shui ufficio

Lavorare in un ambiente piacevole offre serenità, favorisce la concentrazione e aiuta la collaborazione fra i colleghi. Al contrario, un ambiente poco accogliente può causare irritazione e disagio e influire negativamente sui risultati lavorativi. Il Feng Shui in ufficio è un ottimo alleato per migliorare le performance e per sentirsi più creativi, motivati e produttivi. L’obiettivo è quello di neutralizzare le energie negative e favorire l’equilibrio dinamico tra Yin e Yang. Così facendo, sarà più facile attrarre opportunità lavorative, aumentare la soddisfazione professionale e conquistare il successo. Segui i consigli dei nostri designer per progettare il tuo ufficio e lavorare meglio!

Perché arredare un ufficio secondo il Feng Shui?

L’ufficio è un po’ l’alter ego diurno della camera da letto. È una stanza in cui trascorriamo gran parte del nostro tempo e che, quindi, va progettata con grande cura. Questo vale sia per gli uffici condivisi, che per la tua postazione home office. In questo caso hai la possibilità di personalizzare la stanza al massimo, scegliendo materiali, design e colori con più libertà. Ovviamente, i vincoli aumentano se devi ricavare l’angolo scrivania in uno spazio della casa dedicato ad altre attività o con metratura ridotta. In tutti i casi puoi ispirarti al Feng Shui: l’ufficio ne guadagnerà in stile e armonia e tu potrai migliorare il benessere. Come? Prestando attenzione alla disposizione dei mobili, alla scelta degli accessori e ai colori che, come sappiamo, influiscono sull’umore e che, secondo questa antica filosofia orientale, richiamano precisi significati. Ecco le regole da seguire per portare armonia e concentrazione nel tuo spazio di lavoro.

Feng Shui in ufficio: colori e forme

La scelta dei colori è qualcosa di molto soggettivo: non tutti, ad esempio, amano circondarsi di cromie accese e di contrasti forti. In ufficio, in particolare, vige la sobrietà e a prevalere sono generalmente le tinte neutre come il grigio, il bianco e le finiture metalliche.

Per orientarti nella scelta puoi fare riferimento al bagua, uno “schema dell’armonia” che associa le sfere della vita umana ai punti cardinali e a specifici elementi naturali, materiali e colori. Proviamo a farci ispirare dai simboli del bagua per arredare gli interni in stile Feng Shui. Il sud, ad esempio, è associato alla fama, alla reputazione e alla visibilità e in termini cromatici al rosso, simbolo dello sviluppo e dell’evoluzione. È un colore attivo ed energizzante che ci aiuta a esprimere le nostre potenzialità. Il sudest, a sua volta, è associato alla ricchezza e al verde, un colore più rilassante specie nelle tonalità più versatili come il salvia. Come regola generale, ti consigliamo di scegliere una palette neutra per i mobili più ingombranti e di aggiungere tocchi di colore selezionati qua e là. Magari, affidati ai complementi d’arredo – come le lampade – e, perché no, al bagua. 

Anche le forme e le linee contano molto nel Feng Shui. Come abbiamo visto nel caso del divano per il soggiorno Feng Shui, la forma a L non è l’ideale per questo stile. Scegli piuttosto una scrivania a U o dalla forma lineare. Se la tua è una professione creativa puoi optare per una linea sinuosa e rotondeggiante. I tavoli dal design più massiccio e squadrato, invece, richiamano l’idea di autorevolezza e di radicamento. EventuaImente puoi aggiungere un tavolino rotondo per accogliere i clienti e armonizzare visivamente l’insieme.

Dove posizionare la scrivania?

La disposizione dei mobili ha molta rilevanza nel Feng Shui. L’ufficio non fa eccezione, in particolare per quanto riguarda la posizione della scrivania, un elemento da tenere in grande considerazione. La postazione di lavoro andrebbe collocata preferibilmente di fronte a una porta o a una finestra, a debita distanza da queste ultime. In questo modo è possibile controllare visivamente lo spazio circostante e a allungare lo sguardo. Al contrario, la disposizione meno congeniale è quella che vede la scrivania – e il computer – addossati contro un muro. L’effetto è quello di “chiudere lo spazio” e di creare una sensazione di costrizione fisica e mentale.

Suggerimenti:

E se l’ufficio è molto piccolo?

Se la posizione della scrivania è obbligata – magari disposta, per l’appunto, contro un muro – il Feng Shui ci suggerisce comunque la strategia migliore per alleggerire lo spazio e la mente. Un accorgimento utile è quello di appendere uno specchio sopra la scrivania, così da riflettere l’ingresso o la parete retrostante. Così facendo, non dovrai trasalire ogni volta che qualcuno varca la soglia e non dovrai interrompere in continuazione il tuo lavoro. Presta la massima attenzione a ciò che viene inquadrato dallo specchio. Può trattarsi, ad esempio, di una composizione di quadri disposta alle tue spalle, per movimentare la parete. Sotto allo specchio, dietro il laptop, puoi inserire delle decorazioni che aiutino lo sguardo a vagare, senza farsi “intrappolare” dal muro bianco posizionato a pochi centimetri dal tuo naso.  L’immagine di un paesaggio, ad esempio, o una massa di pesci guizzanti possono stimolare l’immaginazione e suggerire l’idea del fluttuare leggero. Oltre a creare un’illusione ottica di ampliamento dello spazio, lo specchio consente di monitorare i dintorni e di controllare le aperture e i passaggi della stanza, ricavandone una sensazione di sicurezza e tranquillità.

Suggerimenti:

Ordine e organizzazione

L’essenzialità degli arredi e delle decorazioni è tra i principi fondamentali del Feng Shu: l’ufficio, in particolare, deve vantare un’ottima organizzazione e un ordine impeccabile per facilitare il lavoro. Vietato, dunque, ammassare oggetti alla rinfusa sulla scrivania e sugli scaffali: per non farsi stressare dal pensiero del lavoro arretrato è bene armarsi di raccoglitori e organizer per archiviare dispense e altri documenti utili. Lo spazio intorno al computer deve risultare il più possibile sgombro, in modo da offrire la sensazione del controllo e da poter “attrarre” le energie positive. Sempre per lo stesso motivo, scegli librerie e scaffali con ante – non a giorno – per riporre libri, cartelline e faldoni e non creare pile di fogli sulla scrivania.

L’ordine e la pulizia sono tassativi nel Feng Shui: l’ufficio deve essere mantenuto lindo ed efficiente, rassettando regolarmente il tavolo, svuotando il cestino dalla carta straccia, eliminando la polvere e così via. E, cosa non secondaria, aggiustando o eliminando gli oggetti rotti e rovinati, inclusa la cancelleria. Non rimandare questi gesti: in realtà, riordinare è un’abitudine che può trasformarsi in un piccolo rito quotidiano, utile per rigenerare la mente: provare per credere!

Riassumendo, il segreto del Feng Shui in ufficio è il minimalismo. Ciò detto, non sono certo vietate le decorazioni, a patto di selezionarle  con attenzione. Ad esempio, puoi optare per un diffusore di oli essenziali, per spargere nell’aria la tua fragranza preferita e migliorare il benessere e la concentrazione. A questo scopo è perfetto l’olio essenziale di limone, utile per focalizzare le idee e per smussare l’ansia, così come la lavanda. Anche le piante sono utili per purificare l’ambiente e per migliorare l’umore. Scegli con cura il vaso, magari privilegiando un contenitore in ceramica dai toni terrosi.

Infine, non avere paura di liberarti di un oggetto che non ti convince (anche se è il dono di un collega). Ogni piccolo accessorio deve trasmetterti energia positiva!

Suggerimenti:

Luce e piante

La vivibilità di uno spazio è data anche dalla luce. La luminosità di un ambiente dipende, oltre che dalla quantità e dalla superficie delle finestre, dalla posizione e non a caso il Feng Shui attribuisce grande importanza ai punti cardinali. L’ufficio ideale andrebbe orientato a sud o a est per attrarre una grande quantità di luce naturale nel corso della giornata.

Una scelta propizia dal punto di vista energetico, poi, è l’inserimento di una o più piante, compagne ideali dell’ufficio in stile Feng Shui. Il verde è un colore capace di infondere relax; a maggior ragione se a donarcelo è qualcosa di cangiante e vitale come una pianta che cresce e si nutre di luce. Oltre a richiamare la presenza della natura e a essere belle da ammirare, le piante da interni contribuiscono a purificare l’ambiente, neutralizzando le sostanze chimiche nocive presenti nell’aria come la formaldeide. Teoricamente, per essere in linea con le regole del Feng Shui dovresti scegliere piante dalle forme arrotondate. Fra le più azzeccate, in questo senso, c’è la zamioculcas zamiifolia, scenografica succulenta  a crescita rapida e semplice da coltivare. Ma non preoccuparti: non è un’indicazione tassativa! Non devi sentirti in colpa se scatta il colpo di fulmine per una pianta dalle foglie slanciate e appuntite (come l’aloe, ad esempio)!

Vuoi scoprire di più sul magico mondo del Feng Shui? Leggi la nostra guida “Arredare secondo il Feng Shui: regole e consigli“!

banner arredamento