26.11.2020 Consegne regolari su tutto il territorio nazionale.

cucina bianca con carta da parati floreale grigia

La carta da parati è un elemento decorativo che è tornato di gran moda, e che si presenta in tantissime varianti, adatte a stili diversi. Dopo averti dato i nostri consigli per usarla in modo creativo nella camera da letto e nel bagno, oggi ti raccontiamo come usare la carta da parati in cucina. Qui trovi cinque idee originali e tanti consigli utili per dare un nuovo look alla tua cucina grazie alla carta da parati.

Perché usare la carta da parati in cucina

Le cucine molto moderne rischiano di essere fredde e asettiche. Forse, con il pensiero di evitare la confusione e di tenere tutto pulito e in ordine, anche tu hai arredato la tua in maniera un po’ impersonale.

Se hai voglia di rinnovarla a un costo contenuto e senza stravolgere l’arredamento, ti viene in aiuto proprio la carta da parati. Che tu abbia una cucina di design, in stile classico, vintage o industriale, ormai esistono tipologie di carta da parati che si sposano a ogni stile. Vediamo insieme cinque idee per usarla in modo originale e in linea con quello di casa tua.

5 idee per decorare la cucina con la carta da parati

  1. Fiori e foglie: se vivi in una casa fuori città, o hai un appartamento in centro ma hai uno spirito romantico, la carta da parati floreale è un grande classico, insieme a quelle a tema boschivo o country chic. Ti fanno subito venire voglia di respirare a pieni polmoni l’aria profumata della campagna.
  2. Geometrie: ami gli arredi minimal ma non vuoi rinunciare a un tocco di colore? Scegli un pattern sobrio e geometrico, ma dai colori accesi, che cattura l’attenzione su una zona della cucina e la rende più allegra, senza però essere eccessiva.
  3. Trompe-l’oeil: un’idea originale è quella di rivestire la parete dietro al piano cottura con una carta da parati che danno l’illusione che siano piastrelle o un mosaico. Un’alternativa facile da pulire, sofisticata e di sicuro impatto.
  4. Quadri: la carta da parati può diventare un’opera d’arte: esistono motivi particolarmente raffinati, che copiano i quadri e rappresentano animali, foreste, montagne, ma anche volti che paiono dipinti. La cucina, se scegli una carta da parati con soggetti così importanti, deve essere però chiara e monocromatica.
  5. Food: una decorazione a tema cibo può essere non solo originale, ma anche stimolare l’appetito. Frutta esotica, tazze di cappuccino, macarons… la scelta è davvero infinita. Le carte da parati a tema food vanno bene per una cucina vintage, soprattutto anni Cinquanta.

Domande frequenti

Ti rimangono dubbi più “tecnici” riguardo l’uso della carta da parati in cucina? Abbiamo raccolto alcune domande frequenti su questo elemento d’arredo per guidarti nella scelta.

Oggi le nuove tecnologie hanno permesso la creazione di materiali innovativi anche per le carte da parati, che oggi sono impermeabili e lavabili. Puoi comprarle anche nella versione applicabile direttamente sulle ceramiche: così puoi dare un tocco di freschezza a una cucina un po’ antiquata senza fare grandi ristrutturazioni.
La carta da parati dura molto più a lungo di una tinteggiatura (anche fino a dieci anni), mentre dovresti ridipingere almeno ogni cinque anni, e ha il vantaggio di nascondere le irregolarità di una parete non uniforme, anche con finiture diverse. Questo a patto che la posa sia fatta in modo professionale.
La fantasia giusta per la tua cucina è quella che si sposa con il tuo stile e quello della tua casa: se vivi in un casolare di campagna, andranno bene le fantasie floreali. Se hai un appartamento di design, scegli le geometrie. Se hai arredato con elementi dai colori molto accesi, scegli una carta da parati tono su tono o dai colori complementari.
Pensa alla carta da parati come una decorazione che richiama l’attenzione su un punto preciso della stanza. Se non vuoi osare e ricoprire tutte le pareti, puoi sceglierne solo una, magari per incorniciare un mobile, o staccare i fornelli e il piano cottura dalla zona dove hai il tavolo per pranzare. Ma puoi anche puntare sui dettagli, e ricoprire solo nicchie, mensole o i lati dei cassetti con carta da parati coloratissima, a contrasto con una cucina semplice e dai colori neutri. O, ancora, puoi ritagliarne un pezzo e incorniciarla come se fosse un quadro.

Insomma, con la carta da parati puoi davvero sbizzarrirti senza il timore di dare un effetto “vecchio” alla tua cucina.

banner decorazioni