Iscriviti per scoprire tutti i brand a -70%

Iscriviti per scoprire tutti i brand a -70%

postazione di lavoro in casa con tappeto a righe bianche e nere

Che sia perché hai cambiato lavoro, o ti trovi in una situazione eccezionale in cui devi organizzare al volo un ufficio in casa, hai bisogno di qualche regola per preparare gli spazi e rimanere concentrato e produttivo. Lo smart-working ha i suoi vantaggi, ma bisogna arrivarci pronti. Per questo abbiamo preparato una piccola guida per te, per aiutarti se devi affrontare un periodo di lavoro da casa e non sai da dove partire.

Smart working e Work-life balance

Quando lavori da casa, è difficile seguire una routine precisa, e il lavoro può strabordare nella vita privata. Il rischio è quello di non riuscire a mantenere un equilibrio tra i due aspetti (il work-life balance), con conseguenze negative sulla produttività e aumento dello stress.

Come tenere separate le due sfere quando si lavora da casa? In che modo organizzare l’ambiente? Quali sono gli aspetti a cui fare più attenzione?Ecco i nostri consigli per mantenere un equilibrio sano quando lavori da casa.

10 consigli per mantenere un equilibrio

Se non sei abituato a lavorare da casa, è importante che ti fissi qualche regola per iniziare a sentirti a tuo agio e trovare un work-life balance salutare sia per il corpo che per la mente.

Ecco da dove partire:

  1. Continua ad avere orari di lavoro regolari: programma la giornata lavorativa come se fossi in ufficio, e rispetta gli orari. Fissarti dei limiti per non lavorare fino a tardi ti aiuta a mantenere un work-life balance sano.
  2. Trova uno spazio dedicato da adibire a ufficio: identifica una zona che da oggi in poi sarà dedicata solo al lavoro. Basta poco, quando lavori da casa, per mischiare le finalità degli spazi e trovarti, ad esempio, a lavorare dal letto. Crea confini precisi tra quello che sarà lo spazio di lavoro e il resto della casa. Qui trovi qualche consiglio utile: Arredare studio e ufficio
  3. Organizzati con chi abita con te: una volta scelto il tuo spazio e fissati gli orari di lavoro, comunicalo alle persone che vivono con te. Cerca di far capire loro, con calma, che non sei sempre disponibile, ma devono trattarti come se fossi in ufficio.
  4. Spiegalo ai bambini: se hai figli, devi parlare chiaramente anche con loro e spiegare che, anche se sei a casa, è come quando vi salutavate all’ingresso di scuola e vi rivedevate a fine giornata. Costruisci delle nuove abitudini anche per loro e organizza le attività della giornata per tenerli impegnati mentre tu lavori.
  5. Inizia e finisci la giornata con una routine: quando ti alzi al mattino, dedica un po’ di tempo a qualcosa che ti piace (mezz’ora di yoga, un caffè in terrazza, un podcast). Puoi scegliere un’attività che ti gratifichi anche quando interrompi il lavoro, un premio per rilassarti dopo la giornata alla scrivania. Puoi leggere qualche pagina di un libro, oppure telefonare a un amico.
  6. Organizza anche le pause: la pausa caffè è quasi d’obbligo quando sei in ufficio, ma quando devi lavorare a casa da solo, come fai? Il rischio è quello di andare avanti a lavorare fino allo sfinimento, seduto alla scrivania dalla mattina alla sera senza nemmeno accorgertene. Staccarti dal computer a metà mattina e metà pomeriggio è importante sia per la produttività che per la salute.
  7. Mantieni i contatti: tieni sempre i contatti con i tuoi colleghi per aggiornarvi sullo stato dei lavori, facendo brevi videochiamate al posto di riunioni e meeting dal vivo. Se non sei abituato a lavorare da solo a casa, potresti sentirti spaesato e isolato, e senza il confronto con gli altri potresti bloccarti e non riuscire a procedere nelle attività.
  8. Ricordati di mangiare! Non è sano saltare i pasti, e nemmeno mangiare di corsa, davanti al computer. Datti delle regole per il pranzo e la cena per quando non puoi uscire di casa e andare al bar o in mensa. Scegli un orario fisso per la pausa, e se vivi da solo, organizza un pranzo virtuale con un amico.
  9. Muoviti! Sei da solo alla scrivania e le ore passano senza che tu te ne accorga, ma dopo qualche giorno iniziano a farsi sentire il mal di schiena, i problemi circolatori, l’emicrania… alzati spesso per sgranchirti le gambe, guarda spesso fuori dalla finestra per riposare la vista, scegli un’app o un canale Youtube per fare esercizi a casa prima o dopo il lavoro.
  10. Sii clemente con te stesso: questo è il consiglio più importante che vogliamo darti. Non colpevolizzarti se ti distrai, non riesci a concentrarti e non sei subito produttivo come prima. Lavorare da casa può essere complesso e avrai bisogno di un po’ di tempo prima di ritrovare il tuo ritmo.

Lavorare da casa: arredare bene per lavorare bene

Ora che ti abbiamo dato i consigli per mantenere un work-life balance anche quando lavori da casa, proseguiamo con le regole per creare una postazione di lavoro ottimale.

5 regole per la postazione di lavoro in casa:

  1. Trova un punto in cui arrivi al massimo la luce naturale

    Se ti è possibile, posiziona la scrivania di fronte alla finestra e non darle le spalle: in questo modo eviterai che la luce diretta crei riflessi sullo schermo del pc.

  2. Cura l’illuminazione artificiale

    Posiziona la scrivania sotto un lampadario a soffitto, per illuminare in maniera omogenea l’ambiente. Per la lampada da scrivania opta per modelli poco ingombranti e orientabili. Scegli la luce fredda (che vira al bianco) piuttosto che la gialla.

  3. Scegli una sedia comoda ed ergonomica

    Fai un investimento in una sedia ergonomica da ufficio o opta per il pallone da pilates (che ti permet­te di avere una seduta attiva, che tiene in movimento i muscoli di schiena e addome) o le sedie basculanti per appoggiare le ginocchia e mantenere una postura corretta.

  4. Trova un punto per l’archivio e gli strumenti per lavorare

    Se lasci tutto sul tavolo dove lavori creerai confusione in più, perciò trova una mensola o un mobile a portata di mano per appoggiare faldoni, la stampante e tutto quello che ti serve per lavorare.

  5. Fai decluttering

    Svuota i cassetti, l’archivio, gli armadi, i mobili, i contenitori della tua postazione di lavoro. Libera lo spazio da tutto ciò che è superfluo: l’ordine intorno a te si trasforma in ordine mentale.

Un ufficio in casa comodo e piacevole

Come puoi arredare il tuo ufficio in casa perché sia non solo funzionale, ma anche piacevole? Se devi riorganizzare uno spazio già esistente, oppure sistemare una zona di casa da zero, cerca il più possibile di coordinare mobili nuovi e decorazioni allo stile generale di casa tua, e dai gli ultimi ritocchi alla tua postazione di lavoro casalinga con queste quattro idee:

  • se abiti in un monolocale e lavorate in due, provate a dividere la stanza con una libreria, una scaffalatura o grandi piante, per dare a ognuno la tranquillità di lavorare senza distrazioni (almeno visive);
  • il verde aiuta a rilassare la mente e concentrarti. Ci sono molte piante adatte agli interni: si va dalle grasse, come l’agave e l’aloe, che richiedono poche cure, a quelle che purificano l’aria (come il tronchetto della felicità) o rilasciano oli essenziali che aumentano il buonumore, come la melissa. Puoi metterle sulla scrivania o sistemare un vaso grande in un angolo della stanza;
  • crea una bacheca motivazionale dove attaccare frasi d’ispirazione, foto, disegni o ricordi per sorridere e darti la carica. Puoi anche usarla come bacheca per le ricompense che ti darai ogni volta che porti a termine un obiettivo;
  • circondati di profumi: tieni vicino a te un diffusore di oli essenziali per diffondere nell’aria profumi che aiutano la concentrazione, rilassano e danno la carica. L’aromaterapia e la cromoterapia possono aiutarti a lavorare meglio.

L’ufficio in casa perfetto è quello che crei su misura per te. Qui trovi altri prodotti per organizzare la tua postazione in base ai tuoi gusti e alle tue esigenze: Tutto per l’home office.

banner lifestyle

Ecco una pratica guida per avere sempre l’ispirazione giusta!

Smart working consigli