Iscriviti per scoprire tutti i brand a -70%

Iscriviti per scoprire tutti i brand a -70%

quaderno e orologio rosa vicino a tazza di caffè

Hai mai sentito parlare della tecnica del pomodoro? No, non sei capitato su un nuovo sito di ricette. Quella del pomodoro è una celebre tecnica che ti aiuterà a gestire meglio il tuo tempo. Ti sarà utile sul lavoro per aumentare la produttività , ma anche in fase di studio per migliorare la concentrazione. Oppure potrebbe serviti anche solo per gestire in maniera più proficua gli impegni giornalieri!

Cos’è la tecnica del pomodoro?

Possiamo definirla come una tecnica di time management che ti permetterà di organizzare al meglio la tua vita. Meno tempo perso nelle tue attività giornaliere significherà maggior tempo da dedicare a te stesso e ai tuoi cari.

Le origini

Negli anni ’80 un giovane universitario, Francesco Cirillo, si scontrò con uno dei problemi principali che affligge gli studenti: la mancanza di concentrazione. Gli esami si avvicinavano e la preparazione era sempre più carente. L’ansia cresceva, il tempo a disposizione diminuiva e lo scenario ormai sembrava quello da mission impossibile.

Un giorno il giovane Francesco seduto in cucina decise di fare una scommessa con se stesso. Davanti a sé aveva un classico timer da cucina a forma di pomodoro. Lo caricò al massimo e si ripromise di stare chino con la testa sui libri per i successivi 25 minuti, ovvero la durata del timer. Il primo tentativo fallì dopo solo 10 minuti, ma ostinato continuò nel suo intento fino al raggiungimento dell’obiettivo. Fu così che nacque la tecnica del pomodoro.

Da quel momento Francesco iniziò ad organizzare il suo studio in base ai timer a forma di pomodoro. In quei 25 minuti concentrava tutto se stesso nell’attività, per poi prendersi una breve pausa e ricominciare ancora una volta. Il risultato? Oggi Francesco Cirillo è un imprenditore affermato e ha aperto una vera e propria scuola sulla tecnica del pomodoro!

Tecnica del pomodoro: come funziona?

Dopo aver osservato la genesi della tecnica del pomodoro, scendiamo nel dettaglio per comprendere come applicarla al meglio.

Il primo step da compiere è redigere una lista delle cose che dovrai fare durante l’intera giornata. Ogni punto della tua to do list dovrà seguire un ordine ben preciso:

  1. Nelle prime posizioni ci saranno tutte quelle cose urgenti e importanti da svolgere.
  2. A seguire quelle importanti, ma non urgenti.
  3. Sugli ultimi gradini invece quelle che non saranno né importanti né urgenti.

Una volta redatta la lista affianco ogni voce disegnerai il numero di pomodori che a tuo parere ti occorreranno per portare a termine un determinato compito. Una volta compilato il tutto non resterà che iniziare. Ogni pomodoro durerà 25 minuti in cui dovrai dedicarti al 100% alla tua attività evitando qualunque genere di distrazione. Al suono del timer avrai a tua disposizione tra i 3 e i 5 minuti di pausa. Al raggiungimento del quarto pomodoro la tua pausa si allungherà tra i 15 e i 30 minuti.

Durante le pause tra un pomodoro e l’altro dovrai comunque evitare di utilizzare i social o lo smartphone. È un attimo cadere nel loro vortice e prolungare le distrazioni oltre la pausa. La cosa migliore è impiegare il tempo a disposizione per fare del movimento come ad esempio una passeggiata o dello stretching. Così facendo si riattiveranno i muscoli, e al tempo stesso si riossigenerà e si sgombererà soprattutto la testa, la quale sarà poi nuovamente pronta per una sessione intensiva.

Ogni qualvolta scadrà un timer ricordati di barrare il pomodoro sulla tua lista. Capirai così se i pomodori utilizzati saranno gli stessi che avevi ipotizzato all’inizio. Questo esercizio ti aiuterà a comprendere come pianificare al meglio il tuo tempo. Forse la prima lista sviluppata con la tecnica del pomodoro sarà un disastro, ma ti accorgerai che già dal secondo tentativo i miglioramenti saranno visibili.

Funziona davvero?

Di tecniche di time management se ne sente parlare in ogni dove. Sono in molti a promettere grandi risultati, ma spesso la realtà non combacia con le attese. Allora viene spontaneo chiedersi: la tecnica del pomodoro funziona veramente?

La risposta, come sempre, è: “dipenderà da te!”. L’elemento fondamentale per testare l’efficacia della tecnica del pomodoro sarà la tua forza di volontà. Come dicevamo poche righe più su, i primi tentativi potrebbero rivelarsi un completo fallimento. Tutto sta nel non demordere e nel perseverare.

Per aiutarti in quest’impresa fai in modo di creare un ambiente confortevole che favorisca la concentrazione: essere produttivi in mezzo al caos è ancora più difficile! Organizza lo spazio in modo funzionale, tieni tutto in ordine e assicurati che ci sia abbastanza luce naturale.

Se stai cercando qualche consiglio in più per arredare il tuo ufficio in casa, dai un’occhiata alla sezione dedicata a Studio e ufficio: troverai tante idee per la tua casa!

I vantaggi della tecnica del pomodoro

Da un punto di vista pratico i vantaggi della tecnica del pomodoro sono svariati. Partendo dalla fase iniziale della redazione della lista imparerai a comprendere quali siano le cose essenziali da svolgere o meno lungo la giornata. Essere produttivi non significa semplicemente essere veloci e concentrati, ma sapere alla precisione quali saranno i propri compiti e stabilire una scala delle priorità.

La suddivisione del tempo attraverso i pomodori ti aiuterà a pianificare al meglio ogni mansione. Quanti pomodori ci vorranno per leggere un capitolo?  Pianificando, provando, ripianificando e infine riprovando potrai correggere il tiro e organizzare al minuto la tua giornata. In questo modo potrai sfruttare al massimo il tempo a tua disposizione.

La tecnica del pomodoro è infine un toccasana per la concentrazione. Venticinque minuti sono un lasso di tempo né troppo lungo né troppo corto, ovvero la dimensione temporale ideale per concentrarsi senza distrazioni. Inizialmente sarà facile perdere l’attenzione: viviamo circondati dalle distrazioni, come la tv, il computer, il cellulare e così via. Ancora una volta per riuscire nel tuo intento dovrai persevare! Insistendo non considerai più gli elementi di deconcentrazione: ti focalizzerai solo sul tuo compito e il timer ti sembrerà scorrere alla velocità della luce!