Lenticchie Capodanno

Sulle tavole degli italiani, allo scoccare della mezzanotte del 31 dicembre, non manca mai un piatto tradizionale dalle origini molto antiche: lenticchie e zampone. Dopo un impegnativo cenone di famiglia per salutare l’anno vecchio, si stappa lo spumante per brindare al nuovo anno e si condivide un piatto di questa nutriente e gustosa ricetta. Ecco perché, nella nostra sezione dedicata ai consigli in cucina, abbiamo deciso di realizzare una guida dedicata alle lenticchie a Capodanno. Scoprirai perché da secoli in Italia esiste questa tradizione gastronomica e anche come realizzare ricette a base di lenticchie diverse da quella tradizionale: l’importante è che questo legume sia protagonista del primo piatto che gusterai nel nuovo anno!

Perché si mangiano le lenticchie a Capodanno?

La tradizione italiana di condividere un piatto di lenticchie dopo la mezzanotte del 31 dicembre risale addirittura alle usanze dell’Antica Roma. Da oltre 20 secoli sulle tavole della penisola più amata al mondo si banchetta anno dopo anno con le lenticchie per augurarsi prosperità e abbondanza nell’anno appena arrivato. Come dono di buon auspicio, infatti, i Romani si scambiavano sacchetti di questi preziosi legumi secchi, noti per le loro proprietà nutritive. La loro forma tondeggiante ricorda quella delle monete e, cuocendo, raddoppiano il loro volume: regalare lenticchie era un modo di dire “Ti auguro di aumentare le tue ricchezze”. Un pizzico di scaramanzia non fa male a nessuno e ci piace l’idea di mantenere intatta questa bella tradizione.

Come cucinare le lenticchie: la ricetta tradizionale

Non sappiamo con certezza quando lo zampone di maiale sia stato abbinato per la prima volta alle lenticchie in umido che serviamo a Capodanno, ma quello che è certo è che si tratta di un piatto ricchissimo in proteine e gustosissimo. Peccato consumarlo solo il primo dell’anno!

Se ti piace l’idea di restare fedele alla tradizione, segui questa ricetta: prepara un classico soffritto con un battuto di carote, cipolla e sedano al quale aggiungerai cubetti di pancetta affumicata. Sciacqua le lenticchie secche in acqua fredda, falle sgocciolare e aggiungile al soffritto mescolando per un paio di minuti. Copri con brodo vegetale bollente, aggiungi due cucchiai di concentrato di pomodoro e porta ad ebollizione. Cuoci a fuoco medio e aggiusta di sale verso fine cottura. Lessa a parte lo zampone secondo le indicazioni riportate sulla confezione e servilo ben caldo sul letto di lenticchie fumanti.

Ricette alternative con le lenticchie

Non a tutti piace lo zampone e per non rinunciare alle benauguranti lenticchie vogliamo proporti delle ricette alternative, sfiziose e facili da realizzare.

Insalata di lenticchie, spinaci e Montasio

Lessa le lenticchie (se non hai tempo, vanno benissimo anche quelle in scatola). Prepara un’insalata mista e aggiungi foglie di spinaci fresche. Condisci con olio EVO, il succo di mezzo limone filtrato, sale e pepe. Mescola bene e aggiungi le lenticchie raffreddate. Taglia il Montasio a striscioline e mescolalo all’insalata con qualche manciata di melograno. Pronta in 10 minuti e adatta ai vegetariani!

Lenticchie, cozze e sedano bianco

Lessa le lenticchie e scolale. Mentre si raffreddano, prepara 1 kg di cozze con il metodo classico in padella: falle aprire con un cucchiaio d’olio e uno spicchio d’aglio, sfumale con mezzo bicchiere di vino bianco e separale dal loro guscio. Prepara due o tre coste di sedano bianco eliminando i filamenti; taglialo a cubetti e assembla l’insalata a freddo. Condisci con olio EVO, sale e il succo di mezzo pompelmo filtrato. Guarnisci con una macinata di pepe nero e scorzette di pompelmo. Perfetta se il tuo cenone è a base di pesce!

Manzo e lenticchie

Taglia a cubi un bel pezzo di manzo (cappello del prete) e fallo rosolare in un classico trito di carota, cipolla e sedano. Aggiungi due foglie di alloro. Quando la carne diventa bianca, aggiungi mezzo bicchiere di vino bianco secco e fai evaporare. A questo punto aggiungi le lenticchie di Castelluccio, mescola e copri con brodo vegetale e due cucchiai di concentrato di pomodoro. Fai cuocere con coperchio a fuoco dolce per circa un’ora e 20 minuti. Ricetta ideale se non ti piace lo zampone e vuoi restare sul tradizionale!

Gli utensili per preparare le tue ricette:

Non hai ancora deciso cosa fare a Capodanno? Leggi la nostra guida dedicata e lasciati ispirare da tante idee per viaggi, feste tra amici e cenoni originali!