come costruire una casa sull'albero

La casa sull’albero è il sogno di ogni bambino: un magico rifugio dove rintanarsi per giocare indisturbati e immaginare nuove avventure. Nemmeno gli adulti sono immuni al suo fascino, specialmente chi ha un po’ di dimestichezza col bricolage. Anche a te piacerebbe averne una in giardino? Allora segui la nostra guida step per step su come costruire una casa sull’albero fai-da-te. Una volta realizzata, scopri come arredarla per creare una “stanza” extra con tutte le comodità!

La progettazione: da dove partire?

Come costruire una casa sull’albero? Anzitutto, assicurati di avere a disposizione un supporto adatto. L’albero in questione deve essere solido, con radici ben ancorate e rami forti. Meglio non scegliere un esemplare troppo giovane e puntare su varietà come quercia, acero e abete. Un altro aspetto importante da verificare è che l’albero sia sano, ovvero non presenti segni di malattia e non sia attaccato dai parassiti: per maggiore sicurezza puoi consultare un esperto che ti aiuterà anche capire anche il tasso di crescita e le dimensioni che il tuo albero potrebbe raggiungere a maturazione completa.

Hai trovato l’albero giusto? Prima di lanciarti nell’impresa manca ancora qualche controllo. In particolare, dovrai verificare se serve un permesso speciale per costruire la casetta in legno e se esistono vincoli specifici rispetto all’altezza e alle altre caratteristiche del progetto: diversamente potresti commettere – anche se involontariamente – un abuso edilizio ed essere costretto a rimuovere il manufatto. Ti consigliamo, poi, di informare i vicini prima di avviare i lavori: in questo modo potrai scansare eventuali recriminazioni, ad esempio perché la costruzione ostruisce la visuale o consente di “sbirciare” all’interno delle abitazioni altrui.   

Una volta fatte tutte le verifiche del caso, dovrai concentrarti sulla progettazione. Tanto per cominciare, stabilisci l’altezza della casetta – senza esagerare – e le dimensioni della piattaforma che andrà a sorreggerla (ad esempio 3 x 3 m o 2,5 x 2,5 m). Decidi quindi se avvitare la piattaforma al tronco dell’albero, o se sospenderla ai rami con dei cavi, realizzando così un solaio “galleggiante”. Dal punto di vista della sicurezza, è preferibile prevedere dei pali di sostegno da fissare al terreno, riducendo così la possibilità di un cedimento della struttura (e di danneggiare l’albero).

Via con la costruzione!

È finalmente arrivato il momento di partire coi lavori: come costruire una casa sull’albero dal punto di vista pratico? Ecco come realizzarla passo dopo passo.

Costruire una struttura portante sicura

La prima cosa da fare è stabilire dei punti di ancoraggio, scegliendo preferibilmente un albero con struttura a V. Fai attenzione ad allineare perfettamente i fori in orizzontale, per far sì che la piattaforma risulti dritta.

Riporta le misure sulle travi di supporto, avendo l’accortezza di creare una fessura di 10 centimetri in corrispondenza di ogni foro, in modo da consentire al pavimento di ondeggiare con il vento e di assecondare il movimento dell’albero. Disponi le travi e, a seguire, le traverse in posizione perpendicolare alle prime, fissandole con le staffe. Per consolidare la piattaforma puoi aggiungere delle travi a incrocio.

Procedi quindi con la posa del pavimento – mantenendo le assi leggermente distanziate fra loro – e, a seguire, con la costruzione della recinzione perimetrale, fissando al solaio i montanti e i paletti in legno.

Scala, muri e tetto

Una volta costruita la piattaforma, il grosso è fatto: lo step seguente è predisporre un metodo di accesso sicuro alla casetta. La soluzione più basic è prevedere una scaletta di corda, il cui utilizzo, però, potrebbe risultare scomodo: decisamente meglio puntare su una scala fissa, a pioli o con balaustra. Volendo, puoi aggiungere uno strato di trucioli intorno all’albero per attutire eventuali cadute: la tecnica più efficace, a ogni modo, è ridurre l’altezza della piattaforma e attrezzare una scala solida dotata di corrimano.

Quanto alle pareti e al tetto, puoi scegliere fra diversi design. Per semplificarti la vita puoi utilizzare un rivestimento in plastica sorretto da travi in legno, o una tenda da campeggio fissata al pavimento. In alternativa puoi realizzare un telaio ad A, impermeabilizzando il tetto con uno strato di plastica su cui andrai a disporre le assi di legno, sovrapponendole le une alle altre.

Gli ultimi dettagli

Dopo tanto lavoro, puoi finalmente dedicarti alle rifiniture. Anzitutto, ricordati di trattare la superficie con una vernice per esterni, così da proteggere la tua casetta dalle intemperie e mantenerla intatta stagione dopo stagione. Quanto al colore, l’ideale è preservare l’aspetto naturale del legno. Eventualmente puoi concederti tinte più azzardate e combinazioni multicolor all’interno: qui non c’è limite in fatto di decorazione!

Se lo spazio lo consente puoi posizionare un tavolino, delle sedie ed eventuali mobiletti salva spazio. Per godersi il relax, in ogni caso, è sufficiente un comodo tappeto per esterni, qualche pouf e una manciata di cuscini resistenti. Per rendere il tutto ancora più grazioso, puoi aggiungere delle tendine alle finestre o agganciare dei vasi al porticato esterno e riempirli di fiori variopinti: tanto basta per far esclamare ai tuoi bimbi (e ai vicini) wooow!

Suggerimenti:

Creare qualcosa da zero non è solo un modo per occupare il tempo: allevia lo stress, stimola la creatività e il risultato finale fa sentire soddisfatti e appagati! Dai un’occhiata alla nostra sezione “Fai-da-te“!

banner guide e consigli