matrimonio in campagna

Le nozze open air, immerse in una cornice bucolica, sono fra le ispirazioni migliori per un matrimonio ambientato nella bella stagione. Farsi fotografare fra ulivi, filari di viti o circondati da fiori di campo, del resto, è quanto di più romantico si possa immaginare. In costante equilibrio fra mood country e ispirazione chic, il matrimonio in campagna non può prescindere da un elemento: la genuinità, ovvero il gusto delle cose semplici.   

1. La location

Il segreto di un matrimonio in campagna di successo è scegliere un’ambientazione dal sapore autentico. L’ideale, per una cerimonia religiosa, è una chiesetta circondata dal verde, sostituibile all’occorrenza da una location all’aperto – immersa fra vigne, campi e dolci colline – dove ambientare il matrimonio civile. La cosa migliore è scegliere una struttura che disponga di spazio sia all’aperto che al coperto, per avere un piano B in caso di pioggia. Si prestano allo scopo una villa di campagna, un antico casale in pietra o un agriturismo avvolto in ampi spazi. Per ripararsi è utile avere a disposizione un grande porticato, adiacente magari alla cantina; il banchetto di nozze può circondarsi anche di orti con aiuole rialzate, viti o ulivi fra cui passeggiare con il flûte di spumante in mano. Per accrescere la magia puoi organizzare dei momenti di musica dal vivo, animati ad esempio da un duo acustico con ukulele.

2. L’allestimento

Gli elementi naturali sono i protagonisti assoluti del matrimonio in campagna. L’allestimento attinge all’ambiente circostante, valorizzando gli elementi tipici della tradizione contadina e i doni della terra, con grande attenzione per i concetti di stagionalità e di sostenibilità, a cominciare dalla la mise en place. Oltre ai classici bouquet puoi puntare sulle spighe di grano per decorare le tavolate e impiegare, a mo’ di centrotavola, delle alzate traboccanti di grappoli d’uva, melograni e altri frutti variopinti. Quanto ai segnaposto, puoi optare per un semplice sacchettino di aromatiche o per un mix di erbe e fiori per tisana, impreziosendo la confezione con mollettine in legno e altri dettagli ricercati. Non dimenticare il tableau de mariage! Per realizzarlo puoi utilizzare dei biglietti appesi ai rami di un albero, ai pioli di una scala o delle etichette applicate alle bottiglie di vino.

3. Il dress code

Se ti senti un po’ gipsy il matrimonio di campagna è l’occasione giusta per esprimere la tua personalità. L’abito da sposa può giocare sui tocchi retro e sullo stile boho chic, caratterizzato da tagli scivolati e tessuti leggeri. Via libera anche ai dettagli in pizzo e all’immancabile coroncina o fascia nuziale fra i capelli, ispirata ai tralci di vite o decorata con fiori freschi. Sono consentiti anche i dettagli un po’ eccentrici, anche per lo sposo che può sfoggiare un cappello un po’ irriverente o, perché no, un paio di divertenti bretelle. Il classico fiore all’occhiello – coordinato al bouquet della sposa – può essere sostituito dalla bottoniera, un mazzetto floreale indossabile anche dai testimoni e dagli altri ospiti di sesso maschile. Anche in questo caso puoi ricorrere alla spiga di grano, sempre scenografica.

Per gli invitati, in generale, la parola d’ordine è semplicità! Molto indicati gli abiti da cocktail dal taglio corto e un po’ sbarazzino, i colori pastello e le scarpe con tacco medio per non restare “incagliate” tra i filari di vite.

4. Il ricevimento

Il matrimonio in campagna ama per definizione le atmosfere rilassate. L’ideale è puntare sull’informalità anche per il banchetto nuziale, allestendo il buffet fra carretti in legno, balle di fieno e altri dettagli rustici. Volendo puoi sistemare tutti su un’unica tavolata, meglio ancora se ombreggiata da una pergola coperta di rampicanti e decorata con ghirlande e lanterne, per ricreare una cornice intima e “familiare” ma con un tocco chic.  Quanto al menu, il matrimonio di campagna dovrà puntare sui prodotti tipici locali: che sia pranzo o cena, il km 0 è irrinunciabile. Eventualmente puoi fare una scelta più azzardata e optare per un matrimonio in stile pic nic con cuscini e teli adagiati sull’erba. 

5. Le bomboniere

Hai già studiato la lista degli invitati al tuo matrimonio? Per le partecipazioni puoi puntare su un’idea “alternativa”, creando dei segnalibro personalizzati col cartoncino grezzo, da decorare con spago, fiori di campo secchi o acquerelli ispirati alle atmosfere agresti. Fra le bomboniere più indicate per il matrimonio country ci sono i prodotti artigianali – confezionati magari dall’agriturismo che ospita il ricevimento – come marmellate e liquori: ma anche saponi e prodotti di bellezza, o piantine da mettere in giardino o sul balcone. Il segreto per far felici gli ospiti è puntare sulle cose semplici, genuine e di qualità: una lattina di olio pregiato, ad esempio, sarà sicuramente gradita. In alternativa puoi regalare un accessorio utile per vivere la campagna in tutto comfort, come un ventaglio o un paio di occhiali da sole.

Ti senti perso e non sai quale stile o tema si adatta meglio alle tue nozze? Ti aiutiamo noi: nella nostra sezione dedicata alle “Idee matrimonio” trovi idee e suggerimenti adatti ad ogni esigenza.

I must have per un matrimonio in campagna:

banner guide e consigli