halloween origini

È la notte più spaventosa dell’anno: al calar delle tenebre gli spiriti dei morti tornano indisturbati sulla Terra per unirsi nuovamente al mondo dei vivi. Amatissima negli USA e celebrata anche in Europa, le origini di Halloween sono ben più antiche di quel che si possa immaginare. E allora, prima di passare alle zucche intagliate e alle decorazioni a tema, andiamo a scoprire la genesi di Halloween e i fatti più curiosi ad essa legati.

Halloween: origini e significato

Lo abbiamo anticipato: se le cupe atmosfere di Halloween sono molto note, non si può dire lo stesso delle sue origini. E allora riavvolgi il nastro della storia e fermati nell’Irlanda di oltre 2000 anni fa. Qui vivevano i celti, un popolo di agricoltori e pastori la cui vita, scandita dai lenti ritmi della natura, era organizzata attorno ai cicli di semina e raccolto delle colture. Halloween ha origine dalla celebrazione di Samhain, la festa di fine estate (o Capodanno celtico) che cadeva nella notte fra il 31 ottobre e l’1 novembre. Con l’estate ormai alle spalle, Samhain era un modo per esorcizzare l’inizio dell’inverno e la morte apparente della natura, con i pericoli che da essa ne derivavano. 

E com’è facile intuire, era proprio la morte a essere il tema principale della festività di Halloween: era infatti credenza diffusa che la notte del 31 ottobre il mondo dei vivi si fondesse con quello dei morti e che proprio a questi ultimi fosse concesso di errare indisturbati sulla Terra col favore delle tenebre. Durante la notte i celti accendevano un fuoco sacro nel bosco e qui facevano sacrifici di animali, le cui pelli (nei tre giorni successivi) sarebbero servite a spaventare gli spiriti erranti, costringendoli a tornare nel loro mondo.

Nel corso dei millenni e dei secoli la festa pagana di Semhain, complice anche l’affermarsi del cristianesimo, ha modificato le sue sembianze per diventare la festa di Halloween che conosciamo noi oggi: il suo legame con la morte, però, rimane indissolubile.

Curiosità su Halloween

Alle sue origini, dal Vecchio continente, Halloween è approdata al Nuovo mondo per diventare uno dei simboli più conosciuti e apprezzati del vivere americano. E ti stupirai quando scoprirai, in realtà, quanti sono gli aspetti che ancora ignori di questa festa.

L’etimologia oscura del termine

Cosa significa Halloween? Secondo molti l’origine del termine altro non è che una contrazione dell’espressione All Hallows’ Eve, ovvero la “notte di tutti gli spiriti sacri” che, con l’avvento del cristianesimo è poi diventata la notte di Ognissanti. Secondo altri, invece, il termine Halloween deriva dal racconto di Jack O’ Lantern, l’anima tormentata di un vecchio (e scaltro) ubriacone che il Diavolo condanna a vagare per l’eternità alla ricerca di un luogo in cui riposarsi. Il riparo diventa inizialmente una rapa “scavata”, contenente un tizzone ardente. Il termine inglese per scavare è proprio “Hollow“, da cui deriverebbe quindi l’espressione Halloween.

La zucca intagliata all’inizio era una rapa

La zucca di Halloween è uno dei simboli più noti della festività: intagliata per farle assumere le espressioni più spaventose, è poi illuminata dalla luce di una candela per tenere lontani da casa gli spiriti dei morti. Ma se ti dicessimo che in origine il simbolo di Halloween non era la zucca ma… una rapa? In Irlanda e Scozia, infatti, era usanza realizzare lanterne luminose a partire da ortaggi ben poco attraenti! La tradizione della zucca, al contrario, prende avvio dalle grandi migrazioni verso gli Stati Uniti: qui gli europei si dovettero “arrangiare” con i prodotti del posto e la zucca si rivelò perfetta allo scopo fino a diventare, dopo la seconda metà del 1900, il simbolo più famoso di Halloween.

Perché ad Halloween ci si traveste?

Non esiste Halloween senza travestimento e oggi cercare (o fabbricare) un costume a tema è decisamente scontato. Ma ti sei mai chiesto da dove arrivi questa usanza? Anche in questo caso sono stati i celti a dare avvio alla tradizione: nei giorni successivi a Samhain, infatti, erano soliti travestirsi con le pelli degli animali offerti in sacrificio per spaventare gli spiriti erranti e farli tornare nel loro mondo oscuro. Oggi esistono altri espedienti e le pelli grezze sono state (per fortuna) accantonate per lasciar spazio a travestimenti molto meno macabri.

Perché ad Halloween si fa “dolcetto o scherzetto”?

Ad Halloween è usanza che i bambini bussino di porta in porta per chiedere dolcetti e caramelle con cui riempire il proprio cestino. Ma qual è l’origine del famoso “Trick or Treat” statunitense? Per una volta possiamo lasciar stare il popolo celtico e, anzi, fare un bel balzo in avanti nella storia dell’umanità, fermandoci nel Medioevo. Dolcetto o scherzetto, infatti, si rifà alla pratica dell’elemosina: il giorno di Ognissanti mendicanti, poveri e indigenti erano soliti bussare alle porte del paese per chiedere cibo i cambio di preghiere per i defunti.

Come festeggiare Halloween

Ma lasciamo da parte la storia e le origini di Halloween per entrare nel vivo della festa! Travestimenti paurosi e decorazioni tenebrose sono il fil rouge della festività, che poi può assumere i connotati che meglio si adattano alla tua personalità. Cosa fare ad Halloween, dunque?

Addobbare casa

Gli Stati Uniti insegnano e il resto del mondo prende spunto. Per festeggiare a dovere si può partire innanzitutto dalle decorazioni di Halloween che, se ben fatte possono trasformare la tua casa in una location da film dell’orrore! Dalle ragnatele alla zucca intagliata, dai pipistrelli di carta agli scheletri appesi alle pareti, libera la fantasia e lasciati guidare dalla tua personalità più oscura. E se la festa si passa in famiglia, è una buona occasione per cimentarsi, tutti insieme, nei classici lavoretti di Halloween per bambini.

  1. Come fare una zucca di Halloween

    Scegli una zucca arancione, dalla forma regolare e tondeggiante. Taglia la calotta superiore e con un cucchiaio elimina la polpa. Disegna ora occhi naso e bocca e, con un coltello appuntito incidi la superficie seguendo i bordi del disegno. Asciugala, lasciala all’aria aperta e metti una luce al suo interno. L’effetto sarà magico!

  2. Come fare una lapide fai da te

    E’ sufficiente un pannello di polistirolo per realizzare una lapide finta da posizionare fuori dalla porta di casa. Ritaglia il polistirolo, coloralo di grigio e decoralo con foto e nome del “morto”. Per un effetto più realistico, un lumino non deve assolutamente mancare.

  3. Come realizzare una ragnatela di Halloween

    Se non vuoi comprare una ragnatela finta, puoi realizzarla facilmente con il fai da te. Puoi partire da semplici fogli di carta o, per un effetto ancora più realistico, puoi utilizzare un grosso filo di cotone nero, assemblandolo e ritagliandolo fino a dargli la classica forma a raggiera.

Organizzare una festa

Dopo aver sentito delle origini di Halloween ti sei apposionato e vuoi fare le cose in grande? Ma come organizzare una festa di Halloween? Puoi affittare un locale e lanciarti in una pazza notte di oscura follia o, se hai una casa abbastanza grande, puoi invitare amici e parenti a trascorrere una serata all’insegna di un pauroso divertimento.

Il buffet deve essere rigorosamente a tema: dai cupcakes con ragnatela alla torta salata horror con barbabietola, fra le bevande non potrà assolutamente mancare il Bloody Mary, sia in versione alcolica che analcolica. Quanto alla colonna sonora, poi, potrai realizzare una playlist che raccolga le canzoni più famose tratte dai film horror più belli di tutti i tempi. E, per rendere l’atmosfera ancora più lugubre, che ne pensi di un momento dedicato alle storie di streghe e fantasmi? Fai accomodare i tuoi ospiti in cerchio, spegni le luci, accendi le candele e lasciati pervadere da brividi di terrore!

Via ai travestimenti!

Abbiamo lasciato per ultimi i travestimenti perché sono sicuramente la parte più divertente di Halloween e dicono tanto anche sulle origini della festa. Se organizzi una festa puoi chiedere ai tuoi ospiti un abito a tema: dal toga party versione horror al ritorno dei morti viventi, dai personaggi più celebri del cinema del brivido al mondo delle streghe, le possibilità sono praticamente infinite. Se non hai molto tempo per pensare al tuo costume di Halloween puoi anche acquistarlo o affittarlo: farai ugualmente un figurone. Sei pronto a festeggiare?

4 idee per un Halloween speciale

Viste le origini di Halloween e gli elementi immancabili per festeggiarlo, è ora di capire come passarlo in modo speciale. Come avrai capito, sono davvero molti i modi per trasformare Halloween in una festa davvero divertente. E se le idee elencate fino ad ora non ti hanno convinto, eccone altre cinque perfette per celebrare come si deve la notte più spaventosa dell’anno.

1. Cena a tema

Se non te la senti di organizzare una festa, una cena è una validissima alternativa. Esistono moltissime ricette di Halloween che, adattate nei colori e nella forma, possono dar vita a un banchetto degno di una strega. In questo caso la mise en place è fondamentale e potrai giocare con colori e materiali per realizzare un’allestimento che farebbe impallidire anche i fantasmi più esigenti. Gioca con i toni dell’arancione e del nero, usa drappi di seta e illumina la zona del tavolo con candele e lumini. Con una mise en place del genere, anche i tuoi piatti avranno tutto un altro sapore!

2. Dolcetto o scherzetto?

Se hai dei bimbi, accompagnali per le strade della tua città a fare il classico trick or treat, ormai ben radicato anche qui da noi. Se però non vuoi avere brutte sorprese, pensa in anticipo al percorso a piedi che farai e avvisa per tempo gli abitanti delle case a cui busserai. Non tutti, in Italia, sono a conoscenza del classico dolcetto o scherzetto e potrebbero non capire cosa stia succedendo! I bimbi dovranno essere vestiti di tutto punto e, ovviamente, dovranno portare con sé un piccolo cestino da riempire con i dolci e le caramelle che riceveranno in dono.

3. Serata film

Halloween si può festeggiare anche stando comodamente seduti sul divano, carichi di pop corn e bevande (più o meno) zuccherate. Il mondo del cinema ci ha infatti regalato tantissime pellicole perfette per essere guardate durante la notte più lugubre dell’anno. Ma quali film horror guardare ad Halloween? La lista è davvero lunga e articolata, quindi ci limiteremo a citare i titoli più famosi. Partiamo da “Halloween, la notte delle streghe“, un film del 1979 di John Carpenter con Jamie Lee Curtis: è davvero un vero e proprio classico del cinema horror! Se vuoi omaggiare il re italiano del brivido, la scelta deve ricadere necessariamente su “Suspiria”, capolavoro del 1977 di Dario Argento. Per tutti coloro che, invece, amano pellicole più recenti, consigliamo “The Witch – Vuoi ascoltare una favola?“, film del 2015 con una giovane a Anya Taylor Joy. E per chiudere in bellezza, non possiamo non nominare “Sinister”, un film di  Scott Derrickson da pelle d’oca.

4. Una sorpresa spaventosa

Vuoi passare la notte più cupa dell’anno in coppia? Bene, perché è l’occasione perfetta per fare una spaventosa sorpresa al tuo o alla tua partner! Ma dove andare ad Halloween? La risposta sembra quasi scontata: in una casa abitata da fantasmi, ovviamente!

Da Milano a Roma alle località più remote in Italia e all’estero, sono davvero tante le case che – si pensa – siano infestate da spiriti ed entità. Non deve quindi stupire il fatto che siano stati istituiti dei veri e propri ghost tour che, ormai, riscuotono sempre più successo. E, a proposito di fantasmi, lungo la penisola ci sono molte dimore storiche e castelli attorno alle quali ruotano storie davvero spaventose. Alcune di queste strutture si possono visitare ancora oggi: la più celebre è senza dubbio il Castello di Montebello, famoso per la leggenda di Azzurrina, una bimba scomparsa al suo interno nel 1300 e mai più ritrovata.

Vuoi organizzare una festa ma sei a corto di idee? Nella nostra sezione dedicata ai party trovi guide e suggerimenti per feste di ogni tipo: vai a dare un’occhiata!