Bonsai da interno

Nella celebre pellicola Karate Kid, il maestro Miyagi insegnava all’allievo Daniel (Daniel-san), più che il karate, una vera e propria filosofia di vita. Tra i tanti insegnamenti impartiti c’era anche la minuziosa cura dei bonsai da interno, vera e propria passione del saggio giapponese. Questo piccolo alberello in miniatura è realmente un’espressione d’arte? La risposta è sì. Oltre ad essere un magnifico elemento decorativo, il bonsai è custode di antichi saperi e tradizioni che si rifanno alla cultura millenaria orientale. Per scoprire tutti i segreti che ruotano intorno a questa pianta unica leggi le prossime righe: ti guideremo tra i suoi significati e le migliori tecniche per far crescere un bonsai da interno sano e rigoglioso!

Caratteristiche dei bonsai

Letteralmente bonsai significa “pianta in un vassoio”. Ne esistono tante varietà, ma tutte si caratterizzano per la loro classica forma costituita da un tronco “affusolato” che si estende con tanti piccoli rametti da cui spuntano le foglioline di color verde brillante.

Quello che viene definito come bonsai da interno è solitamente una pianta di origine tropicale o subtropicale che necessita costantemente di un clima mite e piuttosto umido. In realtà esistono alcune specie che sono adatte ai climi temperati e possono essere lasciate tranquillamente all’esterno durante tutto l’anno.

I bonsai da interno più diffusi possono essere classificati cosi:

  • Ficus (Ficus retusa/microcarpa, F. panda)
  • Olmo cinese (Ulmus parviflora)
  • Pepe del Giappone (Zanthoxylum piperitum)
  • Carissa macrocarpa
  •  Carmona macrophylla
  •  Sagerethia theezans
  •  Schefflera arboricola
  • Murraya paniculata
  • Ligustri (Ligustrum)
  • Agrifogli (Ilex serrata, I. crenata)
  • Crassulav
  • Portulacaria

Tra questa lunga carrellata di esemplari il ficus è indubbiamente quello più adatto ai neofiti dell’arte del bonsai: ha un ottima resistenza e necessita meno cure rispetto le altre specie.

Serenità e benessere

Come accennavamo qualche riga più in su curare un bonsai rappresenta una forma d’arte, ma soprattutto la messa in pratica di una filosofia di vita. Nella cultura orientale gli antichi realizzavano i bonsai per ristabilire un contatto originario con la natura. Attraverso la potatura e tutte le azioni che porteranno la piccola pianta ad assumere la forma desiderata, l’uomo riscopre l’essenza della natura, ma si rende contemporaneamente conto che essa è un riflesso del suo stato d’animo.

Infatti grazie alla sua azione lo scenario assume una nuova forma, ma al tempo stesso il mutamento dell’ambiente provoca nell’uomo nuove sensazioni e sentimenti. Un rapporto di osmosi in cui l’uomo influisce sulla natura con le sue azioni, ma contemporaneamente viene influenzato da essa. Ad esempio attraverso la cura del bonsai riscoprirai qualità fondamentali come la calma e la pazienza, due elementi fondamentali per trovare l’equilibrio e il benessere con se stessi.

Come curare e coltivare un bonsai da interno

È arrivato il momento di capire come curare al meglio un bonsai da interno. Si tratta di un compito assolutamente non facile, ma nemmeno impossibile! Vediamo insieme come occuparsi di questa bellissima pianta da interno.

  1. Innaffiamento

    Non esiste una frequenza prestabilita per bagnare il piccolo alberello. Per comprendere quale sarà il momento giusto il consiglio è quello di toccare la terra presente nel vaso: se sarà umida non sarà necessario bagnarla, se invece sarà secca dovremo provvedere a rigenerarla con dell’acqua. Il bonsai da interno non si bagna come le altre piante comuni. Dovrai prendere una bacinella e riempirla da acqua facendo attenzione che il livello non superi l’altezza del terriccio.

  2. Umidità

    Il bonsai per crescere al meglio ha bisogno di un ambiente abbastanza umido, che sicuramente non sarà presente all’interno dell’appartamento. I riscaldamenti e i condizionatori rendono l’aria secca e possono avere un effetto negativo sulla piantina. Per questo è importante arieggiare spesso l’ambiente e, nel caso, vaporizzare delicatamente le foglie e il terriccio.

  3. Luce

    Altro elemento da non sottovalutare è l’esposizione alla luce. Essendo una pianta tropicale o subtropicale il bonsai da interno necessita di una buona dose giornaliera di illuminazione, ma al tempo stesso patisce i raggi diretti. Sarà fondamentale posizionarlo perciò nella posizione corretta e periodicamente girarlo affinché i raggi lo irradino in ogni parte. Attenzione però: il posto meno idoneo è proprio il davanzale della finestra.

  4. Terriccio

    Per  quanto riguarda il terriccio invece esistono in commercio dei fertilizzanti realizzati appositamente per il bonsai. Gli esperti consigliano di aggiungerli circa ogni due settimane.

  5. Potatura

    L’arte del bonsai probabilmente trova la sua massima espressione attraverso la potatura. Ma come tagliare i delicati rametti? I passaggi fondamentali possono essere riassunti in tre azioni principali che verranno effettuate in diversi periodi dell’anno. All’inizio della primavera si interverrà con lo sfoltimento dei rami secondari e terziari, mentre verso l’autunno si praticherà la pinzatura, ovvero il taglio della nuova crescita per ottenere la giusta densità dei rami. D’estate invece sarà il turno della defogliazione che permetterà al bonsai di respirare.

Tutto per la cura e il mantenimento del tuo bonsai:

Cosa vuol dire regalare un bonsai?

Regalare un bonsai a qualcuno di caro è un gesto particolarmente bello e colmo di significato. Il bonsai infatti simboleggia la vita che rinasce. Diventa spesso la metafora per risollevarsi da un momento buio e difficile rimettendosi in gioco con le proprie abilità, riscoprendosi e soprattutto ritrovando il proprio equilibrio attraverso la calma e la pazienza.

Inoltre regalare un bonsai da interno è anche un atto di fiducia: si dona una vita a qualcuno confidando nelle sue capacità per far sì che la pianta cresca sana e rigogliosa. Dietro ad un bonsai c’è una storia che si perde nel corso dei secoli!

Non solo i bonsai, ma anche molte altre piante hanno qualcosa da raccontare. Ascolta le loro storie curiosando nella categoria “Piante da interno”, troverai consigli sulle migliori piante da scegliere per la tua casa!

banner guide e consigli