Donald Robertson x Westwing Collection: Manca 1 Giorno al Lancio!

Camelia Japonica in vaso

I fiori di questa pianta saranno una vera e propria gioia per gli occhi: simili a grandi rose, sono infatti molto scenografici e quindi adatti per abbellire gli interni della propria casa. Coltivare la camelia japonica in vaso non è difficile, a patto di conoscere qualche piccolo trucco del mestiere. Dalla terra all’irrigazione e fino all’esposizione solare, ecco cosa c’è da sapere su questa bella pianta sempreverde che arriva direttamente dall’oriente. 

Caratteristiche generali della camelia japonica 

Siamo di fronte a una pianta che arriva da molto lontano. La camelia japonica è infatti giunta nel Vecchio Continente grazie al missionario gesuita botanico Georg Joseph Camel, che la importò dal Giappone nel 17esimo secolo. Il suo nome, invece, lo dobbiamo a Linneo, padre della moderna classificazione degli organismi viventi, che dedicò la pianta proprio al suo scopritore. E di strada, da quel giorno, la camelia ne ha fatta molta: si tratta infatti di una delle piante a fiori più apprezzate alle nostre latitudini e, non a caso, trova ampio posto nelle case e nei giardini degli italiani. Questo perché, pur essendo una pianta subtropicale, ha il pregio di resistere anche ai nostri inverni particolarmente rigidi e umidi, tanto che sopravvive fino ai -15°C

Quanto alla sua classificazione botanica, la Camelia Japonica fa parte appartiene alla famiglia delle Theaceae ed è una delle tante specie di camelia giunte fino a noi. Esistono, infatti, anche varietà cinesi e coreane. In generale, si tratta di un arbusto di medie dimensioni (può raggiungere diversi metri di altezza), sempreverde nel fogliame, che regala una scenografica fioritura rosata. Lo sviluppo dell’arbusto è abbastanza armonico e tondeggiante, quindi è perfetto per chi non ha voglia (o tempo) di procedere a intense e regolari potature. 

Nel linguaggio dei fiori, poi, la Camelia è legata a diversi significati: simboleggia infatti l‘eterna devozione fra gli innamorati, ma è anche simbolo di bellezza senza imperfezioni. Si tratta, quindi, della pianta perfetta da regalare a San Valentino. 

Come prendersi cura della camelia japonica in vaso 

Coltivare la Camelia Japonica in vaso è piuttosto semplice: non serviranno grandissime cure per ottenere fiori grandi e belli. Ecco, allora, tutti gli step da seguire per assicurarsi una magnifica fioritura, che solitamente avviene fra aprile e maggio. 

Come e quando fare la messa a dimora 

È sempre il periodo giusto per acquistare una camelia japonica. La pianta, infatti, può essere messa a dimora tutto l’anno. Quando si sceglie la coltivazione in vaso è importante porla a una profondità di circa 20/30 centimetri, avendo cura di utilizzare un terriccio specifico per piante acidofile. La camelia, infatti, come tutte le piante del suo genere, fa fatica a usare il ferro presente nel terreno, soprattutto se quest’ultimo è ricco di calcio o l’acqua utilizzata per l’irrigazione è piuttosto calcarea. 

Potatura e manutenzione 

La scelta del giusto terreno è forse l’aspetto più gravoso della coltivazione della camelia japonica in vaso. Questo per dire che il resto delle cure riguardano esclusivamente la manutenzione di routine. Come anticipato, infatti, questa pianta non necessita di grandi potature perché cresce naturalmente in modo armonico. Se, tuttavia, dovesse esserci la necessità di accorciare qualche ramo, procedi solo a fioritura terminata. 

Quanto all’esposizione, è bene posizionarla in una zona semiombreggiata della casa o del giardino: il sole, soprattutto se molto forte, può seccare le foglie. Le annaffiature, invece, dovranno essere molto regolari durante i mesi più caldi: in primavera e in estate, infatti, il terreno dovrà essere costantemente umido, evitando però che si inzuppi troppo. Nei mesi invernali, invece, si può irrigare sporadicamente. Durante i mesi più freddi, inoltre, bisognerà prestare attenzione alla temperatura: pur essendo una pianta particolarmente resistente al freddo, nelle regioni in cui le temperature vanno al di sotto dei -15°C gradi sarà necessario spostare la pianta in un luogo più caldo e riparato, per evitare che muoia. 

Come abbinarla in casa? 

La camelia japonica in vaso vive benissimo in qualsiasi tipo di casa, ma si sposa perfettamente con alcuni stili d’arredo. Le piante, infatti, possono esaltare colori, materiali e complementi, contribuendo a creare la giusta atmosfera domestica. 

Stile glam 

Lo stile glamour è caratterizzato da arredi moderni, eleganti e di qualità che puntano su bellezza e ricchezza. E in una casa che vuole essere bella dal primo all’ultimo complemento, non può assolutamente mancare una camelia japonica in casa. Il rosa dei suoi fiori si sposerà benissimo con gli arredi e i colori di una casa che vira dal bianco alla palette del lilla e del porpora. Posiziona la camelia in un un angolo vuoto della tua abitazione: si tratta di una pianta così ricca che arrederà magistralmente lo spazio, inserendosi in modo perfetto in un ambiente votato allo spirito glamour. 

Stile provenzale 

Il fascino antico, elegante e romantico di una casa in stile provenzale può trovare la sua controparte floreale proprio nella camelia Japonica. Averne un vaso, soprattutto in primavera, significa creare un’atmosfera morbida e in palette col resto degli arredi, soprattutto grazie ai magnifici fiori rosati della pianta. Dal salotto al giardino e fino all’ingresso (soprattutto se ampio), la camelia può trovare ampio spazio in un ambiente che si ispira al mood romantico e campestre di questo particolare stile d’arredo.

Stile vittoriano 

Lo stile vittoriano è il non plus ultra dello stile inglese, perfetto per chi vuole dar vita a un ambiente molto elegante e ispirato alle sfarzose dimore storiche tipiche del Regno Unito. Una casa come questa, fra intarsi e complementi dalla forte personalità, può apparire parecchio rigida, soprattutto dal punto di vista dell’atmosfera. È quindi importante includere delle decorazioni floreali, che addolciranno moltissimo l’ambiente. La scelta tipica ricade sulle rose, ma la camelia japonica in vaso è una valida alternativa che con le sue origini giapponesi ben si sposa con il tipico orientalismo vittoriano.

Insomma, se stai cercando una specie floreale facile da coltivare ma scenografica e bella da vedere, la Camelia Japonica è proprio quello che fa per te. Se però cerchi delle alternative, puoi cercarle nella nostra sezione dedicata alle piante da interno.