05.12.2020 Consegne regolari su tutto il territorio nazionale.

Due vasi di fiori in legno con una pianta verde e una rossa ciascuno

La vita in città è frenetica: il lavoro, gli appuntamenti da rispettare, le famiglia e tanto altro. Come fare per staccare la spina dal tran tran giornaliero? Dedicandosi alla natura. Salire sulla macchina e scappare fuori dai confini della metropoli non è però così semplice. E allora che ne dici di portare un po’ di verde tra le mura domestiche? Ti sembra una missione impossibile? Non lo è affatto: la soluzione si chiama giardinaggio urbano! Scopriamo insieme come ricreare un piccolo giardino urbano nella tua casa in città.

I vantaggi del giardinaggio urbano

Ma cos’è il giardinaggio urbano? Si definisce così uno spazio verde ritagliato all’interno di un contesto urbano. Può essere ricavato dal giardino della tua abitazione, da un terrazzo e anche all’interno di un appartamento. Potrà essere caratterizzato da piccole coltivazioni di ortaggi oppure basato semplicemente sulla floricultura per donare un tocco di colore all’ambiente.

Scopriamo ora tutti i vantaggi legati al giardinaggio urbano:

  1.  Toccasana per la salute

    In molti parlano di “ortoterapia”, la quale viene spesso utilizzata nella cura dei pazienti con disturbi psicologici. Coltivare e occuparsi delle piante è un lavoro manuale che permette di ritrovare la calma interiore. Si impara a rispettare il ritmo lento della natura e a comprendere l’importanza della pazienza. Diversi studi confermano che abbia effetti anche sulla regolarizzazione del respiro e del battito cardiaco.

  2. Aiuta la terra

    La questione ambientale è sempre più pressante. Il rispetto della natura e di ciò che ci circonda parte proprio dai piccoli gesti. Riscoprirla attraverso il giardinaggio urbano è un esercizio pratico e quotidiano per capire quanto il verde sia un bene primario a cui non possiamo assolutamente rinunciare.

  3. Risparmio

    Un giardino urbano adibito ad orto permette anche di contenere le spese in chiave alimentare. Hai mai sentito parlare di prodotti a km 0? Ecco tu li avrai a pochi centimetri da te sul tuo balcone, sulla tua veranda o addirittura sulla parete della tua cucina. Inoltre vedere i frutti della terra sbocciare grazie al proprio lavoro ti darà qualcosa che a volte vale anche più del denaro: una gratificazione immensa.

  4. Attività fisica

    Lavorare la terra è sovente sinonimo di impegno e sudore. Quest’ultimo è il risultato dello sforzo fisico a cui sarai sottoposto. Innaffiare, smuovere la terra, riempire i vasi di terriccio sembrano innocue azioni, ma in realtà ti permetteranno di bruciare fino a 400 calorie all’ora.

Giardino urbano: da dove iniziare

Abbiamo fin qui cantato le lodi del giardinaggio urbano, ma da dove iniziare a dar sfogo al nostro pollice verde?

Come in tutte le cose nella vita, anche nell’avvicinamento alla coltivazione fai-da-te bisognerà andare per gradi. Un consiglio: inizia piantando ortaggi a ciclo breve oppure dalle più semplici erbe aromatiche. Se sei un amante dei fiori invece opta per piante resistenti e facili da curare come i gerani.

Ricordati di acquistare sempre piantine già cresciute da trapiantare nei vasi grandi. Dovrai posizionarle alla giusta distanza l’una dall’altra: le zucchine e i pomodori richiedono un diametro di 50/60 cm, mentre per le lattughe, i sedani e le cicorie sono sufficienti vasi da 30 cm. Il periodo ideale per creare il tuo nuovo orto in casa? Le piantine vanno trapiantate tra la fine di marzo e l’inizio di aprile.

Prima di riporre nei vasi le piantine c’è però un aspetto fondamentale da considerare: il terriccio. Se non sarà di qualità difficilmente otterrai dei buoni risultati. In commercio potrai trovare il terriccio già fertilizzato oppure del terriccio bio già concimato.

Prima di riempire il vaso prepara un fondo con argilla espansa o ghiaietti. Infine aggiungi al terriccio della sabbia a grana grossa: aiuterà l’acqua a drenare più facilmente.

Suggerimenti:

Coltivare in giardino

Se hai uno spazio verde fuori casa, la sfida si fa più interessante. Per creare il tuo giardino urbano ti consigliamo di scegliere una zona ben soleggiata e con un facile accesso all’acqua: con 10 metri quadrati hai la superficie necessaria per una produzione quasi autosufficiente. A questo punto puoi scegliere se coltivare direttamente nella terra o se creare dei piccoli “contenitori” usando pallet riciclati oppure delle tavole di legno.

Coltivare in terrazzo o sul balcone

Se abiti in appartamento ma hai a disposizione uno spazio esterno, trova la posizione meglio esposta al sole e inizia a sistemare vasi e fioriere. Rispetto al giardino, devi ricordarti di nutrire molto di più la terra, in modo che piantine e verdure crescano sane e forti. Inoltre, ci sono alcuni ortaggi consigliati specificatamente per ricreare un orto sul balcone, come per esempio insalate, pomodori, spinaci, coste, peperoncini e frutti di bosco.

E se manca lo spazio esterno?

Niente paura: anche se vivi in un monolocale potrai dedicarti al giardinaggio urbano. Come? Posiziona alcune piante aromatiche in cucina: con un portavaso elegante aggiungeranno un tocco di stile, oltre che di verde. In alternativa, puoi appendere qualche scaffale al muro e creare il tuo orto in verticale vicino a una finestra e in una posizione illuminata. In questo caso, opta per vasetti piccoli e ortaggi dalle dimensioni contenute, che possano crescere bene dentro casa: sì ad aromi, come basilico, rosmarino e salvia, ma anche a germogli o insalate.

Se non sei invece interessato agli ortaggi, ma il tuo intento è semplicemente decorativo, sfrutta le fioriere a parete per ricreare affascinanti composizioni sfruttando ad esempio l’edera: una cascata di verde sorprenderà piacevolmente i tuoi ospiti!

Suggerimenti:

Il cottage garden: un’oasi verde in casa

Non è detto che il giardinaggio urbano debba essere obbligatoriamente destinato alla “produzione agricola”. Infatti può semplicemente essere utilizzato per trasformare un balcone o un giardino in un angolo in cui godersi appieno il relax leggendo un libro o chiacchierando con gli amici.

Mai sentito parlare del cottage garden? Deriva direttamente dal sud dell’Inghilterra e si caratterizza per i fiori colorati, trogoli in gres porcellanato e cesti intrecciati in grado di riprodurre un’atmosfera accogliente da casa di campagna nel tuo giardino urbano.

Per realizzarla dovrai seminare una miscela di fiori selvatici: il risultato sarà un caleidoscopio di colori e profumi che inebrieranno il tuo angolo tra natura e relax.

Il giardinaggio urbano si sposa perfettamente con ogni stile. Così potrai passare dal romanticismo inglese ad un più accattivante stile industrial. Senza la necessità di avere obbligatoriamente uno spazio esterno porterai un tocco di natura tra le pareti sfruttando qualche vaso di zinco, cassette di legno o plastica, vecchi carrelli e mensole da giardino dall’aspetto industrial sul quale riporre dei coloratissimi gerani. Semplici da curare si possono sviluppare in verticale o in pendenza risultando perfetti per questo genere di situazione.

Vuoi dare sfogo al tuo pollice verde anche in casa? Leggi le nostre guide nella sezione “Piante da interno“, troverai tanti consigli e idee creative su misura per te!

banner tendenze