24.11.2020 Consegne regolari su tutto il territorio nazionale.

Piantare avocado

L’esotico fin dai tempi antichi ha affascinato gli abitanti del mondo occidentale. Poco importa se l’oggetto dei desideri fossero dei tessuti, delle spezie o quant’altro: nel corso dei secoli i dettagli esotici sono entrati di diritto nelle nostre case e anche sulle nostre tavole. Negli ultimi anni la cucina fusion è diventata sempre più in voga ed indubbiamente uno dei suoi protagonisti più rappresentativi è l’avocado. Hai mai pensato di piantare l’avocado direttamente in casa tua e averlo sempre a portata di mano per preparate un ottimo guacamole? Non pensi sia possibile? Lasciati guidare dagli esperti di Westwing con questa semplice guida su come far crescere una pianta di avocado direttamente tra le mura domestiche.

Come piantare l’avocado step by step

La prima cosa da fare, ovviamente, è procurarsi un seme. Dove? Semplicemente da un qualunque avocado comprato al supermercato. Il nocciolo centrale all’interno del frutto, una volta completamente ripulito dalla polpa, sarà il punto di partenza del nostro “progetto botanico”.

Come piantare il seme dell’avocado? È un procedimento piuttosto particolare, ma non temere, non è per nulla complicato. Prendi il seme ed infilzalo con 4 stuzzicadenti, uno per lato. Dopodiché inseriscilo in un contenitore di dimensioni ridotte: un bicchiere o un barattolo potrebbe essere la soluzione migliore. Gli stuzzicadenti serviranno a mantenere a mezz’aria il seme senza farlo cadere sul fondo.

Versa dell’acqua nel bicchiere facendo attenzione ad immergere solo la parte inferiore del seme, quella meno arrotondata. Posizionalo vicino alla finestra e lascia che la natura faccia il suo corso.

In poche settimane inizierà a sviluppare il fusto, ma soprattutto le radici. Quando queste si creeranno sarà il momento di travasare la pianta in un vaso con dell’apposito terriccio. Il consiglio è quello di utilizzare del terriccio universale con argilla espansa.

Piantare un avocado significa anche prendersi cura della pianta, che richiede particolari attenzioni. Essendo una pianta tropicale avrà bisogno di essere innaffiata frequentemente. Attenzione però: non dovrà mai essere inondata.

L’avocado è una pianta che solitamente cresce fino a circa 10-12 metri di altezza.  Se hai la fortuna di aver a disposizione un giardino, man mano che la pianta crescerà, potresti scegliere di travasarla direttamente nel terreno.

Consigli per piantare l’avocado in casa

L’avocado è una pianta tropicale tipica del centro e del sud America. Prima di riflettere su come piantare il seme di un avocado, dovrai tenere a mente alcuni dettagli piuttosto importanti.

Essendo una pianta tropicale, l’avocado predilige la luce, ma un’eccesiva esposizione ai raggi solare rovinerebbe le foglie, particolarmente sensibili. Di conseguenza la soluzione migliore è disporre il vaso in una zona particolarmente ombreggiata che non riceva più di 3 o 4 ore al giorno di irradiazione diretta.

Il vaso in cui verrà travasato il seme dopo la comparsa delle radici dovrà avere almeno un diametro di 30 centimetri, e man mano che aumenteranno le dimensioni della pianta la dovrai spostare in un contenitore più capiente. Ricorda inoltre che al momento del travaso, la parte superiore del seme non dovrà essere interrata.

Prova a piantare qui il tuo avocado!

Un elemento da non sottovalutare è anche la potatura della pianta soprattutto nella fase iniziale. Appena il fusto avrà raggiunto un’altezza di 6 centimetri dovrai tagliarlo. Attenderai che ricresca e una volta raggiunta nuovamente la misura di 6 centimetri lo taglierai ancora una volta, ma solo di 3 centimetri. Quest’operazione permetterà di dare solidità alla pianta durante il suo sviluppo.

Infine dovrai tener conto della temperatura, la quale non dovrà mai scendere sotto i 4°C. Ricorda che una pianta di avocado per prosperare al meglio necessita di una temperatura compresa tra i 16 ed i 29° C.

Come usare l’avocado in cucina

Fin qui abbiamo osservato come piantare un avocado, ma come sfruttare al meglio i suoi frutti in cucina? Beh, non si può non partire dalla salsa messicana per eccellenza: il guacamole.

Ricetta guacamole

Taglia a metà un avocado in lunghezza, quindi affonda la lama del coltello nel nocciolo per rimuoverlo facilmente. Intaglia poi con un coltellino la polpa, in modo da estrarla con un cucchiaino.

Metti la polpa in una ciotolina e cospargila con del succo di lime. Regola con sale e pepe e schiaccia la polpa con una forchetta. A parte trita invece finemente dello scalogno, taglia dei pomodorini a cubetti ed infine spezzetta del peperoncino. Versa il tutto nella ciotola con la polpa e aggiungi dell’olio. Mescola e amalgama il tutto per ottenere la mitica salsa verde messicana.

Avocado Toast

Il brunch prende sempre più piede e l’avocado toast si sposa alla perfezione con questa nuova tendenza. Come prepararlo? Estrai la polpa dal tuo avocado e condiscila con un po’ d’olio. Trita il tutto con un mixer ed aggiungi del coriandolo per ottenere una crema dal sapore delicato ed esotico.

Tosta le fette di pane e cospargila con la crema appena preparata. Sul letto di salsa di avocado stendi una bella fetta di salmone affumicata e completa l’opera con un ricciolo di burro.

Se stai cercando altre idee e consigli per personalizzare la tua casa, nella nostra sezione “Fai-da-te” puoi trovare tantissimi spunti creativi originali!

banner guide e consigli