Vasi con fiori all'esterno

Arriva il caldo, le giornate si allungano e, con loro, tornano anche le zanzare. Un problema presente sia in città che in campagna che può essere risolto, in parte, scegliendo di decorare casa, balconi e giardini con le classiche piante antizanzare. Il loro profumo, infatti, infastidisce gli insetti tenendoli lontani sia dalle mura domestiche che dagli spazi outdoor. Cosa aspetti a fare una scelta che coniughi funzionalità e home decor? Continua a leggere per scoprire quali sono le piante che tengono lontane le zanzare in modo completamente naturale. 

Caratteristiche delle piante antizanzare 

Esistono tantissime piante antizanzare in natura, potrai quindi scegliere la specie che meglio si adatta allo stile della tua casa e al tuo giardino. Alcune di queste, infatti, possono essere piantate in vaso e vivere dentro casa, sul balcone o sul davanzale della finestra. Altre sono vere e proprie specie arboree, quindi destinate esclusivamente agli spazi outdoor, soprattutto se di ampia metratura. Il segreto di queste specie vegetali sta tutto nelle sostanze emanate dalle foglie e dai fiori, che risultano essere fastidiose per le zanzare e, più in generale, per gli insetti estivi.  

La domanda sorge spontanea: si tratta di piante adatte a tutti o necessitano di cure particolarmente gravose e impegnative? Come vedremo meglio nel paragrafo successivo, ogni pianta antizanzare ha caratteristiche diverse in quanto a esposizione, irrigazione e manutenzione ordinaria. Tuttavia, benché tu debba sicuramente tenerne conto quando sceglierai quelle che faranno al caso tuo, si tratta in generale di piante che necessitano di poche cure perché – essendo per lo più estive – hanno bisogno solo di un clima mite e di una corretta esposizione. Ovviamente dovrai evitare i ristagni idrici sia nel vaso che nel sottovaso perché, oltre essere estremamente dannosi per la pianta, sono il luogo preferito dalle zanzare per riprodursi e proliferare. 

Alcuni esempi di piante antizanzare 

In natura esistono tantissime piante antizanzare e molte di queste possono tranquillamente vivere fra le pareti domestiche. Altre specie, invece, sono piuttosto ingombranti e, pur essendo particolarmente efficaci, sono da destinare esclusivamente alle case con giardino. Ecco le più diffuse. 

Geranio

È la pianta più nota fra quelle antizanzare e, non a caso, in estate fiorisce sui balconi e davanzali di mezza Italia. Inutile dire che il geranio unisce l’efficacia alla bellezza, perché regala bellissimi fiori colorati e super profumati. La buona notizia è che si tratta di una pianta davvero facile da coltivare: posizionala in pieno sole, evita i ristagni d’acqua e fai asciugare il terreno fra un’annaffiatura e l’altra. Con questi pochi consigli otterrai una fioritura da manuale!

Citronella

Si tratta di una pianta cespugliosa che regala foglie lunghe, strette e profumate. Poiché la sua altezza può raggiungere i 100 cm, vive benissimo in giardino o in un terrazzo di ampie dimensioni, ma può sostare anche fra le mura domestiche. Posiziona la pianta in pieno sole in un terreno in grado di drenare bene l’acqua. L’irrigazione deve essere frequente, pur evitando i ristagni. Con l’estratto di questa pianta vengono prodotti spray per il corpo e candele repellenti. È infatti il particolare profumo della citronella ad essere in grado di tenere lontane le zanzare. E non finisce qui: nel sud-est asiatico, dove è conosciuta col nome di lemongrass, la citronella viene usata anche in ambito culinario.

Lavanda

La lavanda è un fiore meraviglioso. Alla sua intrinseca bellezza si aggiunge anche la capacità di tenere lontane le zanzare, particolarità dovuta essenzialmente al suo profumo che, per fortuna, è estremamente piacevole per gli esseri umani. Può essere coltivata sia in giardino che in vaso: abbi cura di scegliere fra le varietà più profumate, da ricercarsi soprattutto nella Lavandula Angustifolia e nella Lavandula Hybrida, detta anche Lavandin. Posiziona la pianta in un luogo esposto al sole e ventilato. Quanto all’acqua, non ne necessità in gran quantità e anzi teme i ristagni idrici.

Falso incenso

L’odore delle sue foglie è molto simile all’incenso usato nelle chiese, che però viene comunemente ricavato da una resina appartenente a un altra pianta. È proprio questa particolare profumazione a tenere lontane le zanzare. Il falso incenso può essere coltivato sia in piena terra che in vaso: in casa, poiché non supera i 60 cm di altezza, può essere ospitato in bellissimi vasi sospesi. Posiziona la pianta in una zona esposta alla luce e ventilata, evitando tuttavia il pieno sole. Essendo una specie tropicale teme la siccità: deve quindi essere innaffiata regolarmente e vivere in un ambiente umido. Per questo, in estate, abbi cura di nebulizzare le foglie nelle prime ore del mattino.

Catambra

Eccoci di fronte alla pianta antizanzare per antonomasia: poiché è disponibile in diversi formati, è perfetta da utilizzare sia dentro che fuori casa. Le sue foglie, infatti, hanno una concentrazione molto alta di catalpolo, sostanza che il naso umano non percepisce ma che risulta essere super repellente per i fastidiosi insetti estivi. La catambra può essere posizionata sia all’ombra che al sole e necessita di poche cure: va bagnata alla bisogna (la terra deve essere sempre umida) e non va potata, perché sono proprio le foglie a determinarne la potenza nella repellenza degli insetti.

Basilico

Forse non tutti lo sanno, ma anche il basilico è un’ottimo rimedio naturale contro le zanzare! Il suo profumo, infatti, contribuisce a tenerle lontane. Inutile dire che si tratta della pianta perfetta da far crescere in vaso in estate, sia dentro che fuori casa. Posizionalo vicino alle finestre così da creare una vera e propria barriera per i fastidiosi insetti. L’unica accortezza per farlo crescere forte e rigoglioso è quella di bagnarlo spesso, perché non ama la siccità. Per fare in modo che produca tante foglie, poi, è opportuno cimare le infiorescenze, evitando che producano semi.

Calendula

Se cerchi una pianta antizanzare che produca fiori, punta tutto sulla calendula, che regala grandi infiorescenze e un intenso profumo: amato dagli uomini, è decisamente sgradito sia dalle zanzare che dai parassiti in generale. Puoi coltivarla sia in piena terra che in vaso, posizionando però la pianta in pieno sole, anche durante l’estate. Bagnala spesso e poco, perché non ama i ristagni idrici e le grandi quantità di acqua. 

Quanto sono efficaci le piante antizanzare?  

Le piante antizanzare sono un aiuto nella lotta a questi fastidiosi insetti estivi, ma non bisogna comunque aspettarsi di eliminare il problema completamente, soprattutto nelle zone molto infestate. Posizionare una o più piante repellenti può essere quindi un valido contributo, che però dovrà accompagnarsi ad altri metodi, anche artificiali. 

Il modo migliore per tenere lontane le zanzare da casa, infatti, e senza dubbio quello di installare delle zanzariere: si tratta del metodo a barriera più efficace perché, di fatto, evita che gli insetti entrino all’interno degli ambienti domestici. 

Se, invece, hai un giardino o un balcone e vuoi viverli a pieno anche durante la stagione estiva, devi investire nella prevenzione, oltre che nelle piante. Per prevenire la diffusione delle zanzare devi partire per tempo eliminando ogni possibile focolaio larvale, ovvero tutti i quei luoghi in cui l’acqua può ristagnare, favorendo la proliferazione degli insetti. Controlla sottovasi e recipienti, sgorga le grondaie e così via. Puoi poi tagliare l’erba che, se particolarmente alta, offre un rifugio perfetto alle uova degli insetti. Anche le siepi sono un ottimo nascondiglio per le zanzare: puoi sostituirle con arbusti antizanzare, così da unire funzionalità ed efficienza. 

Suggerimenti:

Insomma, le piante oltre a essere belle, possono aiutarti anche a vivere meglio fra le pareti domestiche, soprattutto in estate! Se vuoi saperne di più, continua a sfogliare la sezione dedicata alle “Piante da Interno“!