quando potare piante

Se hai scelto di arredare il tuo appartamento con delle piante verdi, ma non sai come prendertene cura, questa guida fa proprio al caso tuo. Molte piante da interno non hanno bisogno di particolari cure se non una minima irrigazione; altre invece necessitano di una potatura regolare e di altri accorgimenti ben precisi. Ma quando è il momento giusto per potare le piante in vaso? Vediamo insieme l’arte della potatura in questa breve guida.

Non tutte le varietà di piante da interno richiedono una potatura nello stesso periodo: generalmente il periodo migliore è durante l’inverno quando la pianta entra nel suo riposo vegetativo. È sempre bene non improvvisarsi, ma seguire per ogni pianta i periodi giusti e le tecniche adeguate di potatura, ricercando in siti specifici di settore o affidandoti ad un fiorista o un giardiniere professionista.

A cosa serve la potatura e regole base

La potatura è un insieme di interventi colturali che si eseguono su alberi, piante fiorite, piante da frutto e piante in vaso. Tagliando la pianta in determinati periodi dell’anno si migliora la crescita, si incentiva la produzione di fiori e frutti, si migliora l’estetica e si previene la diffusione di malattie.

In natura le piante non hanno alcun bisogno di essere potate perché gestiscono benissimo la loro crescita. La potatura è stata introdotta da agricoltori e giardinieri per aumentare la produzione di fiori e frutti e contenere le dimensioni delle piante, fornendo delle forme armoniche dal punto di vista visivo. In alcuni casi la potatura, soprattutto di piante da giardino come alberi o piante sempreverdi, è necessaria per mantenere una certa compostezza e armonia generale.

La potatura si distingue in potatura ordinaria e straordinaria: la prima di riferisce a quegli interventi che avvengono regolarmente durante l’anno, quella straordinaria invece avviene per questioni specifiche e particolari da valutare di volta in volta. Tra le varie tipologie di potatura ricordiamo: la potatura di allevamento, quella di mantenimento, di trapianto, di rimonda e di produzione.

Non esiste una regola sulla potatura perché varia da pianta a pianta. Ci sono però alcuni elementi da tenere in considerazione. La potatura è un’azione che in un certo senso va ad indebolire la pianta, pertanto dovrai considerare se poi la pianta avrà a diposizione ore di luce per potersi rigenerare. Devi avere una buona esperienza e conoscenza della struttura della pianta, per questo rivolgersi ad esperti è sempre il punto di partenza per non sbagliare.

Per gli alberi da frutto il periodo migliore è da febbraio a marzo, in linea generale, e agosto: la potatura viene effettuata per migliorare la qualità di vita della pianta e ottenere quindi un’abbondante produzione di frutti.

Passiamo alle piante in vaso: ideale sempre da metà febbraio. Taglia i rami danneggiati o rotti e taglia quelli più interni per favorire l’arieggiamento e l’illuminazione della pianta. Elimina le foglie rovinate o ingiallite che stanno per cadere.

Vediamo qualche passaggio per non sbagliare nella potatura delle piante in vaso:

  1. Accorcia i rami troppo lunghi che pendono dalla pianta

    Ti accorgerai visivamente dei rami di troppo e di quelli più sottili da poter rimuovere.

  2. Non rimuovere più del 20% delle foglie

    Attenzione a non farti prendere da una potatura compulsiva perché potresti danneggiare la crescita della pianta.

  3. Fertilizzante post potatura

    Diluisci del fertilizzante in acqua e restituisci un po’ di forza alla tua pianta.

Periodi di potatura: in che stagione potare le piante?

Non esiste un periodo giusto per la potatura, perché ogni specie ha una stagione ben precisa in cui poter essere potata evitando di danneggiare o far morire la pianta.

L’inverno e la tarda primavera sono i due periodi migliori: in primavera in genere avvengono le potature più massicce prima che spuntino le foglie nuove, in inverno il periodo di riposo vegetativo della pianta consente di intervenire senza danneggiarle.

Nel periodo estivo intervieni solo sulle piante che hanno già ultimato la fioritura. Il periodo autunnale comporta dei periodi di cicatrizzazione della pianta abbastanza lunghi e per questo la sottopone ad attacchi di funghi.

Quali attrezzi usare per potare le piante in vaso

Quali sono gli attrezzi giusti che devi avere?

Per prima cosa accertati che gli attrezzi siano ben puliti e non arrugginiti e di avere a disposizione un paio di guanti. Pulisci bene gli attrezzi per tenere lontana la pianta da parassiti e batteri che in un momento delicato come la potatura potrebbero attaccarla.

Per i rami più piccoli puoi utilizzare delle forbici, per quelli un po’ più robusti invece delle cesoie: assicurati che siano ben affilate per evitare di danneggiare i rami.

Pulisci le foglie della tua pianta da appartamento con un panno umido al fine di eliminare polvere e sporcizia: le foglie torneranno ad un verde vivace e brillante. Semplici strumenti e consigli del mestiere!

Suggerimenti:

Cerchi altri consigli su piante e fiori? Dai uno sguardo alla categoria “Piante da interno“: troverai tanti suggerimenti per scegliere le varietà più adatte e prendertene cura nel modo migliore!

banner guide e consigli