frigorifero con alimenti salutari

Il cielo azzurro, il sole caldo e una brezza che sfiora la pelle: in spiaggia, al lago o in montagna, concedersi un po’ di tempo per la tintarella è sempre piacevole. Oltre ad applicare le creme solari più adatte, per sfoggiare un’abbronzatura perfetta anche l’alimentazione conta. Frutta e verdura, in particolare, giocano un ruolo cruciale perché ricche di nutrienti preziosi. Hai già voglia di sdraiarti sul lettino e rilassarti? Scopri i consigli su cosa mangiare per abbronzarsi e per sfruttare al massimo la bella stagione, senza rischi di scottature.

Cosa contengono i cibi abbronzanti

Ogni persona è unica sotto i raggi solari: c’è chi si scotta subito e chi dopo pochi giorni di vacanza riesce a sfoggiare un’abbronzatura invidiabile. Ciò è in gran parte dovuto alla melanina, il pigmento responsabile dell’abbronzatura che si trova nei capelli, nella pelle e persino negli occhi. Se vuoi migliorare il colorito della pelle, velocizzando le sedute sul lettino, inizia a mettere in tavola gli alimenti giusti. Per sapere cosa mangiare per abbronzarsi basta verificare la presenza di alcuni elementi principali che favoriscono la tintarella e aiutano a mantenere la pelle elastica e idratata.

Per abbronzarsi bene e in modo sano è importante consumare cibi che contengono beta-carotene, un precursore della vitamina A appartenente alla categoria dei carotenoidi che stimola la produzione di melanina. È contenuto soprattutto nella frutta e verdura di colore giallo, rosso e arancione. Un altro elemento da non sottovalutare per un’abbronzatura perfetta è il licopene, un carotenoide che rende la pelle più resistente al sole. Gli Omega 3 e Omega 6, invece, aiutano a mantenere la pelle giovane e tonica, così come la vitamina E e gli antiossidanti presenti soprattutto in alcuni tipi di oli vegetali. Via libera quindi a macedonie, frullati e insalate, meglio ancora se a base di verdure crude e frutta di stagione.

7 cibi per un’abbronzatura perfetta

Una volta identificati i nutrienti da preferire, scoprire cosa mangiare per abbronzarsi è un gioco da ragazzi. Per aiutarti a variare la tua “dieta abbronzante”, abbiamo raccolto gli alimenti che non possono mancare se ami prendere il sole durante i mesi caldi.

Carote

Le carote contengono una buona fonte di vitamina A e in particolare una percentuale più alta di beta-carotene rispetto ad altri alimenti, come il melone e la zucca. Sono un ottimo alleato perché ricche di acqua e sali minerali, oltre ad essere ipocaloriche. Portale in spiaggia come spuntino sano!

Ananas

Dissetante e fresco, l’ananas è noto principalmente per il suo effetto diuretico e anticellulite; il suo elevato contenuto di bromelina, un tipo di enzima, ha un effetto anti-invecchiamento e di protezione della pelle, indispensabile soprattutto quando si prende il sole.

Ciliegie

Rispetto ad altri frutti rossi, le ciliegie contengono una percentuale maggiore di beta-carotene. Puoi consumarle come spezzafame a metà mattino o pomeriggio, alternandole a fragole, mango e anguria, altri frutti consigliati per la tintarella.

Pomodori

Oltre alla vitamina A, i pomodori sono ricchi di antiossidanti e di licopene, l’antiossidante naturale che aiuta a contrastare l’invecchiamento cutaneo e a proteggere la pelle dai danni dei raggi solari. Crudi o cotti, non importa: i pomodori non possono davvero mancare in tavola durante la bella stagione.

Pesche

Le pesche sono una fonte di vitamina A e C, che favoriscono l’abbronzatura, proteggendo la pelle dall’invecchiamento precoce. Succose e dolci, le pesche sono anche rinfrescanti, disintossicanti e tonificanti.

Sedano

Non l’avresti mai detto, vero? Eppure il sedano è uno dei alimenti che favoriscono l’abbronzatura. Tutto merito del suo apporto di vitamina A e carotenoidi. In più, è ricco di acqua, quindi aiuta a mantenere una corretta idratazione. Mangialo crudo, come spuntino, oppure prepara un estratto mixandolo con frutta e verdura.

Frutta secca

Gli acidi grassi Omega 3 presenti nella frutta secca migliorano l’elasticità dell’epidermide e riequilibrano gli ormoni responsabili dell’idratazione cutanea. Mandorle, nocciole, noci e tutti gli altri tipi di frutta secca contengono inoltre la vitamina E, dall’elevato potere antiossidante.

Non dimenticarti l’acqua!

Oltre a sapere cosa mangiare per abbronzarsi, è importante mantenere idratata sempre la pelle per favorire la rigenerazione della pelle. Bevi molta acqua, almeno due litri al giorno, e segui altri piccoli consigli per ottenere un colorito salutare e preservare la pelle da scottature ed eritemi.

  • Prepara la pelle all’abbronzatura facendo uno scrub delicato qualche giorno prima dell’esposizione.
  • Evita di esporti al sole durante le ore più calde, ovvero dalle 11 alle 16.
  • Inizia gradualmente ad abbronzarti, per evitare di scottarti.
  • Applica la protezione solare più di una volta al giorno.
  • Se fai il bagno in mare o in piscina, risciacqua la pelle con acqua dolce per rimuovere salsedine e cloro, poi riapplica la protezione solare.
  • A fine giornata, dopo la doccia, applica una crema doposole per rinfrescare la pelle.
  • Per prolungare l’abbronzatura, continua a consumare i cibi che ti abbiamo indicato, evita di fare bagni caldi e indossa indumenti in fibre naturali.

Indispensabili per un pranzo in spiaggia:

Ti sono piaciuti i nostri consigli su cosa mangiare per abbronzarsi? Nella nostra sezione “Alimentazione” puoi scoprire subito tante altre guide utili!

banner guide e consigli