05.12.2020 Consegne regolari su tutto il territorio nazionale.

Golden milk

Quando le temperature si abbassano non c’è niente di meglio di una bevanda calda e salutare. Se non hai ancora provato il golden milk, ora è il momento perfetto per farlo! Questa preparazione dal nome così evocativo si basa sulla secolare tradizione ayurvedica ed è nota per i benefici su corpo e mente. Per realizzare la ricetta classica del golden milk basta un quarto d’ora: scopri tutti gli ingredienti necessari e qualche alternativa gustosa. Una volta assaggiata una tazza di questo elisir dorato, non potrai più farne a meno!

Cos’è il golden milk?

Conosciuto anche con il nome Haldi Doodh, è una preparazione tradizionale ayurvedica super nutriente e dalla texture cremosa. L’Ayurveda è uno dei sistemi medici olistici più antichi al mondo, nato oltre 4.000 anni fa in India, ed è ancora ampiamente utilizzato in molte parti del mondo. La medicina occidentale studia da tempo molte di queste pratiche millenarie e ne ha riconosciuto e adottato molti principi.

L’ingrediente principale di questo “latte d’oro” è la curcuma, che gli conferisce un bel colore giallo e molti benefici curativi. Per giungere alla consistenza finale serve però anche il latte oppure un’altra bevanda vegetale. Ma come ha fatto a diventare così famoso il golden milk? Gli ingredienti del suo successo sono tre: il passaparola, la sua popolarità sui social media (è ultra instagrammabile!) e infine il sapore unico.

Benefici e proprietà

La curcuma è una delle spezie più care alla tradizione dell’India ed è indicata per dare sollievo ad alcuni malesseri comuni, dal raffreddore ai dolori mestruali. La curcumina, il principio attivo contenuto in questa pianta rizomatosa, ha infatti proprietà medicinali ed è usata per molti scopi curativi.

La medicina ayurvedica e cinese prescrivono da secoli questa spezia come sostanza lenitiva e rilassante prima di andare a letto, come la camomilla. Tuttavia, da sola la curcumina non viene assorbita facilmente dall’organismo: diventa molto più assimilabile solo se combinata con i grassi del latte e la piperina, il composto attivo del pepe nero. E sono proprio questi gli ingredienti principali del latte d’oro.

Tra i benefici del golden milk ricordiamo che:

  • aiuta la digestione e favorisce il sonno;
  • contiene potenti antiossidanti;
  • ha proprietà antinfiammatorie e antidolorifiche;
  • svolge un effetto detox sull’organismo;
  • sostiene il sistema immunitario;
  • stimola il metabolismo.

Come preparare il golden milk

Come già anticipato, per avere la tua tazza fumante di latte d’oro fatto in casa basta una manciata di minuti. Ma come si prepara il golden milk secondo la ricetta tradizionale? Innanzitutto devi partire dalla pasta di curcuma, che andrai poi ad aggiungere al latte.

La ricetta della pasta di curcuma

Per preparare la pasta di curcuma per il golden milk ti serviranno:

  • 4 cucchiai di curcuma biologica in polvere
  • Un pizzico di pepe
  • Un pizzico di cannella
  • Un pizzico di cardamomo
  • 1/2 tazza di acqua filtrata

Mescola tutto in un pentolino in acciaio inox e fai cuocere a fuoco lento per 15 minuti circa, fino a ottenere una consistenza più solida. Et voilà, avrai già la tua pasta di curcuma, che potrà poi essere conservata in frigo per due settimane, dentro un vasetto. In India è abitudine mangiare una pallina di questa pasta, come se fosse una caramella, quando si è raffreddati o si ha un’influenza stagionale.

E adesso arriva il meglio! Per preparare il golden milk, scalda una tazza di latte sul fornello e, prima che arrivi a ebollizione, spegni e aggiungi 1/4 di cucchiaino di pasta di curcuma, un cucchiaino di olio di mandorle o di cocco e infine un po’ di miele per dolcificare.

Se non hai in casa il latte vaccino, puoi preparare il golden milk con il latte di capra o con altre bevande vegetali (mandorla, noci, nocciole, riso, soia, ecc.). Puoi anche aggiungere altre spezie, secondo il tuo gusto, come ad esempio lo zenzero, la noce moscata e lo zafferano.

Suggerimenti:

Quando bere il golden milk

Secondo la tradizione ayurvedica, per combattere raffreddore e influenza è consigliato bere una tazza di latte d’oro al mattino o appena prima di andare a dormire. In particolare, di sera può essere particolarmente utile per chi fatica a prendere sonno. Ci sono però altri momenti della giornata in cui concedersi un golden milk.

Golden milk dessert
  • Bevilo al posto del caffè o del tè: la sua componente aromatica è molto gradevole e stimola il cervello a rilasciare serotonina e altri ormoni del benessere, per sostenere e migliorare la tua giornata.
  • Sostituiscilo al latte della colazione: provalo con i tuoi biscotti preferiti… sarà una vera scoperta! In alternativa, puoi persino versarlo nel muesli.
  • Portalo in tavola come dolce: aggiungi alla ricetta del golden milk qualche ingrediente in più, come granella di mandorle, bacche di goji o datteri interi snocciolati, versa tutto in piccole coppette e proponilo ai tuoi ospiti come dessert.

Vuoi sorprendere il tuo palato con nuovi sapori? Segui i nostri consigli nella sezione “Alimentazione” e lasciati stupire!

banner lifestyle