beauty routine coreana

La pelle delle donne coreane è un mito di perfezione: Ievigata ed elastica, piena di luce e priva di imperfezioni. Tutto merito dei geni? Non proprio: la beauty routine coreana prevede un rituale rigoroso – per non dire maniacale – di pulizia e cura della pelle. Eseguito con cosmetici di alta qualità e basato su un trattamento “a strati”, strutturato in 10 step. Ma niente paura: la skincare coreana prevede anche una versione semplificata. Vediamo entrambe le opzioni.

Skincare coreana: le caratteristiche

Per la skincare coreana, l’oggetto del desiderio è l’effetto “glow” (o “glass skin”): una pelle così uniforme e luminosa da risultare quasi brillante, come se il viso fosse ricoperto da un sottile strato di rugiada. Pensi che i filtri siano l’unico modo per ottenere questo risultato (oltre al make up illuminante)? Forse sì, ma se il tuo obiettivo è affinare la grana cutanea e ravvivare il colorito la beauty routine coreana può essere di grande aiuto.

A fare da apripista alla “K-beauty” è stata la BB cream, in origine il bleamish balm: un trattamento che ha portato alla ribalta un concetto di bellezza a metà fra make up e skincare. Più in generale, i cosmetici impiegati dalla beauty routine coreana si caratterizzano per le formule innovative, privilegiando gli ingredienti naturali e altamente tollerabili.

I 10 step della beauty routine coreana

Come per tutti i rituali di beIlezza che si rispettino, il segreto è la costanza. Nel caso della skincare coreana, è necessario un pizzico di pazienza in più: gli step da seguire, infatti, sono ben 10. Vediamoli tutti uno per uno, prima di scoprire la routine “semplificata”.

  1. Olio detergente

    La beauty routine coreana prevede una pulizia profonda del viso: il primo step consiste nell’applicazione del cleansing oil, un detergente a base oleosa. Il suo scopo è pulire la cute dalle scorie più grossolane, come gli accumuli di sebo e le tracce di trucco. 

  2. Detergente schiumoso

    La seconda fase di detersione prevede l’uso di un prodotto a base acquosa – in versione gel cleanser, cream cleanser (crema) o foam cleanser (mousse) – per rimuovere i residui più sottili. 

  3. Esfoliazione

    Dopo il cosiddetto double cleansing (la doppia detersione) è la volta del peeling, da eseguire una o più volte a settimana in base al tipo di pelle (grassa, mista o secca).

  4. Tonico e face mist

    A questo punto comincia la fase di idratazione. Il primo prodotto da utilizzare è il tonico, liquido o in versione face mist, uno spray da nebulizzare sulla pelle per tonificarla, idratarla e riequilibrare il pH.

  5. Essence

    La K-beauty non può fare a meno della cosiddetta “essence”, un prodotto a metà tra il tonico e il siero, ricco di attivi ad azione idratante e antiage. Lo puoi trovare in versione gel con texture leggera o in versione semiliquida (nel qual caso viene detto first essence).

  6. Siero

    Un’altra componente della skincare coreana è il siero viso ad azione specifica: detox, antiage, illuminante o antimacchie. Puoi usarlo ogni giorno o per periodi più brevi, secondo necessità: anche in versione super concentrata (booster e ampoule).

  7. Maschera

    La maschera di bellezza è una coccola irrununciabile per la pelle: tanto più se si tratta di una maschera in tessuto, un prodotto tipico della beauty routine coreana.

  8. Contorno occhi

    Senti il bisogno di riconfortare la zona perioculare, o di alleggerire borse e occhiaie? Di tanto in tanto puoi ricorrere a un prodotto specifico per il contorno occhi, come un patch rinfrescante o antirughe.

  9. Crema viso

    La crema viso completa il rituale di bellezza: la crema giorno è facoltativa, mentre è un must la crema viso notte che aiuta la pelle a rigenerarsi durante il sonno. 

  10. Protezione solare

    La skincare coreana è molto attenta a proteggere la pelle dal fotoinvecchiamento: il filtro solare anti UV è irrinunciabile in tutte le stagioni.

I pilastri della skincare coreana

Scopo della beauty routine coreana è, anzitutto, quello di proteggere la pelle dagli effetti dell’inquinamento e dall’invecchiamento precoce. La cosa fondamentale, dunque, è idratare la cute e conservarne la purezza, scegliendo cosmetici ipoallergenici e di alta qualità, preferibilmente con ingredienti biologici. Non è necessario eseguire tutti gli step elencati: come abbiamo visto, molti passaggi sono facoltativi e possono essere eseguiti con cadenza periodica o quando ne avverti l’esigenza.

Cerca di sfruttare la sinergia fra i diversi prodotti, optando eventualmente per i cosmetici multiuso. Se vai di fretta puoi limitarti a una routine più essenziale, senza rinunciare agli step fondamentali della skincare coreana: detergente a base acquosa, tonico, essence e solare. Non dimenticare, infine, che per la K-beauty conta molto la gestualità: nell’applicare i diversi prodotti, aiutati con movimenti rapidi e leggeri, picchiettando delicatamente il viso per favorire l’assorbimento dei principi attivi e per tonificare la pelle.

Ogni pelle è diversa ed ha esigenze particolari che non vanno sottovalutate. Se questo tipo di beauty routine non fa al caso tuo, scopri tutti i nostri consigli e suggerimenti nella sezione dedicata al “Beauty“.

Scegli lo specchio adatto per la tua beauty routine:

banner guide e consigli