beauty routine per evitare problemi di acne

Ricordi i tempi in cui la mascherina ci sembrava un oggetto bizzarro? Sono lontani: ormai la si indossa con disinvoltura, interpretandola talvolta come un accessorio fashion. Il suo uso quotidiano e prolungato, tuttavia, può provocare qualche fastidio cutaneo, specie per chi ha la pelle sensibile. Cos’è l’acne da mascherina – la cosiddetta maskne – e come si contrasta? Scopri la nostra guida con tanti consigli e suggerimenti.

Maskne: cos’è e quali sono le cause

La mascherina si è affermata come uno strumento essenziale per prevenire l’infezione da Covid-19. Eppure, questo dispositivo non è certo un toccasana per la pelle del viso, anzi: in molti casi può essere fonte di irritazioni, rush cutanei e manifestazioni di tipo acneico. Questo fenomeno ha un nome preciso: maskne, neologismo che sposa le parole “acne” e “mascherina” (mask in inglese). Quali sono le cause che scatenano l’acne da mascherina? Il primo elemento è l’attrito meccanico del tessuto contro il viso che può provocare desquamazione cutanea e piccole abrasioni, anche in corrispondenza dell’elastico ossia dietro l’orecchio. La scarsa ossigenazione della pelle, inoltre, crea un ambiente ideale per la proliferazione dei batteri, causando l’ostruzione dei pori e l’accumulo di sebo sotto forma di brufoli e punti neri. Bersaglio preferito di questi inestetismi sono il mento, le labbra e il naso. La maskne è dovuta anche alla respirazione all’interno della mascherina e al conseguente aumento della temperatura e dell’umidità: situazione che può sfociare in un’alterazione del pH e in fenomeni di secchezza e sensibilizzazione cutanea.

Rimedi contro i brufoli da mascherina

Come intuibile, chi ha la pelle reattiva, molto grassa o con tendenza acneica è più esposto alla maskne.  Quali sono i rimedi e gli accorgimenti utili per prevenire la comparsa di brufoli e irritazioni da mascherina?

  1. Ossigena la cute

    Se possibile, di tanto in tanto, togli la mascherina per qualche secondo. Così facendo darai modo alla pelle di asciugarsi e di ritrovare il comfort. Volendo puoi utilizzare una salvietta rinfrescante o vaporizzare un po’ di acqua termale.

  2. Cura l’igiene della mascherina

    Quando rimuovi la protezione, fai attenzione a dove la metti. Può capitare a tutti una svista, come appoggiare la mascherina sul tavolino del bar. Non è una buona idea: le superfici possono nascondere batteri e sporcizia che, una volta indossata la mascherina, sono a diretto contatto con la pelle e con le mucose.

  3. Valorizza la skin routine

    Ricordati di detergere perfettamente la pelle mattina e sera e scegli con cura la crema idratante. Un prodotto troppo cremoso e nutriente, infatti, rischia di occludere i pori e di favorire l’accumulo di sebo e altre impurità. Scegli sempre cosmetici non comedogeni per non esporre la pelle ad allergie.

Quale mascherina usare per prevenire la maskne?

Brufoli e arrossamenti non sono l’unica controindicazione possibile legata alla mascherina. In alcuni casi, infatti, possono insorgere dermatiti da contatto ealtre problematiche da non sottovalutare. In questo caso è bene cambiare dispositivo e orientarsi sui prodotti caratterizzati da maggiore tollerabilità cutanea. L’ideale è scegliere mascherine realizzate con materiali di alta qualità per ridurre il rischio di irritazioni. Se l’uso della FFP2 o di dispositivi ad alta protezione non è strettamente necessario, è meglio preferire prodotti più leggeri, perlomeno all’aria aperta e in tutte le situazioni a basso rischio. Non dimenticare che la mascherina non va usata per troppe ore di fila, specie durante l’attività fisica. Se indossi una mascherina in tessuto lavabile, detergila accuratamente dopo ogni utilizzo e indossala solo quando è perfettamente asciutta.

Acne da mascherina: come curarla

La tua pelle ne ha abbastanza della mascherina e la maskne è diventata ormai una presenza costante? È il caso di correre ai ripari! Ecco qualche consiglio per alleviare la cute stressata.  

Non sottovalutare l’importanza dell’alimentazione. Evita l’eccesso di latticini, zucchero, cioccolato e alimenti che possono creare allergie e infiammazioni. Cerca di seguire una dieta equilibrata e ricca di vitamine.

Affidati ai prodotti naturali per dare sollievo alla pelle, come l’aloe vera, molto efficace per trattare le piccole lesioni cutanee. Anche l’olio di tea tree può risultare utile per il suo effetto antimicrobico, così come l’olio di iperico ed enotera, ad azione antinfiammatoria e antiage, e i prodotti lenitivi formulati con calendula.

Usa detergenti e cosmetici privi di alcol e ben tollerati, come il sapone di Aleppo, per la detersione quotidiana del viso. Affidati a un tonico leggero a base acquosa per purificare la pelle senza alterare il film idrolipidico. Eventualmente puoi utilizzare prodotti specifici per pelli grasse e acneiche, come quelli a base di niacinamide. Anche l’esfoliazione è utile, purché sia delicata: non è il caso di eccedere con gli scrub che possono avere un effetto troppo aggressivo sulla pelle già irritata.

Se queste abitudini non bastano per ridurre i disturbi cutanei, la cosa migliore è rivolgersi al tuo medico o al dermatologo. 

Mascherina o no, è imporante prendersi cura della pelle, creando una routine adatta alle proprie esigenze. Per altri consigli dai un’occhiata alla nostra sezione dedicata al mondo “Beauty“.

Tieni in ordine i tuoi prodotti per la skincare con i nostri suggerimenti:

banner guide e consigli