Risparmiare significa vivere di rinunce? Non necessariamente: piuttosto, significa dare valore ai propri soldi e imparare a non sprecarli. L’importante è avere un po’ di disciplina e cercare di tenere sotto controllo le spese (soprattutto quelle superflue). Come risparmiare senza modificare radicalmente le proprie abitudini di vita? Vediamo qualche spunto per organizzare al meglio il bilancio mensile. 

Fissati degli obiettivi e stabilisci un budget

Spendere i soldi, si sa, è molto più facile che guadagnarli: rinunciare a uno sfizio può essere piuttosto difficile. Un buon incentivo è fissare degli obiettivi di risparmio: ad esempio, accantonare il budget per le vacanze o per la bici nuova entro una certa data (per ipotesi, entro due o tre mesi). Se l’obiettivo è realistico – e non troppo banale – tagliare le spese inutili verrà da sé.   

Come risparmiare? La prima regola è avere ben chiare le spese da gestire nel breve (e lungo) periodo. Ti consigliamo di tenere sott’occhio un calendario con le principali voci di spesa da affrontare di mese in un mese (tasse, assicurazione e bollo auto, commercialista e così via). In questo modo sarà più facile farsi un’idea del budget da dedicare agli extra (senza mai dimenticare, ovviamente, la possibilità di dover affrontare delle uscite impreviste). 

Tieni d’occhio le tue spese ricorrenti 

Anche se di importo ridotto (e apparentemente insignificanti) le spese ricorrenti possono avere un grande impatto sul budget mensile e annuale. Annotare le uscite su un foglio excel (per un trimestre o più) aiuta a farsi un’idea precisa del margine utile per tagliare le spese. Vediamo gli esempi più classici. 

Il caffè a colazione 

Per molti, il caffè è un rito irrinunciabile che aiuta a trovare energia e concentrazione (oltre a deliziare il palato). Bere il cappuccino o l’espresso al bar – magari, con tanto di bignè o cornetto – non è la stessa cosa che prepararlo a casa. Dal punto di vista economico, ricaricare ogni giorno la macchina per espresso con capsule gourmet,  o accontentarsi della classica moka, è una scelta che fa la differenza. 

Suggerimenti:

La benzina 

Alla luce del caro carburante, tenere d’occhio i prezzi è un must. Oltre a confrontare le tariffe dei distributori, presta attenzione al costo del servizio e allo stile di guida: cerca di ridurre il consumo e di ottimizzare il numero di chilometri che fai con un litro di benzina. Rinunciare alla guida “sportiva” può essere una buona idea, così come sostituire l’auto con la bici tutte le volte che ne hai l’occasione. 

Il pranzo a lavoro 

Trovare il tempo per cucinare, dopo una lunga giornata in ufficio, non è così scontato: ciò non toglie che la pausa pranzo sia tra le voci più significative del budget mensile, specie per chi ama la qualità. Eliminare i pranzi a ristorante sostituendoli con dei pranzi portati da casa è garanzia di risparmio, e di salute: il portapranzo è praticamente irrinunciabile per chi vuole mangiare sano e leggero.  

Luce, acqua e gas 

Al di là del contratto di fornitura, le abitudini sono molto importanti per tagliare – o contenere entro limiti ragionevoli – il costo delle bollette. Budget permettendo, ti consigliamo anche di valutare eventuali migliorie per aumentare le prestazioni energetiche della casa: dall’acquisto di nuovi elettrodomestici alla scelta di infissi a risparmio energetico.  

Alcune strategie di risparmio 

Come risparmiare senza cedere agli sfizi? Per gestire facilmente le risorse a disposizione puoi ispirarti a metodi specifici per schematizzare il budget mensile: ecco qualche esempio.  

Regola del 50/30/20 

In linea di massima, questa è la proporzione da rispettare per organizzare le spese mensili e per gestire il proprio reddito: 50% per coprire le spese essenziali (vedi spesa e affitto), 30% per le spese variabili (come shopping e svago) e 20% per il risparmio. Ovviamente, questa proporzione può variare in base al periodo (le spese discrezionali possono azzerarsi per coprire uscite impreviste, come ad esempio il veterinario).  

Regola a budget zero 

Con un po‘ di allenamento ti risulterà abbastanza facile prevedere le uscite di mensili (senza pretendere di avere la sfera di cristallo). Il budget a base zero consiste, per l’appunto, nel pianificare le spese in modo da raggiungere il pareggio con le entrate, fatto salvo un margine di errore del 10% circa. Ricordati di conteggiare la cifra da destinare al risparmio che, di conseguenza, andrà “sottratta” idealmente allo stipendio. 

Regola delle 48 ore 

Come risparmiare se hai la tendenza allo shopping compulsivo? Semplice, rispettando la regola delle 48 ore: prenditi un po‘ di tempo – almeno due giorni – per capire se si tratta di un acquisto necessario o di un mero capriccio. 

Il fondo di emergenza 

Accantonare ogni mese una porzione dello stipendio – piccola o grande che sia – è una scelta intelligente. Puoi optare per un prodotto finanziario (come un conto deposito) o decidere, semplicemente, di “congelare” una percentuale dello stipendio.  

Ottimizzare il budget aiuta a vivere con più tranquillità i momenti di svago: se cerchi nuove idee, leggi le nostre guide dedicate al tempo libero