Alla base della filosofia del decluttering c’è l’idea che fare spazio e fare ordine serva a liberarsi del superfluo e a mantenere solo le cose essenziali che ci fanno stare bene. Questo principio non vale solo per la casa, ma anche dentro di noi: possiamo imparare a liberarci da pensieri ed emozioni negative per vivere meglio. In questa guida parliamo proprio di decluttering mentale.

Cosa significa decluttering mentale ed emotivo?

Si parla moltissimo di come fare spazio riordinando casa, ufficio, armadi e cassetti. Però esiste un altro tipo di ordine, interno, che sicuramente scaturisce da quello esterno, ma spesso ha bisogno di una sua “pulizia” specifica: il decluttering mentale ed emotivo.

Spesso ci sentiamo appesantiti dallo stress, emozioni tossiche, pesi che derivano da eventi del passato, pensieri negativi che ci impediscono di affrontare le giornate con uno sguardo positivo. A volte non riusciamo a renderci conto di cosa realmente ci appesantisca, perché siamo sopraffatti da queste emozioni, ma a piccoli passi è possibile alleggerirci facendo ordine dentro di noi.

Oggi vogliamo darti qualche spunto per iniziare a riflettere sul decluttering mentale.

Decluttering mentale: esercizi e buone abitudini

Proprio come l’ordine in casa è una questione di abitudine ed esercizio, lo è anche quello mentale ed emotivo. Soprattutto se sei in un momento di particolare stress, è importante ripulire la mente, mettendo in pratica alcuni suggerimenti che la alleggeriscono immediatamente.

Fai ordine intorno a te

Creare un ordine esterno è il primo passo per liberare spazio anche dentro di noi. Una casa invasa dal caos è un luogo dove non puoi riposarti mentalmente, perché ti costringe a pensare sempre che dovresti sistemare qualcosa. Per iniziare a fare ordine intorno a te, puoi partire dalla nostra guida al decluttering.

Rallenta

Se i ritmi lavorativi sono diventati ingestibili, se arrivi a fine giornata senza energie, se il tempo libero non esiste più, è arrivato il momento di rallentare. Prenditi una pausa, una giornata libera o anche solo un pomeriggio di stacco, un weekend per fare solo quello che ti piace, per dormire fino a tardi e lasciare fuori dalla porta gli impegni del quotidiano. Anche scrivere ciò che ti fa stare bene e ciò che vuoi eliminare dalla tua vita può essere un ottimo aiuto per sentirti meglio.

Elimina le relazioni tossiche

Il principio del decluttering di “fare spazio” può applicarsi anche alle relazioni. A volte instauriamo rapporti amorosi, ma anche lavorativi e affettivi, con persone che risucchiano le nostre energie. Se senti che una persona che hai vicino non ti fa stare bene, forse è il momento di rivalutare questa relazione, e di prenderne le distanze.

Fatti un regalo

A volte i primi nemici di noi stessi siamo noi, i critici più intransigenti dei nostri errori e delle nostre mancanze. Se senti di essere così anche tu, prova a spezzare il cerchio e concediti un po’ di gratitudine, fatti un complimento per i risultati che hai ottenuto finora, e premiati! Basta una piccola cosa: un massaggio rilassante, una colazione al bar, una bottiglia di vino.

Prenditi un momento solo per te

Colleghi, compagni, figli, genitori… le nostre giornate sono spesso un turbinio di incontri e di riconcorsa alle esigenze di chi ci sta intorno. Fermati e pensa: quand’è stata l’ultima volta che hai pensato solo e unicamente a te? Se la risposta si perde nell’oblio degli anni, è il momento di prenderti una giornata per goderti la solitudine e lasciare il mondo fuori: gli altri possono stare senza di te fino a domani.

5 Consigli per mantenere la serenità

Il decluttering emotivo non è un obiettivo che si raggiunge da un momento all’altro, ma si alimenta attraverso una serie di abitudini che ti aiutano a mantenere la serenità e a lasciare sempre libero quello spazio che hai creato dentro di te.

  1. Fai un passo alla volta

    Controllare le emozioni negative è un allenamento da fare giorno dopo giorno, e non devi avere la pretesa di raggiungere una calma zen nel giro di poco tempo. Goditi anche il più piccolo passo in avanti, perché è a partire da quello che potrai raggiungere grandi distanze.

  2. Circondati di persone positive

    Il consiglio speculare a quello di liberarsi dalle relazioni tossiche è di circondarti solo di persone che ti fanno sentire bene. La positività è energia che si autoalimenta, ed è soprattutto contagiosa, come un sorriso che risponde a un altro sorriso.

  3. Prova qualcosa di nuovo

    A volte ci sentiamo bloccati perché le nostre giornate sembrano tutte uguali, e la paura ci impedisce di fare un salto fuori dalla nostra zona di comfort. Non aver paura di osare, e prova a fare qualcosa che non hai mai fatto prima: vedrai che si innesterà una reazione a catena che ti farà subito sentire meglio.

  4. Tieni un diario

    Quando scriviamo, soprattutto a mano, la nostra mente viene stimolata ad uscire dai confini e spesso grazie alla parola scritta riusciamo a esprimere emozioni e pensieri che non immaginavamo di avere. Tenere un diario è una buona abitudine per riconnettersi con le tue emozioni più profonde.

  5. Fai movimento

    Ormai è assodato, fare sport non solo fa bene al corpo, ma anche alla mente, perché libera endorfine e migliora l’umore. Anche se è tanto tempo che non ti alleni, inizia con una camminata di un’ora al giorno, e sentirai subito la differenza.

La serenità interiore è data anche dall’ambiente che abbiamo intorno. Una casa in cui stiamo bene, che ci rispecchia e in cui ci sentiamo a nostro agio è il luogo dove riposarci anche mentalmente. Leggi le nostre guide nella sezione “Ordine e pulizia” per creare la tua oasi di pace.

banner lifestyle