Iscriviti per scoprire tutti i brand a -70%

Ragazza sull'altalena

Abbiamo un’unica Terra a disposizione. Forse parlare di ecosostenibilità sta diventando un argomento di tendenza, ma la consapevolezza di avere un unico mondo a disposizione è anche una sconcertante verità. Per salvaguardarlo dobbiamo partire dalle nostre scelte di vita quotidiana. Tra queste c’è anche la progettazione delle vacanze. Mai sentito parlare di turismo sostenibile? Se la tua risposta è “no” sei capitato nel posto giusto! Nelle prossime righe scoprirai l’essenza e le modalità del viaggiare sostenibile.

Cos’è il turismo sostenibile?

È arrivato il momento di scendere nei dettagli. Cosa significa “turismo sostenibile”?

Il termine si potrebbe facilmente semplificare nel motto “divertirsi, non distruggere”. Per comprendere meglio potremmo fare riferimento alla definizione data dall’Organizzazione Mondiale del Turismo:

Il turismo sostenibile è capace di soddisfare le esigenze dei turisti e delle regioni ospitanti prevedendo e accrescendo le opportunità per il futuro. Tutte le risorse dovrebbero essere gestite in modo tale che le esigenze economiche, sociali ed estetiche possano essere soddisfatte mantenendo l’integrità culturale, i processi ecologici essenziali, la diversità biologica, i sistemi di vita dell’area in questione.

Viaggiare in maniera responsabile significa in primo luogo riscoprire l’essenza del viaggio stesso. Turismo sostenibile non vuol dire semplicemente raggiungere una meta in cui rilassarsi e divertirsi, ma prima di tutto compiere un percorso di conoscenza e accrescimento culturale.

Nell’etica del turismo sostenibile il viaggiatore e la popolazione locale entrano in contatto rispettandosi a vicenda ed influenzandosi. Il turista immergendosi nella vita del luogo e “ascoltando” i  ritmi della sua quotidianità contribuirà anche al suo sviluppo futuro. In fondo il turismo è portatore di ricchezza: lo sviluppo sarà possibile se questa sarà indirizzata a sostegno delle attività locali e alla salvaguardia dell’identità locale.

Perché diventare turisti consapevoli

Il turismo è qualcosa di sempre più importante all’interno dell’economia mondiale. Senza troppi giri di parole, risulta il settore più proficuo dopo il comparto energetico. Ogni anno mobilita un giro di affari di miliardi e miliardi di euro, ma presenta anche delle problematiche reali.

Infatti, il settore turistico è anche una delle principali fonti di inquinamento su scala mondiale. Gli effetti del turismo in alcuni luoghi del pianeta sono stati devastanti: intere località sono state completamente snaturate per lasciare spazio a resort e altri grandi complessi turistici. Il tutto è stato fatto senza un minimo riguardo per l’ambiente e per le conseguenze sulle popolazioni locali.

Il turismo ha plasmato l’ambiente secondo le proprie esigenze e molto spesso limitato le attività locali a servizi di ricezione e alla produzione di souvenir. Scegliere il turismo sostenibile e diventare turisti responsabili è un modo per ribellarsi a tutto questo.

Un turista responsabile parte per un viaggio che lo porterà alla conoscenza di un’altra cultura. Si immergerà in essa a 360 gradi venendo a contatto con la popolazione locale e adattandosi al loro stile di vita. Così facendo si romperà il meccanismo classico: il turista si adeguerà alle esigenze dei luoghi, e non viceversa.

Come viaggiare in modo responsabile

In concreto come si fa a viaggiare in maniera responsabile? Il turismo sostenibile si articola attraverso tutta una serie di scelte che strizzano l’occhio alla sostenibilità.

Uno degli elementi che caratterizzano il turismo sostenibile è rappresentato dalla mobilità. Nella progettazione di un viaggio la prima cosa che prenderai in considerazione sarà la scelta del mezzo di trasporto per raggiungere la meta prescelta. Un viaggiatore responsabile sceglierà quello meno inquinante.

Ma quali sono i mezzi più ecologici? Per le lunghe distanze il treno incarna la possibilità maggiormente ecofriendly. In questo articolo trovi qualche suggerimento su questo tema: Il fascino irresistibile del treno: consigli e itinerari. Gli aerei invece, nonostante siano i vettori più veloci e comodi, sono anche quelli più inquinanti. Tuttavia molte compagnie negli ultimi anni hanno iniziato a devolvere parte dei prezzi dei biglietti aerei alla lotta sulla riduzione delle emissioni di CO2.

Nel turismo sostenibile, oltre al trasporto, anche la struttura ospitante risulta un aspetto rilevante. In questo caso per essere un turista responsabile dovrai optare per alberghi o case costruite nell’ottica di un’edilizia sostenibile e del risparmio energetico. Sono ormai sempre più le strutture che puntano all’installazione di impianti fotovoltaici per sfruttare al meglio le energie rinnovabili.

Infine per essere un perfetto modello di viaggiatore responsabile dovrai rispettare profondamente le popolazioni locali. Un supporter del turismo sostenibile consuma solamente prodotti locali e sostiene le attività del luogo evitando di compiere acquisti in catene commerciali e simili. Si astiene anche da comprare souvenir realizzati creando un danno all’ambiente circostante.

Turismo sostenibile: come scegliere la meta

Nella riflessione sul turismo sostenibile dobbiamo prima di tutto sfatare un falso mito: il viaggiatore sostenibile non è solamente il giovane avventuroso con zaino in spalla che si muove esclusivamente a piedi o in bici.

Il turismo sostenibile offre diverse soluzioni che si adattano a tutte le esigenze e anche a tutte le tasche. Nelle categoria rientrano ovviamente tutti quei percorsi improntati sui cammini e su quella concezione del viaggio più spirituale che ludica.

Uno degli esempi più lampanti è il cammino di Santiago, ma anche nel nostro paese l’offerta è molta ampio. Una delle piste più battute è il cammino francigeno.

Nonostante l’opinione comune, il turismo sostenibile si può applicare anche in una grande città. Questa dovrà rispondere a determinati standard.  Prendiamo una metropoli come Amsterdam: trasporti pubblici ecofriendly, le onnipresenti biciclette, incentivi al mobile sharing, sfruttamento di fonti di energia rinnovabile. La città dei tulipani possiede il profilo perfetto per segnarla tra le mete del turismo sostenibile!

Ora non ti resta che scegliere la destinazione e prepararti alla partenza!