Iscriviti per scoprire tutti i brand a -70%

Luoghi incontaminati, borghi dalla storia millenaria che vivono ancora oggi di arte, tradizioni e sapori antichi, lontani dal turismo di massa, la costa dominata dal Monte Conero e dalla sua baia che dialoga con un entroterra che, a pochi kilometri dal mare, conserva una natura intatta e accogliente che corre fino ai maestosi Appennini. “Vacanze nelle Marche” significa questo e molto altro ancora. Scopriamola seconda regione più bella al mondo secondo la guida Best in Travel 2020 di Lonely Planet.

Le Marche sono un museo diffuso ricco di tesori, alcuni più nascosti e altri celebri, come Urbino, città UNESCO che in questo 2020 celebra i cinquecento anni dalla morte del genio del Rinascimento Raffaello Sanzio. Dominata dal Palazzo Ducale, una delle dimore più belle d’Europa voluta da Federico da Montefeltro, dove è conservato Il Ritratto di Gentildonna o La Muta, uno dei dipinti più enigmatici di Raffaello, a Urbino l’artista nacque e mosse i suoi primi passi e ancora oggi è possibile vistare la sua casa natale dove visse con il padre Giovanni Santi umanista, poeta e pittore di corte.

Il progetto Marche Outdoor

Grazie al progetto Marche Outdoor, di cui è testimonial il campione del ciclismo mondiale Vincenzo Nibali, è possibile esplorare la regione in bicicletta attraverso 24 percorsi che collegano il mare alla montagna, ma anche a piedi per gli amanti del trekking o delle semplici passeggiate all’aria aperta.

Con due parchi nazionali, quattro parchi regionali e sei riserve naturali, le Marche sono un museo a cielo aperto che accoglie anche chi desidera una vacanza più appartata e ricca di spiritualità. Come al Parco naturale della Gola della Rossa e di Frasassi in provincia di Ancona, dove lasciarsi stupire dal maestoso spettacolo naturale delle Grotte di Frasassi a Genga e dal Tempio di Valadier, incastonato nella roccia. Da lì si può fare tappa a Fabriano, riconosciuta Città Creativa Unesco grazie alla storica tradizione nella produzione artigianale della carta raccontata nel Museo della Carta e della Filigrana e poivia verso la costa, verso il Parco Naturale Regionale del Conero dove esplorare la natura, rilassarsi al mare e visitare i borghi marinari d’estate ma anche nelle altre stagioni, arrivando fino a Loreto al Santuario della Santa Casa.

Vacanze nelle Marche: non solo mare e montagna

Per chi vuole andare al mare rimanendo in montagna c’è poi il Lago di Fiastra, dove d’estate si può trovare una spiaggia che non ha nulla a che invidiare a quelle del litorale e che nella parte destra è costeggiato da un Sentiero Natura che fino ad autunno inoltrato e dalla primavera si può percorrere sia a piedi che in bicicletta, proseguendo poi su uno dei percorsi di Marche Outdoor.

Non mancano le proposte nemmeno per gli amanti della neve, si perché nel Parco Nazionale dei Monti Sibillini ci sonorinomate destinazioni invernali, come Bolognola, uno dei più piccoli comuni delle Marche, dalla natura incontaminata e da cui partono tante escursioni per i monti circostanti, come Monti Priora, Castel Manardo, e per una sua frazione, Pintura, rinomata per le piste da sci. Da vivere a 360° tutto l’anno il borgo di Sarnano dalla tipica struttura medievale di “castrum”, imperdibile una visita alla Pinacoteca con capolavori di Simone De Magistris, Vittore Crivelli e tanti altri, un assaggo di ciauscolo, il salame morbido tipico marchigiano e una passeggiata fino alle vicine Cascatelle, o una escursione nell’altipiano che sovrasta il paese, i Piani di Ragnolo dove in primavera si può ammirare la fioritura delle orchidee.

Architettura, arte e cultura

Spingendosi verso la provincia di Fermo, nel capoluogo ci si può immergere nel più autentico Rinascimento passeggiando in Piazza del Popolo, sulla quale si affacciano il Palazzo dei Priori e la Pinacoteca, che custodisce la Natività̀ di Rubens e la Sala del Mappamondo oppure andare ancora più indietro nel tempo visitando le Cisterne Romane.

Un’esperienza unica per le tue vacanze nelle Marche è rappresentata da Servigliano, conosciuta anche come ‘città ideale’ per la particolare pianta a forma di quadrilatero che sorprende con le geometrie pulite tipiche dei canoni architettonici settecenteschi.

Andando verso la costa, ci si imbatte in uno dei borghi più belli d’Itala e delle Marche, Torre di Palme situato in cima a un colle e letteralmente affacciato sul mare adriatico. Imprescindibile una tappa ad Ascoli Piceno, città medievale tra le più belle d’Italia, con le sue torri e i palazzi in travertino, con Piazza Arringo dove San Francesco predicò nel 1215 e la preziosa Pinacoteca civica, fino a Piazza del Popolo. Ricca di specialità eno-gastronomiche, da degustare assolutamente le olive all’ascolana e l’anisetta Meletti. Non lontano da Ascoli, si possono visitare veri borghi ognuno con sue caratteristiche particolari, come Offida con il Museo del merletto a tombolo, un’arte cara alla città poiché ispirata ai fregi incisi sul portale della stupenda chiesa romanico-gotica di S. Maria della Rocca. E ancora Ripatransone chiamata il ‘Belvedere del Piceno’, con l’imponente palazzo del Podestà e il vicolo più stretto d’Italia (43 cm), fino ad Acquaviva Picena con la sua rocca da cui con un colpo d’occhio si può contemplare tutta la ricchezza del territorio marchigiano dai Monti Azzurri all’Adriatico.

Sei alla ricerca di ispirazioni per le tue vacanze, per un weekend fuori porta o spunti per le tue gite? Dai uno sguardo alla nostra sezione viaggi!

© Fotografie: courtesy Regione Marche

banner lifestyle