colori del legno

Materiali e forme contano, ma arredare casa è soprattutto una questione di sfumature, in particolar modo se hai scelto il legno come elemento principale. Per creare un senso di continuità, dal tavolo ai pavimenti, passando per porte e accessori, serve un sottile e misurato equilibrio. Inizia dai colori del legno: scopri nella nostra guida quali sono le cromie principali dei diversi legnami, poi decidi se preferisci un effetto naturale oppure divertiti con un tocco di colore grazie a una verniciatura fai-da-te. Infine, segui i nostri consigli per fare la scelta giusta e trovare lo stile che fa per te.

Chiaro, scuro o naturale?

Un ottimo punto di partenza per abbinare al meglio i colori del legno è puntare su arredi che abbiano un tono simile. Ma da dove si inizia? Sicuramente dalla scelta tra legno chiaro e legno scuro, le due tipologie principali, a cui si aggiunge quella del legno naturale: leggi quali sono le differenze.

Legno chiaro

Per fare apparire più grande un piccolo appartamento o per infondere calore in una stanza, opta per mobili in legno chiaro. Sono solitamente realizzati con essenze conosciute per le loro colorazioni delicate, dal tono miele del frassino al beige del faggio, ma esistono delle varianti più chiare, come il rovere sbiancato. Ci sono poi delle sfumature ambrate e rossicce, come quelle dell’acero. Questi tipi di legno sono ideali se ami uno stile semplice e accogliente, come quello scandinavo.

Legno scuro

Dal bruno intenso fino al nero, il legno scuro ha un fascino senza tempo. Gli alberi da cui si ricava sono il mogano, il noce, il ciliegio e il wengé, ma come per ogni altra tipologia di legname non esiste un pezzo che sia uguale all’altro. Cambiano le venature, che possono essere più tenui o tendere addirittura al blu, e cambiano anche i trattamenti in superficie. Gli arredi in legno scuro sono consigliati per aggiungere un tocco di sobria eleganza in un ambiente classico o moderno.

Legno naturale

Di solito i legnami vengono trattati per aggiungere intensità al colore del legno, cambiare la texture e ottenere un effetto opaco o lucido. Se invece preferisci qualcosa di minimal, ispirati allo stile degli chalet di montagna e opta per finiture e arredi in legno naturale. Hanno un aspetto rustico proprio perché non vengono sottoposti a levigatura o verniciatura e conservano tutta la magia del loro colore originale.

Legno colorato per un tocco pop

Oltre ai colori naturali del legno, per la tua casa potresti considerare un piccolo dettaglio più vivace. Una mano di vernice può essere un’ottima idea per regalare una nuova vita al tavolo in legno scovato al mercatino delle pulci oppure a un vecchio un armadio. Vuoi metterti alla prova? Ecco come fare, passo per passo.

Come verniciare il legno fai-da-te

  1. Leviga

    Inizia togliendo lo strato superficiale con carta vetrata; fai attenzione a non graffiare in profondità, devi solo levigare il tuo mobile e prepararlo a ricevere i prodotti.

  2. Pulisci bene

    Dopo averla carteggiata, pulisci la superficie con un panno antiaderente per rimuovere eventuali residui.

  3. Primer

    A questo punto applica un prodotto apposito per preparare il legno alla fase successiva.

  4. Passa alla vernice

    Usa un mini rullo per applicare tre strati sottili di vernice del colore che preferisci; lascia passare almeno cinque ore tra una mano e l’altra.

  5. Applica la finitura trasparente

    Infine, utilizza un altro mini rullo per applicare uno strato sottile di vernice protettiva a base d’acqua, facendo in modo che non restino bolle in superficie, poi lascia asciugare per almeno tre giorni.

Che colore di legno scegliere?

Ora che conosci i diversi colori del legno, arriva il bello: è il momento di metterti alla prova con il tuo progetto personale di home interior. Se stai pensando a un nuovo look per il salotto oppure devi arredare tutto l’appartamento, per prima cosa seleziona la tonalità dominante. Non c’è niente di male nel mischiare colori diversi, ma avere un punto di partenza è sempre auspicabile (oltre che più semplice).

Se hai già pavimenti in parquet oppure mobili in legno, inizia proprio da lì. Quando scegli le altre tonalità del tuo legno da aggiungere allo spazio, tieni sempre come riferimento la tonalità dominante, che potrà essere in legno chiaro, scuro o naturale. Decora con arredi che abbiano però un sottotono simile, caldo oppure freddo, per mantenere coerenza.

Le finiture in legno con sfumature calde appaiono gialle, ruggine o rossastre, mentre le sfumature fredde hanno una dominante grigia o bianca. Il sottotono beige è invece considerato neutro: è più versatile perché puoi accostarlo a tutti gli altri. Se hai difficoltà a identificare il sottotono di una finitura in legno, concentrati sul tono più chiaro della venatura.

Nulla ti vieta di giocare un po’ con i contrasti: se abbinati con gusto, persino colori di legno molto diversi possono funzionare perfettamente. Immagina ad esempio un living con pavimento in rovere chiaro, in cui inserire un tavolo in cristallo e sedie in noce scuro che riprendano le venature del parquet. Ti permetterà di conferire profondità e carattere, mantenendo però una certa continuità.

Suggerimento extra: movimenta lo spazio accostando superfici laccate, verniciate oppure in metallo e vetro.

Come abbinare il legno con altri colori

Per far spiccare la bellezza dei colori del legno, anche le altre tonalità possono darti una mano. Non solo ti permettono di spezzare la dominanza materica, ma ti aiutano a valorizzare ogni singolo elemento. Per esempio, un letto classico con struttura in noce può essere rinfrescato e reso più contemporaneo grazie a un copripiumino con una fantasia colorata di grande impatto, sui toni del fucsia e del corallo. Completa con un pouf in velluto ton sur ton e la camera da letto ti sembrerà come nuova. Ecco altri abbinamenti cromatici da provare subito:

  • Le nuance scure di mogano, noce o wengé risaltano con colori delicati, come carta da zucchero e verde acqua, oltre alle tinte neutre come avorio e crema.
  • Il legno chiaro si presta a un’infinità di stili; se vuoi qualcosa che si faccia notare, abbina il senape e il grigio.
  • Per un appartamento caldo e accogliente, stile baita ma con un pizzico di modernità, mixa il legno naturale con gradazioni più particolari, come il verde salvia, il blu denim o il rosa. Il risultato finale ti lascerà senza parole.

Suggerimenti per gli abbinamenti:

Ora che sai tutto sui colori del legno, non ti resta che leggere la nostra guida ai “Tipi di legno” per scegliere quello più adatto alla tua casa!