Aiuto! Arrivano gli ospiti... I consigli di Andrea Castrignano e Andrea Ribaldone

Le feste si avvicinano e molti iniziano a pensare: “Aiuto! Arrivano gli ospiti…”. Non possiamo che rivolgerci a una delle coppie, televisivamente parlando, più riuscite. L’interior designer più famoso della Tv e uno Chef Stellato. In comune, un nome, che è ormai una garanzia, e un programma di successo che torna in seconda serata su La5. Andrea Castrignano e Andrea Ribaldone ci danno i loro consigli per accogliere gli ospiti in modo sempre impeccabile.

Andrea Castrignano, Andrea Ribaldone, Aiuto! Arrivano gli ospiti..., Tv, Stile, Food

Aiuto! Arrivano gli ospiti… I consigli di Andrea Castrignano e Andrea Ribaldone

Cosa rende una serata con ospiti indimenticabile? Semplice, un relooking della zona living e il piatto perfetto. Ancora più semplice quando a occuparsene è il duo della Tv che ha raccontato al grande pubblico l’indissolubile legame tra design e cibo. Sì, perché Andrea Castrignano e Andrea Ribaldone non solo danno un aiuto professionale a chi si rivolge loro, ma lo fanno con l’entusiasmo di chi ha fatto della ricerca del bello la propria filosofia.

Andrea Castrignano, Andrea Ribaldone, Aiuto! Arrivano gli ospiti..., Tv, Stile, Food

Un nome e una passione in comune che hanno dato vita ad una chimica perfetta. Ma quali sono gli altri punti di connessione che vi hanno fatto amare così tanto dal pubblico?

AC: Ci accomuna senz’altro la passione che nutriamo per il nostro lavoro, ognuno nel proprio campo. Credo che il pubblico apprezzi le nostre gag, il nostro non prenderci troppo sul serio. Inoltre siamo riusciti a portare nelle case il food e il design, due argomenti apparentemente distanti, ma che non lo sono affatto.

Andrea Castrignano, Andrea Ribaldone, Aiuto! Arrivano gli ospiti..., Tv, Stile, Food

AR: Il nostro punto d’incontro è la bellezza. Come dicevano gli antichi Greci: kalòs kai agathòs. L’amore per le cose belle e per il buono unisce me e Andrea. Una casa arredata con gusto, una bella tavola con una tovaglia di fiandre, circondati da cose belle, rende una casa calda e accogliente: questo è design!

La nuova edizione del programma torna in seconda serata su La5. Quali sono le grandi conferme ed eventuali novità?

AC: il format rimane quello originale: lo Chef e io riceviamo una richiesta d’aiuto e andiamo in soccorso del nostro committente, ovviamente io per quanto riguarda il relooking della zona giorno e il mio omonimo per fare in modo che la serata sia perfetta anche da un punto di vista culinario. Quest’anno ci siamo avvalsi di un nuovo strumento, la realtà virtuale, per far compiere ai committenti alcune delle loro scelte in modo interattivo. Inoltre, in ogni puntata ci sarà un momento dedicato alla scelta del centrotavola perfetto, elemento importantissimo per una cena importante. Non mancheranno altre sorprese…

Andrea Castrignano, Andrea Ribaldone, Aiuto! Arrivano gli ospiti..., Tv, Stile, Food

Design e Food, in un connubio che racconta l’eccellenza del Made in Italy. In questo senso, l’approccio di “Aiuto! Arrivano gli ospiti…” è assolutamente peculiare e rende il format un fiero rappresentante delle nostre tradizioni. Con un occhio sempre rivolto alle innovazioni e alla tecnologia che possono semplificare la vita…

AC: Come per “Cambio Casa, Cambio Vita!” una delle cose che mi rende più orgoglioso è riuscire a far lavorare moltissime aziende italiane, nel settore dell’arredamento e non solo. A noi italiani piace il buon cibo e avere una casa che rappresenti la nostra personalità: le novità, in entrambi i casi, sono sempre ben accette. Spesso ci consentono di risparmiare tempo e denaro e, al contrario di ciò che molti pensano, si tratta di strumenti molto intuitivi che lo diventano sempre di più. Penso per esempio alla domotica che con l’integrazione dei vari assistenti vocali ormai ci permette di accendere le luci o di alzare la temperatura semplicemente parlando.

AR: Andrea Castrignano consiglia per esempio l’utilizzo dei fuochi a induzione e io sono d’accordo: è una tecnologia di qualità che non scalda e non è pericolosa, è regolabile, può essere molto bassa come la stufa della nonna o molto alta e far bollire l’acqua velocemente; è un’energia pulita che consiglio a tutti.

Andrea Castrignano, Andrea Ribaldone, Aiuto! Arrivano gli ospiti..., Tv, Stile, Food

Procedendo per ordine di priorità, in queste situazioni noi italiani pensiamo subito al cibo. In particolare, durante le feste ci piace coccolare i nostri ospiti con una colazione speciale. Tra accessori, vassoi, elettrodomestici e marmellate, quali accortezze possiamo seguire per unire estetica e gusto senza sfigurare mai?

AC: “Less is more” è il mio motto: credo sia molto importante non esagerare e proporre una tavola semplice ma d’effetto, dove ogni dettaglio non sia casuale e dove il nostro ospite possa trovare tutto il necessario.

AR: Il modo migliore per non sfigurare è non fare nulla di ostentato. Preparare una tavola elegante, mai eccessiva e sempre curata nel dettaglio. Evitare le paranoie e puntare sulla semplicità dei piatti, la qualità del prodotto; optare per delle preparazioni con pochi passaggi, è sempre la scelta vincente. Questo è il segreto per non sfigurare. Il buon gusto è nel dettaglio, mai nell’ostentazione.

Pranzi e cenoni sono poi protagonisti. In termini di atmosfera, mise en place e ricette da proporre, come cavarsela in maniera smart ed elegante? Esiste una soluzione passe-partout?

AC: Purtroppo – o per fortuna! – non esistono soluzioni passe-partout: ogni occasione è diversa da un’altra, così come lo stile di ogni casa. Come vedrete nelle puntate di “Aiuto! Arrivano gli ospiti…”, in ogni mise en place ho cercato di richiamare i colori e il mood del progetto. Ecco però dei suggerimenti che vanno sempre bene: scegliete dei tovaglioli di stoffa, create atmosfera accendendo della musica, fate trovare ai vostri ospiti un centrotavola… Ma soprattutto godetevi questo momento di convivialità e condivisione!

AR: Capisco che durante i pranzi e i cenoni si ami utilizzare il servizio delle feste, ma in tavola e nel piatto consiglio di puntare sui dettagli. A Natale su un menu riconoscibile, dal panettone a una pasta ripiena in brodo, a un pesce come il salmone, al baccalà, al cappone. Piatti simbolo di una certa cucina delle feste.

Andrea Castrignano, Andrea Ribaldone, Aiuto! Arrivano gli ospiti..., Tv, Stile, Food

In camera da letto, come Andrea Castrignano ci insegna, il colore fa la differenza, creando atmosfere e definendo la personalità dell’ambiente. Per i tessuti, quando preferire tinte neutre e quando osare con qualche accento cromatico?

AC: Sono sempre stato un sostenitore del colore: nei miei progetti cuscini, copriletto e tende dialogano tra loro e con gli elementi circostanti in un gioco di richiami cromatici. Anche le tinte neutre, però, sono colori: possono essere utilizzate per un risultato finale molto elegante.

E per il bagno? Sappiamo che spugne e accessori sono dotati di un loro linguaggio per far sentire gli ospiti a proprio agio. Qualche suggerimento su come disporli/abbinarli?

AC: Nel bagno degli ospiti consiglio sempre di prevedere un set di salviette, in modo che ogni ospite possa avere il proprio asciugamano. Il contenitore in cui saranno raccolte dovrà richiamare lo stile del bagno o le finiture che lo caratterizzano, così come i vari accessori. Se per esempio si ha una rubinetteria cromata, senz’altro scegliere la stessa finitura per il dispenser del sapone liquido e per il portaspazzolini darà un bell’effetto di continuità. Se invece abbiamo concepito il nostro bagno in stile shabby chic, via libera al legno sbiancato…

Gran finale, il deco di Natale. Perché un’occasione in più per ribadire il desiderio di festeggiare insieme non si rifiuta mai. Possiamo giocare aggiungendo qualche dettaglio nel living come nelle camere degli ospiti, senza essere invasivi?

AC: Mi diverto molto ad addobbare la mia casa durante le feste natalizie: proprio l’anno scorso ho lanciato un contest sui miei social, in cui chiedevo ai miei followers di mostrarmi i loro alberi di Natale, presepi e quant’altro… Ha vinto una decorazione molto raffinata. Anche in questo caso, sostengo che sia divertente creare aria di festa aggiungendo dei complementi, ma senza scadere nell’eccessivo o nel pacchiano.

Andrea Castrignano, Andrea Ribaldone, Aiuto! Arrivano gli ospiti..., Tv, Stile, Food

A proposito di coppie, ci consigliate il nome di un piatto da abbinare a uno stile di mise en place, a seconda dell’occasione? Pranzo con i parenti, cenone con gli amici, brunch più formale con vicini e colleghi.

AC: Pranzo con i parenti: optare per una bella tovaglia di lino o di fiandre; può essere l’occasione giusta per utilizzare il vostro servizio di piatti più elegante. Cenone con gli amici: la tavola dovrà essere colorata e ricca di dettagli, ma anche piuttosto informale. Meglio non predisporre tutto il set di posate, ma cambiarle portata dopo portata. Brunch: per quanto possa essere formale, è comunque un evento che si svolge in piedi: per questo i piatti dovranno essere leggeri e comodi da tenere in mano. Bisognerà curare e apparecchiare non solo il tavolo principale, ma creare altre zone conversazione dove sia possibile appoggiare piatti e bicchieri. Se si tratta di un buffet, non dimenticate le posate da servizio.

Andrea Castrignano, Andrea Ribaldone, Aiuto! Arrivano gli ospiti..., Tv, Stile, Food

AR: Pranzo con i parenti: consiglio un risotto, perché è un piatto caldo che difficilmente si raffredda, è un comfort food. Cenone con gli amici: consiglio un piatto di ravioli ripieni con tartufo, è piatto della memoria, rappresenta le feste. Brunch più formale con vicini e colleghi: tante piccole cose, che possono sembrare all’apparenza insignificanti, ma che insieme e accompagnati da un bloody mary, diventano un brunch vincente. Al bloody mary accompagnare tanti tipi di condimenti, magari un succo di pomodoro con molte spezie, delle cruditées di verdure in abbinamento, da preparare prima e da mettere in tavola per potersi poi godere la serata con gli amici.

 

Alessandro Balia

Hai già scaricato la nostra App?

Scopri l'App
Scopri l'App
Offline