La Favorita - Intrighi di corte in stile XVIII secolo

Giochi di potere e scalate sociali per un’intrigante storia tutta al femminile alla corte della Regina Anna di Gran Bretagna. Una trama affascinante quella de La Favorita, l’ultimo film di Yorgos Lanthimos per la 20th Century Fox, al cinema dal 24 gennaio. Vincitore di numerosi premi, tra cui un Golden Globe, il Leone d’argento a Venezia e fiero di ben 10 nomination all’Oscar (Premio Oscar come miglior attrice a Olivia Colman), è tra i film rivelazione dell’anno. Per noi di Westwing, una suggestiva ispirazione di stile.

La Favorita – Ispirazioni da cinema in stile XVIII secolo

Il film incentra la sua narrazione nell’Inghilterra di inizio ‘700, durante la dominazione della Regina Anna. Un periodo storico caratterizzato dalla Guerra di Successione Spagnola e un momento di transizione stilistica tra il pomposo gusto barocco rococò e il futuro neoclassico. Gli sceneggiatori Deborah Davis e Tony McNamara (candidati ai Golden Globes) hanno raccontato così gli ambienti di corte, sottolineando ovunque decorazioni raffinate, colori pacati e una ricchezza di particolari. Il tutto moderato dal tipico rigore inglese.

Westwing, La Favorita, Cinema, Ispirazioni, Stile
Westwing, La Favorita, Cinema, Ispirazioni, Stile

Giochi di potere – Una storia (da Oscar) al femminile

Il potere (non) appartiene solo alla Regina Anna (interpretata da Olivia Colman). Un sovrano in crisi, capriccioso e incapace di prendere posizione. Facile però alle lusinghe, come quelle di Lady Sarah Churchill duchessa di Marlborough (Rachel Weisz), sua fedele consigliera. Un personaggio spigoloso, in grado influenzare le scelte di Queen Anne, manovrando da dietro le quinte tutte le decisioni politiche relative alla guerra contro la Francia. Un rapporto di dipendenza, dove è Lady Sarah la più forte, lucida e determinata a raggiungere i suoi obiettivi. Finché non arriva lei… Abigail Masham.

Il terzo incomodo… Chi sarà La Favorita?

Abigail Masham (Emma Stone) si presenta a corte in cerca di un impiego dopo un periodo di forte decadenza economica e sociale. All’apparenza una donna fragile, si rivela la migliore sostenitrice di se stessa. Facile per lei entrare nel cuore della Regina, che non tarderà a diventare un oggetto del desiderio conteso dalle due rivali. Chi sarà La Favorita?

Westwing, La Favorita, Cinema, Stile, Ispirazioni

Scelto da Westwing perché

Impossibile resistere alla sua ambientazione! Il fascino di un periodo di passaggio tra la ricchezza del gusto barocco rococò e i primi passi di uno stile illuminato come il Neoclassico è ben visibile nella cura di ogni set. I colori, chiari come detta la scuola Rococò per le sale della Regina e cupi durante le scene notturne cambiano volto alla narrazione, creando ritmo ed effetti totalizzanti. Chiaro il richiamo alla natura, amato da architetti e pensatori dell’epoca e ben evidenziato dalla forte presenza di fiori e arazzi bucolici. Le decorazioni spaziano dai toni dorati, pomposi e sovrani alla leggerezza di un diffuso gusto orientale per vasi, tessuti e cineserie. Nulla è lasciato al caso, come il gioco di bianchi e neri sul pavimento della sala delle feste, a simboleggiare una costante dualità, che pervade la storia inglese del tempo e l’intricato gioco di potere delle due rivali. Una storia di donne in un mondo al maschile, dove carattere e determinazione sono le carte vincenti. Geniale!

Westwing, La Favorita, Cinema, Stile, Ispirazioni

 

Il favore è un vento che cambia sempre direzione.

 

 

Titolo originale: The Favourite (2018) – Regia di Yorgos Lanthimos con Olivia Colman, Rachel Weisz, Emma Stone – 20th Century Fox

Foto: © 20thCenturyFox – Si ringrazia: 20th Century Fox Italia

 

 

 

 

 

 

Stefania Tagliaferri

Hai già scaricato la nostra App?

Scopri l'App
Scopri l'App
Offline