Come illuminare un giardino

Quando cala la sera, il giardino si trasforma. Forme e volumi creano chiaroscuri emozionali e sembrano dialogare col cielo e coi suoni di sottofondo: il brusio della città o i bisbigli della natura che avvolgono le case di campagna. Faretti, lampioncini, applique e lanterne plasmano effetti di luce che fanno concorrenza al chiarore delle stelle, offrendo l’ambientazione perfetta per una serata da vivere in coppia o con gli amici. Come illuminare un giardino in modo elegante? Ecco i consigli per un’illuminazione d’impatto, ma essenziale.

Regole di base per l’illuminazione del giardino

Hai mai pensato al giardino come al biglietto da visita della tua casa? La prima impressione conta! L’illuminazione da esterni è una chiave fondamentale per creare atmosfera e per accogliere gli ospiti. Oltre ad avere un’innegabile funzione pratica, l’illuminazione del giardino può trasformarsi in una vera e propria filosofia di arredo. Segui i nostri suggerimenti per vivere lo spazio outdoor nelle sere d’estate e per progettare facilmente tutti i dettagli.

Segnalare i percorsi

Quando si ricevono gli ospiti – senza contare la propria sicurezza – è fondamentale creare percorsi agevoli, servendosi dell’illuminazione per guidare le persone verso l’ingresso della casa e per aiutarle a muoversi facilmente nelle aree esterne e lungo le scalinate. Lo stesso dicasi per i percorsi carrabili e per le aree di manovra delle auto. È il primo aspetto da prendere in considerazione nel progettare la luce. Una soluzione molto utile, in questo senso, è delimitare i vialetti e i camminamenti con faretti da incasso e luci segnapasso. Se preferisci qualcosa di più classico, puoi optare per dei lampioncini da giardino per delineare il vialetto.

Orientare la luce

Nel progettare l’illuminazione del giardino, presta attenzione a come orientare il fascio luminoso. Quest’ultimo, infatti, può creare disturbo se la luce viene “sparata” verso l’interno della proprietà, o dritta verso l’alto. In corrispondenza della zona pranzo, a maggior ragione, la luce deve risultare soffusa e discreta per non stancare la vista. A questo scopo puoi utilizzare dei faretti spot da esterno con luce orientabile, da posizionare a terra o in versione applique. Con la stessa tecnica puoi evidenziare il confine del tuo giardino, camuffando i fari all’interno della siepe o delle aiuole.

Come illuminare un giardino: consigli di stile

Il comfort visivo è importante, ma anche la bellezza lo è. Per gratificare l’occhio puoi ricorrere a qualche piccolo trucco suggerito dai migliori light designer.

Accendi i riflettori

Come illuminare un giardino per trasformarlo in una sorta di “scena” teatrale? Una tecnica molto efficace è utilizzare i faretti orientabili per illuminare gli alberi e gli arbusti dal basso. Così facendo, potrai mettere in risalto la silhouette del tronco – specie se si tratta di un albero dalla forma scultorea e contorta – e la trama del fogliame. L’effetto risulta doppiamente suggestivo se si tratta di una varietà con foglie piccole che creano una specie di ricamo. È il caso degli ulivi o delle betulle se si considera anche il fascino della corteccia. Può trattarsi anche di piante dal fogliame grande e appuntito – come le agavi – o di elementi di arredo seducenti, come sedute e grandi vasi di design.

Effetto camouflage

Ovviamente vale anche il consiglio opposto! Ignora tutto ciò che risulta poco piacevole alla vista – come ringhiere poco curate o brutti edifici sullo sfondo – e dai visibilità  solo ai “pezzi” migliori del tuo giardino. Per mettere in risalto un’aiuola o una bordura fiorita, meglio cambiare strategia e proiettare la luce verso il basso. A questo scopo puoi utilizzare dei lampioncini da terra di altezza ridotta, da mimetizzare tra il verde o fra i contenitori. Così facendo potrai giocare con la luce in modo discreto, senza interferire eccessivamente con la vegetazione. Per mantenere un look naturale, puoi optare per le lampade “mimetiche” che richiamano i colori e i dettagli del mondo vegetale.

Luce minimalista

Un’opzione sempre valida è puntare sugli arredi minimal, come le lampade da terra dal design moderno e lineare. Questo tipo di arredo si inserisce molto bene nei giardini rocciosi e si sposa alla perfezione con le piante dal fogliame scuro o grigio-argenteo. Può valorizzare, ad esempio, un’aiuola ornamentale rivestita con ghiaia decorativa, dove inserire un albero che proietta la propria ombra su una parete di sfondo. Volendo puoi optare anche per i corpi illuminanti a forma di sfera o di cupola o per le fioriere e i vasi luminosi da esterno, indicati soprattutto per i giardini dallo stile eleganze ed essenziale.

Effetto romantico

Tutt’altro effetto creano le lanterne anticate, molto versatili nell’utilizzo: possono essere posizionate a terra, collocate su un piano d’appoggio o installate a sospensione. Le applique con ampio paralume in metallo, in particolare, sono molto indovinate per le ambientazioni rustiche e per le case di campagna. Molto carine anche le ghirlande luminose, da fissare agli alberi o da agganciare alla struttura della pergola per rischiarare il tavolo da pranzo. Sono ottime per creare un’atmosfera nostalgica e naif.

Suggerimenti low budget

Non sempre è il budget a determinare il successo di un progetto. A volte si ottengono ottimi risultati anche con poco, seguendo semplici accorgimenti alla portata di tutti.

Gioca con la luce

Hai deciso di seguire il progetto in prima persona, rinunciando a una consulenza professionale? In questo caso dovrai fidarti del tuo gusto personale e prenderti un po’ di tempo per capire come illuminare il giardino nel modo più convincente. Per cominciare, armati di torcia e concediti un giro esplorativo provando a orientare la luce qua e là, illuminando gli alberi, gli arredi e gli altri elementi esterni. Un po’ alla volta riuscirai a individuare l’angolazione migliore e la posizione più intelligente per collocare le sorgenti luminose.

Installazione fai da te

Nello scegliere l’illuminazione per il giardino non perdere mai di vista il fattore praticità. Molto importante è la facilità di installazione se vuoi optare per il fai da te. I punti luce possono essere posizionati direttamente sul terreno, o richiedere elementi di fissaggio per ancorarli al suolo o alle superfici pavimentate. La soluzione più semplice, da questo punto di vista, è optare per le luci a batteria senza fili. Se sei indeciso, meglio chiedere consiglio a un professionista per mettere in sicurezza le parti elettriche ed eventualmente migliorare il drenaggio, specie in presenza di terreni molto compatti.

Scegli arredi resistenti

Low cost non fa sempre rima con scarsa qualità. Per evitare di sostituire gli arredi troppo spesso è importante fare attenzione alla fattura del prodotto. Fra gli elementi da considerare c’è la resistenza agli agenti atmosferici e il grado di protezione rispetto all’acqua e agli agenti atmosferici. Scegli sempre corpi illuminanti impermeabili e resistenti alla corrosione: nel dubbio, meglio spendere qualcosa in più.

Luci a risparmio energetico

Oltre alla praticità, considera sempre il fattore consumo: le sorgenti luminose possono essere più o meno dispendiose da questo punto di vista e più o meno amiche dell’ambiente. La soluzione più green in assoluto sono le lampade e i fari a led, progettati per immagazzinare la luce del sole durante il giorno e per rischiarare la notte a impatto zero. Tieni presente che le migliori lampade solari da giardino offrono tantissime opzioni: inclusi timer, sensori di movimento e la possibilità di scegliere fra luce morbida e intensa, calda o fredda.

Se stai cercando altre idee per i tuoi spazi verdi, leggi le nostre guide nella sezione “Giardino“. Troverai tanti spunti creativi e consigli utili da cui prendere ispirazione.

banner arredamento