16.01.2021 Consegne regolari su tutto il territorio nazionale

Piante in casa

Le piante possono davvero renderti felice? Le piante che purificano l’aria lo fanno certamente, perché non solo hanno un aspetto elegante, ma liberano l’aria da sostanze inquinanti e chimiche. Contribuiscono ad un clima interno piacevole e ad una migliore qualità della vita! A proposito, lo sapevi che le piante aumentano il contenuto di ossigeno nell’aria? Ma alcune piante possono fare ancora di più: purificano l’aria e assorbono gli agenti inquinanti e le sostanze chimiche che vi si trovano. Questi includono nicotina, tricloroetilene (in vernici, lacche e detergenti), formaldeide (in mobili, vernici, tappeti), toluene (in stampanti e fotocopiatrici) e benzene. Quindi, questo è un motivo più che sufficiente per investire subito in queste piante per i tuoi interni!

Le migliori piante che purificano l’aria

Ti piacerebbe purificare l’aria nelle stanze di casa tua in modo naturale? Allora ti consigliamo di inserire nell’ambiente alcune piante in grado di svolgere questa funzione. Se non sai quali scegliere, non ti preoccupare: abbiamo stilato per te la classifica delle 10 migliori piante per purificare l’aria!

  1. Filodendro (Philodendron), con foglie grandi e distanziate, la cui forma e colore variano molto in base alla specie.
  2. Beniamino (Ficus benjamin), molto diffuso come pianta decorativa per appartamenti, ha rami ricchi di foglie lucide ovali di un verde acceso.
  3. Sansevieria, pianta sempreverde di origine asiatica, caratterizzata dalle lunghe foglie carnose.
  4. Dracaena, pianta da appartamento molto diffusa, perché resiste bene alla poca luce e all’aria secca. Ha fusti slanciati, con ciuffi di foglie molto sottili.
  5. Edera (Hedera helix), pianta rampicante che crea delle bellissime cascate di foglie, dal colore verde scuro variegate con venature bianche o rosse.
  6. Potos o pothos (Scindapsus aureus), anche questa molto diffusa in appartamento, perché tollera bene l’assenza di luce e acqua. Ha foglie di un verde brillante con screziature chiare, ma diventano verde scuro se la pianta viene coltivata in casa.
  7. Spatifillo (Spathiphyllum), pianta sempreverde senza steli, con foglie verdi, lucenti e appuntite. Produce dei particolari fiori bianchi molto caratteristici.
  8. Falangio o nastrino (Clorofito comosum), in grado di prosperare in qualsiasi ambiente con cure minime, è forse tra le piante da interno più diffuse. Forma un fitto cespuglio di foglie lunghe e appuntite, di colore verde scuro e bianco.
  9. Orchidea (Phalaenopsis), conosciutissima per i suoi delicati fiori colorati, porta un tocco di freschezza in ogni ambiente.
  10. Kentia o kenzia (Howea forsteriana), nota anche come palma da appartamento, è una pianta dal fogliame verde lucido e una chioma molto particolare.

Come fanno le piante a purificare l’aria?

In generale, le piante usano la clorofilla nelle loro foglie per convertire l’anidride carbonica in ossigeno usando la luce solare. Sappiamo sin dai tempi della scuola che questo processo biochimico è conosciuto come fotosintesi. Inoltre le piante nelle stanze sono utili grazie alla loro azione naturale umidificatrice dell’aria. Più del 90% dell’acqua di irrigazione viene restituita all’ambiente – e il tutto è privo di germi! Questi purificatori d’aria sono particolarmente utili per le mucose del nostro naso quando l’aria diventa secca in inverno. Sì, anche un brutto raffreddore può essere evitato con queste. Ma anche ad alte temperature in estate le piante convincono per la loro purificazione e per il loro piacevole effetto rinfrescante.

Naturalmente, una singola pianta d’appartamento può aiutare a pulire l’aria, ma non può da sola farsi carico di un’intera stanza grande, come la camera da letto. A seconda delle dimensioni della stanza, molte e preferibilmente diverse piante sono ideali. Maggiore è la superficie fogliare di una pianta, più sostanze inquinanti può assorbire! Poiché è logico che si debbano anche innaffiare queste piante per purificare l’aria nella camera, questo può avere un’influenza sull’umidità. Molte di queste sono anche utilizzate come piante da ufficio per creare un’ambiente lavorativo più leggero e piacevole.

Per evitare che qui non si sviluppino muffe, è necessario assicurarsi che l’umidità dell’ambiente non sia troppo elevata. Pertanto, lascia ventilare regolarmente! La muffa nei vasi può essere un primo segno di eccessiva umidità.

Suggerimenti:

Svegliarsi rinfrescati con le piante in camera da letto

Che si tratti di piante da interno che sopravvivono in una camera da letto buia e producono ossigeno anche di notte, o di piante per purificare l’aria che in realtà ti aiutano ad addormentarti… Niente è impossibile!

Perché le piante in camera da letto migliorano l’aria interna?

Ci sono molti fattori di disturbo che possono portarci semplicemente a non riuscire ad addormentarci di notte o, in generale, a non trovare un sonno ristoratore. Ma non sempre è colpa del letto, del materasso o del partner! Spesso si tratta semplicemente della concentrazione di CO2 nella stanza. Un’aria cattiva porta a un cattivo sonno. Ecco perché le piante in camera da letto per purificare l’aria sono semplicemente ottime.

Queste piante producono ossigeno anche di notte

L’aloe vera è conosciuta da molti come una cura miracolosa per la pelle e il prurito. Richiede anche poca acqua e di notte rilascia ossigeno, il che lo rende un perfetto impianto di purificazione dell’aria per la camera da letto. La sansevieria assorbe anche il CO2 di notte e lo trasforma in ossigeno. Inoltre, è raccomandata come pianta per purificare l’aria nella camera da letto, in quanto libera anche l’atmosfera dai più comuni germi domestici.

Non sai come scegliere le piante per la tua casa? Segui i nostri consigli in “Piante da interno“, troverai l’ispirazione che cerchi.

banner lifestyle