Come pulire ottone

Dagli strumenti musicali alle stoviglie, dai candelabri ai manici delle porte. L’ottone è presente in molti oggetti di uso comune ed è buona norma prendersene cura per mantenere intatta la sua naturale lucidità. Realizzato a partire da una combinazione di zinco e rame, questa lega di metalli tende infatti a ossidarsi nel corso del tempo. Come pulire l’ottone, quindi? Sono tanti i rimedi che possiamo utilizzare anche a casa e con i giusti suggerimenti e un po’ di olio di gomito, si otterranno ottimi risultati. Continua a leggere per scoprire come fare. 

Quali prodotti naturali usare per pulire l’ottone? 

Se ti stai chiedendo come pulire l’ottone in modo naturale, sei fortunato: sono infatti molti gli ingredienti che hai già in casa che possono essere utilissimi per far tornare a nuova vita questo metallo. Scopriamoli uno a uno. 

  1. Aceto e limone. La particolarità di questi ingredienti è quella di eliminare lo sporco dall’ottone ossidato, permettendo quindi un’accurata pulizia. Unisci il succo di limone all’aceto e, utilizzando una spugnetta non abrasiva, passa la soluzione sui tuoi oggetti. Asciuga poi il tutto con un panno morbido.
  2. Sapone di Marsiglia. Questo sapone naturale è un ottimo detergente per la pulizia dell’ottone. Fallo sciogliere in un recipiente di acqua calda e metti in ammollo i tuoi oggetti. Lasciali in ammollo per due o tre ore, per poi passare al risciacquo e all’asciugatura tramite un panno morbido, preferibilmente antistatico. Per lo sporco insistente, strofina l’oggetto con una spugnetta imbevuta o uno spazzolino a setole morbide, risciacqua e infine asciuga.
  3. Bicarbonato. Anche il bicarbonato è un ingrediente adatto alla pulizia dell’ottone. Sarà sufficiente mischiarlo con l’acqua calda fino a ottenere una crema liscia e morbida, che dovrai applicare sull’oggetto da pulire. Lascia agire il composto per una decina di minuti, per poi risciacquarlo in una soluzione di acqua e limone. Non dimenticare la fase dell’asciugatura, da fare con un panno morbido e preferibilmente antistatico.

Cosa usare se l’ottone è molto usurato? 

Se l’oggetto in ottone che devi pulire è molto ossidato e usurato, devi fare appello alla chimica. In questo caso è l’ammoniaca ad arrivare in tuo soccorso, soprattutto se utilizzata in concorso con l’aceto. Prepara una miscela di aceto bianco e ammoniaca e procedi all’ammollo dell’ottone per massimo un’ora. A questo punto risciacqua e asciuga con un panno morbido. Per le zone particolarmente ossidate puoi aiutarti con uno spazzolino a setole morbide. 

Come pulire l’ottone verniciato

Se hai a che fare con oggetti in ottone verniciato devi agire in maniera completamente diversa. In questo caso, infatti, il metallo è ricoperto da una vernice trasparente che ha lo scopo sia di mantenere la lucidità più a lungo che di proteggere l’oggetto stesso dall’usura e dal passaggio del tempo. Qualora la vernice abbia delle crepe, ti consigliamo di rivolgerti a un esperto di settore che, dopo aver rimosso la precedente vernice, procederà alla stesura di un nuovo strato. In caso contrario, puoi procedere alla pulizia in autonomia: sarà sufficiente usare acqua tiepida e sapone delicato, da passare con un panno sulla superficie dell’oggetto. Dopodiché sciacqua e asciuga accuratamente. 

Cosa usare per lucidare l’ottone? 

Alla domanda “come pulire l’ottone” andrebbe anche associata la domanda su come lucidarlo. Perché non sempre si ha a che fare con l’ossidazione: la maggior parte delle volte, al contrario, è sufficiente trattarlo per donargli la lucentezza originaria. In questo caso puoi contare su ottimi rimedi naturali

  1. Olio di semi di lino. Oltre a essere un valido aiuto contro il processo di ossidazione, è altresì un ottimo ingrediente per rendere brillanti i tuoi oggetti in ottone. Sarà sufficiente strofinare l’olio di semi di lino sulla parte da lucidare con un panno; l’azione consentirà inoltre di creare una sottile patina protettiva che aiuterà i tuoi oggetti a ossidarsi più lentamente nel tempo.
  2. Aceto e sale. Unisci il sale fino all’aceto bianco per ottenere una crema liscia, da passare sui tuoi oggetti in ottone. Appariranno fin da subito più lucidi. Dopo la lucidatura risciacqua con acqua tiepida e procedi con l’asciugatura, da effettuare con un panno morbido e antistatico.
  3. Succo di limone e bicarbonato. Unisci questi due ingredienti al sale e all’aceto per ottenere una crema dall’efficacia più profonda, che dovrai lasciar agire per circa 60 secondi sull’ottone. Anche in questo caso, poi, risciacqua e asciuga. 

Prodotti specifici 

Se non vuoi utilizzare metodi naturali, per pulire l’ottone puoi utilizzare prodotti specifici. In commercio, infatti, esistono moltissime formulazioni chimiche adatte alla pulizia e alla lucidatura dei metalli: non tutti i prodotti sono uguali, quindi dovrai fare attenzione alle indicazioni in etichetta, dove deve essere riportata la destinazione d’uso. 

Uno dei prodotti più celebri e acquistati è sicuramente il Sidol, una crema che si utilizza in purezza su un panno morbido, che poi deve essere passato sull’oggetto da pulire per rimuovere sporco e ossidazione. In alternativa può essere utilizzata la crema detergente Nuncas ottone & Rame o il Copper Spray per rame e ottone.  Tutti questi prodotti devono essere usati indossando dei guanti, facendo attenzione al fatto che il detergente non venga in contatto con occhi e cute. 

Errori da evitare 

Come pulire l’ottone senza rovinarlo? Come tenerlo pulito a lungo? Semplice, evitando alcuni basilari errori che ti elenchiamo qui sotto. 

  • Non utilizzare spugnette abrasive o spazzole a setole dure: la superfice in ottone ne uscirebbe particolarmente compromessa. 
  • Gli oggetti laccati vanno puliti esclusivamente con acqua calda e sapone. Se la laccatura è rovinata, è necessario rimuoverla e riverniciare l’oggetto. 
  • Non far passare troppo tempo fra una pulizia e un’altra. L’uso degli oggetti e l’accumulo di polvere, infatti, velocizza il processo di ossidazione 

Suggerimenti:

Se cerchi guide e consigli dedicati alla pulizia, all’igiene della casa e dei tuoi oggetti, dai un’occhiata alla nostra sezione “Ordine e pulizia”: troverai tanti suggerimenti per te!