Paola di We Make A Pair

Paola Tartaglino, project manager freelance, consulente per progetti creativi e design blogger, naturalmente. Italiana, ha vissuto tanti anni a Torino, ma da qualche mese abita a Barcellona. We Make A Pair è il blog su cui dal 2013 condivide le sue scoperte: le piace andare alla ricerca di cose nuove, belle e dal prezzo accessibile, oggetti di design, creati da giovani in Italia o in giro per il mondo.

Immagini e parole per descrivere Paola e We Make A Pair

In tre parole, Paola di We Make A Pair è…

Ottimista, testarda e idealista.

wemakeapair.com racconta di…

Storie intorno al mondo del design, dell’artigianato contemporaneo, dell’illustrazione e della cultura indipendente in generale, con l’intento di fornire ispirazione agli appassionati così come ai creativi di ogni livello.

5 domande a Paola di We Make A Pair

Perché hai deciso di aprire un blog?

Negli ultimi 10 anni ho lavorato come storico dell’arte contemporanea, ma nel tempo libero continuavo a coltivare la passione per il design d’interni (tema delle mia tesi di laurea) e così ad un certo punto ho pensato di condividere le mie scoperte online: ancora oggi lo faccio perché penso che la bellezza possa rendere migliore la vita di ognuno di noi e che il design debba essere per tutti. E poi perché mi piace l’idea di far sorridere le persone, di sorprenderle.

Come descriveresti il tuo stile quando si tratta di interni?

Mi piacciono le case che svelano l’anima di chi le abita, attraverso le scelte degli arredi, ma anche dei complementi, le librerie affollate di libri, le cucine vissute, i balconi assolati e pieni di piante.

Il mio stile ideale racconta una storia ed è fatto di stratificazioni. Per il nostro nuovo appartamento di Barcellona siamo partiti da una base neutra, composta da arredi semplici, lineari e low cost. Ora stiamo man mano aggiungendo dettagli, senza fretta, mixando i tanti oggetti d’affezione portati dall’Italia (tra i quali soprattutto tanti libri illustrati e i ricordi di viaggio) con nuovi acquisti fatti ad hoc (anche da piccoli brand locali) e interventi do-it-yourself.

Dove cerchi ispirazione per il tuo blog?

Ammetto che oggi l’ispirazione arriva soprattutto da Instagram, che per me è il canale migliore per scoprire nuovi prodotti e talenti emergenti: spesso è un po’ dispersivo, ma è un ottimo strumento per studiare i nuovi trend, anche grazie ai suggerimenti che vengono mostrati in associazione a ciascun profilo.

Qual è stata la tua esperienza più bella legata al blog?

Non ho dubbi: l’esperienza più preziosa legata al blog è certamente la collaborazione con una nota rivista di interior design. Va avanti da oltre 5 anni, durante i quali ho imparato davvero tanto e ho avuto la possibilità di esprimermi in molti modi: ho scritto articoli, news e reportage da eventi e fiere; ho lavorato per progetti speciali con gli inserzionisti e a gennaio 2020 ho avuto la gioia di vedere il mio primo servizio fotografico su carta, con ben 9 pagine di foto scattate da me in un interno torinese.

Che consigli daresti a una persona che vuole aprire il suo blog oggi?

Credo sia prima di tutto necessario trovare la propria voce e capire cosa possiamo condividere con gli altri: la cosa più naturale è partire dalle proprie passioni, coltivarle online e offline, così da allenare l’occhio e la scrittura.

Secondo me è molto importante non avere fretta, non sgomitare e non voler emergere a tutti i costi. Piuttosto è utile allenarsi nella creazione di contenuti di qualità (foto e testi), così come fare networking, creare una rete di colleghi con cui confrontarsi e con cui divertirsi a collaborare.

Un ultimo consiglio: non avere paura di dire di no, di rinunciare a una collaborazione se il progetto non è nelle tue corde. Se avrai la possibilità di aspettare, l’occasione giusta arriverà e sarà speciale.

banner tendenze