Iscriviti per scoprire tutti i brand a -70%

Erba della pampa in vaso nero sopra a consolle con specchio tondo

Quando torni a casa ami immergerti nel tuo mondo, studiato in ogni dettaglio? Sei sempre alla ricerca di nuove idee per dare un tocco nuovo e originale alla casa? Le piante sono uno degli elementi con cui si può giocare di più negli interni e, tra queste, ce n’è una che sta prendendo sempre più piede: l’erba della Pampa (o Pampa’s grass). Scopri le caratteristiche di questa pianta affascinante e segui i nostri consigli per utilizzarla in casa.

Erba della Pampa: cos’è e da dove viene?

Questa particolare pianta, conosciuta anche con il nome di ‘Cortaderia’, è una pianta di tipo perenne che viene usata per scopi decorativi. All’aspetto è davvero calda e suggestiva, con i suoi pennacchi di tanti colori, un arcobaleno che spazia dal bianco al giallo passando per il rosa. Viene dall’Argentina, dove è talmente presente da crescere spontaneamente, quasi un dono della natura.

L’uso decorativo trova la sua ragion d’essere nella sensazione di leggerezza che dona a chi sceglie di ospitarla nella propria abitazione. Ha un aspetto curioso, simile alle spighe di grano, ma al tatto è estremamente soffice. L’aspetto positivo della pianta è che si adatta, per via dei colori neutri ma anche dell’aspetto candido, a qualunque stile di arredamento, dal country fino ai design più minimal.

Idee decorative per abbellire la casa

Eccoci arrivati alla parte più divertente e piena di ispirazione. Hai scelto la tua pianta, l’hai piantata, hai imparato a prendertene cura, e ora? Ora è il momento di stuzzicare la fantasia con qualche idea originale per utilizzare l’erba della Pampa come decorazione originale per la tua casa.

3 idee per decorare con l’erba della Pampa:

  1. Gioca con i colori


    Uno dei primi suggerimenti è quello di giocare con le tonalità. Come abbiamo visto la pianta passa dal bianco al marrone passando per il rosa e il beige. Disponi allora le piante in scala cromatica, oppure con i toni più scuri al centro o al contrario con i toni chiari al centro per dare un effetto volume.

  2. Usa vasi diversi


    Come abbiamo visto la pianta cresce in maniera veloce, e potandola a diverse altezze potresti sfruttare questa caratteristica. Scegli vasi di dimensioni diverse per alternare le altezze e le dimensioni e dare un aspetto optical alla tua casa.

  3. Combina varietà differenti


    Un altro modo per giocare con le piante è quello di scegliere le diverse varietà che la Cortaderia propone. Ne esistono di diverse tipologie infatti, e disporle per casa potrebbe essere un modo originale di sfruttarle.

Questi sono solo alcuni dei suggerimenti, ma ricorda sempre che l’effetto che dovrai avere quando apri la porta del tuo appartamento è lo stesso che fece esclamare a Dorothy ne ‘Il mago di Oz’:


Nessun posto è bello come casa mia.

Una pianta facile da gestire

Tra le caratteristiche dell’erba della Pampa c’è l’estrema facilità con cui si cura. Non è necessario essere un giardiniere provetto! Tutto quello che si dovrà fare sarà dedicarle qualche attenzione, per essere ripagati dal tocco di colore e calore che questa pianta è capace di trasmettere.

La prima cosa a cui si deve prestare attenzione è l’altezza, che va mantenuta sempre costante. L’erba della Pampa tende a crescere in modo rapido. Se lasciata in giardino si possono ammirare i lunghi pennacchi svettare contro il cielo, tanto da essere utilizzata come elegante recinzione naturale. In appartamento invece è bene potarla.

Forse non sai che la Cortaderia fiorisce al suo massimo nel mese di ottobre, in autunno, proprio quando le altre piante tendono a perdere foglie e fiori. Riesci ad immaginare la meraviglia di entrare in casa e stupirti davanti a pennacchi rosa, o marroni, o ancora color crema o argentati?
Andando poi verso l’inverno la Cortaderia assume dei toni caldi che virano verso il beige, quasi accompagnandoti verso il candore della neve e il calore di un camino acceso.

Come prendersi cura dell’erba della Pampa

Questa pianta sembra voler conquistare il suo ospite con la facilità delle cure che richiede. Ti basteranno pochi minuti per potarla e poi innaffiarla. In particolare:

  • presta sempre attenzione alle foglie perché sono molto taglienti;
  • indossa sempre i guanti e non scorrere la foglia sul palmo della mano;
  • piantala in aprile, il periodo migliore per la messa a dimora;
  • assicurati che il terriccio che la ospiterà sia umido ma ben drenato;
  • compatta il fusto per far sì che quando la pianta crescerà troverà il sostegno
  • sistema la tua pianta in un luogo assolato ma al riparo dalla corrente.

Una volta piantata, innaffia in abbondanza il vaso. Immagina che la tua pianta faccia parte della tua casa come un ospite silenzioso che veglia sulla tua tranquillità. Tu fa lo stesso con lei, ti ripagherà. D’estate non farle mancare l’acqua, e soprattutto se ti assenti per le vacanze predisponi un sistema di drenaggio automatico. In alternativa chiedi a qualcuno di fidato di annaffiarla per te.

Pota la tua pianta al centro perché è lì che le foglie tendono ad appassire. Puoi farlo in due modi:

  • con la bruciatura
  • tagliando le foglie più secche.

Nel primo caso, con estrema cautela e portando fuori dall’appartamento la pianta, brucia la parte secca, che si estinguerà molto rapidamente.
Nel secondo caso attendi la fine dell’inverno e poi togli le parti secche per stimolare la nuova crescita.

Sei in cerca di altre idee per decorare la tua casa? Registrati su Westwing e approfitta delle nostre offerte esclusive!

banner tendenze