tipi di tende per camera da letto 

Le tende dividono gli spazi e danno personalità a una stanza, dal punto di vista cromatico e non solo. Nella zona notte, le considerazioni di tipo estetico si inchinano alle esigenze pratiche: privacy e relax balzano in primo piano, senza per questo trascurare lo stile. La quantità di opzioni disponibili, del resto, ti offre ampio spazio di manovra: ecco i migliori tipi di tende per la camera da letto a livello di modelli, tessuti e colori. 

Quali tessuti scegliere

Cambiare tende è una tecnica molto efficace per connotare lo stile di una stanza e per dare armonia agli arredi. La prima cosa da tenere a mente è la scelta del tessuto: scuro o semitrasparente? Satinato o effetto stropicciato? Vediamo brevemente quali sono le stoffe più utilizzate e perché.

  1. Cotone o lino

    Un tocco di freschezza, in camera, non guasta mai: oltre a puntare su nuance chiare e luminose, ti consigliamo le tende in lino, cotone organico o misto lana. I filati naturali – inclusa la juta – sono perfetti, fra le altre cose, per una camera in stile boho: il macramè, del resto, è tornato di moda ed è amato anche dai cultori del fai da te. 
  2. Pizzo

    Il tuo sogno è una camera da letto romantica? Se sì, è quasi inevitabile prendere in considerazione le tende con rouches, volant e dettagli in pizzo: l’atmosfera sognante – eventualmente declinata in stile shabby – è garantita. 
  3. Velluto

    Se ti piace dormire coi balconi aperti per sentire il suono della pioggia (ma non per questo vuoi farti disturbare dalla luce che filtra nella stanza) è meglio optare per un tessuto dalla trama pesante. Oltre a puntare sulle tende oscuranti in velluto, puoi spaziare fra un’ampia gamma di proposte in poliestere ad azione filtrante o semifiltrante. 

Lunghezze e modelli 

Ancor prima di scegliere il tessuto, dovrai decidere il modello che fa per te. Se l’essenzialità è il tuo forte, la soluzione più lineare dal punto di vista estetico sono le tende a rullo o a pannello dimensionate a misura: semplici e maneggevoli, non stonano in una camera dal look moderno e privo di fronzoli. In ogni caso, ricordati di controllare che siano pratiche da smontare, in modo da facilitare il lavaggio.  

Molto versatili i sistemi a pacchetto – anche detti tende a scomparsa –, disponibili a telo liscio o arricciate. Fra i tipi di tende per camera da letto più diffusi, poi, ci sono i sistemi a binario che richiedono una progettazione piuttosto attenta. I vantaggi non mancano: fra le altre cose, la possibilità di installare due o più teli (per variare all’occorrenza il look e l’effetto oscurante) e di automatizzare la chiusura. 

Più economiche, ma non per questo meno accattivanti, le tende a bastone, molto semplici da gestire. In base ai tuoi gusti puoi optare per tende con occhielli, con laccetti o dotate di fettucce a riloga a cui fissare i gancetti e gli anelli. Si sale di livello con le tende drappeggiate, dotate di embrasse, mantovana e calate. La sovrapposizione dei tessuti (sopratenda e sottotenda) e il movimento della stoffa creano un effetto ricco: sono le tende ideali per una stanza in stile barocco o dall’aspetto principesco. Irrinunciabili se ami le tende lunghe che sfiorano il pavimento.

Colori e abbinamenti 

Oltre che per la lavorazione del tessuto, i vari tipi di tende per la camera da letto si differenziano dal punto di vista cromatico, con risultati molto eterogenei dal punto di vista estetico.  Meglio una tenda tinta unita o fantasia? Una nuance tenue o una grafica vivace? Ecco qualche consiglio per fare la scelta giusta. 

Bianco, grigio e beige  

Col bianco non si sbaglia mai, specie in fatto di tende: dal bianco puro al crema, è la scelta preferenziale anche per gli ambienti più piccoli. Molto adattabile anche il beige, purchè sia piuttosto chiaro e non troppo freddo: attenzione anche al punto di grigio, elegante ma a volte un po‘ algido. Per un look più caldo ti consigliamo l‘avorio e il color ecru; per un surplus di eleganza, tende champagne dall’aria preziosa. 

Verde e blu 

Vuoi aggiungere colore, senza correre il rischio di annoiarti? Il verde e il blu sono fra le scelte più sicure in questo senso. Un verde salvia dai riflessi vagamente argentei saprà sposarsi facilmente al resto dell’arredo, così come un azzurro carta da zucchero

Colori accesi 

Scegliere una tenda molto colorata è un po‘ come dipingere una parete con pennellate vivaci: l‘ovvia differenza è che la vernice non si può sostituire altrettanto facilmente. Se l’ambientazione è essenziale – o perfettamente studiata – un tendaggio dalle tonalità accese può essere molto indovinato: un tessuto color borgogna, ad esempio, può risultare molto chic in una stanza classica o minimalista. 

Pattern e fantasia  

Per vestire la camera, infine, puoi optare per le tende fantasia: motivi jungle e pattern geometrici ti aiuteranno a creare un’ambientazione di tendenza, così come i decori floreali se preferisci un’ispirazione più romantica. 

Meglio studiare bene il progetto d‘arredo prima di scegliere il colore delle tende: segui i nostri consigli per arredare e decorare la camera da letto