29.11.2020 Consegne regolari su tutto il territorio nazionale.

Decorazioni shabby chic consolle e specchio

Si ispira all’atmosfera delle case in campagna, con un tocco romantico: è lo stile shabby chic. Tra i trend dell’home decor, è uno dei pochi a essere durato nel tempo, reinventandosi di continuo, anno dopo anno. Scopri quando è nato e da quali colori, materiali ed elementi è caratterizzato, poi inizia subito a pianificare un piccolo o grande make-over per una o più stanze. Dal soggiorno al salotto esterno, ci sono tanti buoni motivi per farsi sedurre da questo mood a metà tra il vintage e il country.

Stile shabby chic: definizione e caratteristiche

Secondo il dizionario Collins English Dictionary, il termine inglese “shabby chic” identifica un tipo di decorazione d’interni dall’aspetto leggermente usato o vecchio che conferisce un effetto romantico. È apparso per la prima volta negli anni Ottanta sulla rivista britannica The World of Interiors: da allora non ci ha più lasciato!

In Gran Bretagna, dove è nato, lo stile shabby chic interpretava lo charme delle antiche ville in campagna, tra vecchi sofà in velluto e dipinti d’epoca. Si è poi evoluto, unendosi al gusto provenzale e all’artigianalità svedese, diventando qualcosa di unico. Il “riciclo” di mobili e oggetti di modernariato è sempre presente, ma mai senza una rinfrescata.

L’estetica classica di questo tipo di arredamento passa per un po’ di fai-da-te, con mobili riverniciati di bianco o tinte neutre per un effetto délabré, ovvero volutamente imperfetto. A ciò si aggiunge l’abbondante uso di tessuti floreali in tinte pastello, per divani, tende, cuscini e biancheria, e di decorazioni dall’aria vintage e fané.

I 5 comandamenti dello stile shabby chic

Abbiamo accennato alle caratteristiche salienti di questo stile decorativo, ma ci sono alcune regole da rispettare per arredare in perfetto stile shabby chic.

5 comandamenti dello stile shabby:

  1. Vintage è bello

    Perché comprare nuovi mobili e accessori, quando si possono reinterpretare quelli vecchi?

  2. Il trionfo del fai-da-te

    Chi ama il bricolage non può non innamorarsi dello stile shabby chic, che mette il recupero creativo proprio al centro.

  3. Bianco mon amour

    Il colore principe è il bianco, in ogni sua sfumatura, a cui abbinare con attenzione pochi altri colori, solitamente nelle tinte pastello.

  4. Lascia che la natura entri in casa

    Ispirandosi alla campagna, le decorazioni shabby chic incorporano elementi botanici tradizionali, come le classiche fantasie floreali, oppure forme e linee barocche. Dal gusto francese ha preso invece l’amore per la lavanda e i fiori spontanei, perfetti da inserire in un vaso in cristallo da appoggiare sul tavolo o sulla consolle all’ingresso.

  5. Chi frequenta il mercatino delle pulci trova tesori

    Se non hai una soffitta in cui cercare mobili e oggetti a cui dare una nuova vita, segnati sul calendario tutti i mercatini di modernariato della zona. Sarà anche una buona occasione per fare una passeggiata all’aperto, magari in un borgo fuori città.

Colori e materiali shabby chic

La palette classica dello stile shabby chic ha sempre il bianco come punto di partenza. Sono ben accette anche le tinte neutre come il sabbia, il tortora, il beige, l’avorio e il greige, da usare come base per pareti, pavimenti, tendaggi, infissi e mobili principali. In abbinamento aggiungi piccoli tocchi in nuance naturali come il lilla, il verde salvia, il rosa antico e in generale le tinte pastello dal gusto vintage.

Per quanto riguarda i materiali, la prima scelta cade necessariamente sul legno. Non solo ricorda la natura, ma è il simbolo dell’artigianalità e della qualità del passato. Vanno bene anche le pietre e il cotto, soprattutto per le piastrelle, così come le fibre tradizionali (cotone, canapa, juta e lino).

Idee per ogni zona della casa

Ora che conosci tutti gli elementi di base per creare perfettamente lo stile shabby chic, è il momento giusto per metterti alla prova con le diverse zone della tua casa. Può trattarsi di una sola stanza o di tutto un appartamento: prima di iniziare, valuta ovviamente gli elementi strutturali e gli arredi già presenti.

Camera da letto shabby chic

Tra tutte le camere, la zona notte è quella che forse si presta di più per questo stile sognante. I colori tenui dello stile shabby chic conciliano il riposo e il sonno, così come le linee semplici e tradizionali dei mobili. Sì al legno decapato in bianco per letto, comodini, comò e armadio, a cui accostare tessuti con delicati motivi a fiori.

Soggiorno in stile shabby

Luminoso e rilassante, il soggiorno shabby chic è rigorosamente chiaro, con piccole concessioni al colore. I mobili sono in legno decapato, come il rovere e il noce, ma possono essere aggiunti anche dettagli in ferro verniciato di bianco. Per spezzare, usa cuscini, tende e tessuti in tinte pastello, da valorizzare con oggetti decorativi. Un’idea geniale? Un vaso d’epoca da appoggiare su una consolle, accanto a candele, vecchie cornici e piccoli oggetti curiosi acquistati al mercatino.

Cucina shabby chic

Calda e accogliente, la cucina shabby diventa il cuore della casa. Oltre ai mobili dall’effetto sbiadito e vissuto, non dimenticare una bella credenza con vetrina, per mettere in bella mostra piatti, bicchieri e brocche scovati ai mercatini delle pulci o nella casa della nonna.

Esterni in stile shabby chic

Per un pranzo domenicale in famiglia o un aperitivo serale con gli amici, trasforma il tuo giardino o la veranda in un ambiente femminile e sofisticato. I mobili in legno délabré sono perfetti sotto il portico, al riparo, ma in alternativa usa un set da giardino in ferro dipinto di bianco, da valorizzare con cuscini delicatamente colorati. Aggiungi lanterne e candele per creare un’atmosfera magica e d’altri tempi.

banner arredamento