stile zen

Rilassante e minimal, lo stile zen abbraccia una filosofia orientale fondata sulla ricerca di un equilibrio ideale, soprattutto negli ambienti in cui passiamo tanto tempo. Dalla zona notte al bagno, ogni stanza della casa può trasformarsi seguendo alcune semplici linee guida: scopri quali sono i pilastri su cui si fonda l’arredamento zen, scopri le idee per ogni spazio abitativo e infine stai alla larga dagli errori più comuni. Mettendo in pratica i nostri consigli, ogni giorno ti sembrerà di vivere in una vera oasi di tranquillità.

Lo stile zen in 8 punti

Lo stile zen affonda le radici in una cultura millenaria, legata alle scuole buddhiste orientali. La pronuncia giapponese “zen” viene infatti dal cinese “chan”, che fa a sua volta riferimento all’antico termine sanscrito “dhyana” che indica la consapevolezza derivante da una profonda meditazione statica. Almeno idealmente, la filosofia che con il tempo ne è scaturita mira proprio a creare uno spazio che favorisca il distacco da ciò che è superfluo.

La semplicità è tutto nell’arredamento zen, ma per raggiungerla serve grande attenzione a tutti i dettagli, piccoli o grandi che siano. Ecco gli 8 punti fondamentali da seguire se vuoi una casa pensata per suscitare un profondo senso di quiete.

  1. Arreda in modo essenziale: l’ambiente deve essere visivamente pulito, senza alcuna forma di eccesso.
  2. Riduci le decorazioni al minimo: sì a qualche dettaglio che richiami lo stile zen, come stampe e soprammobili, ma dosati con gusto e leggerezza.
  3. Gioca con la luce naturale: lascia che l’illuminazione principale giunga soprattutto dalle finestre e in generale mantieni una luce delicata e soffusa, non invadente.
  4. Usa i colori della natura: segui una palette cromatica giocata su tinte neutre e sfumature terrose, spaziando dal beige al verde muschio.
  5. Scegli tessuti leggeri e di origine biologica: sì a cotone e lino, fibre fresche e piacevoli al tatto, da preferire in tinte naturali e versioni monocromatiche.
  6. Profuma l’ambiente con fragranze naturali: diffondi un piacevole aroma di muschio, sottobosco e legni usando candele profumate e diffusori.
  7. Rimuovi i dispositivi elettronici: non lasciarti distrarre dalla tecnologia e trova un posto per telefono, tablet e computer; scoprirai che senza distrazioni è più semplice dimenticare la frenesia della vita quotidiana.
  8. Elimina il disordine: cerca di trovare un posto per ogni cosa, tenendo a disposizione ceste e contenitori.

Colori, forme e arredi zen

Partendo dai punti fondamentali dello stile zen, potrai spaziare verso vari tipi di soluzioni, a seconda delle tue esigenze abitative. Anche se non hai a disposizione ampi spazi luminosi e un giardino, ideali in questa tendenza di home decor, potrai comunque ottenere un eccellente risultato in termini di bellezza e comfort. Abiti in un piccolo appartamento? Raziona gli arredi, usa il bianco o il beige come colore principale e fai in modo che le finestre non siano troppo oscurate, per far sembrare l’ambiente visivamente più grande.

Sotto molti aspetti, lo stile zen ricorda altre tendenze in voga negli ultimi anni, come lo stile scandinavo o minimalista. Il richiamo alla natura deve essere presente in ogni stanza, dalla scelta dei mobili in legno e altre fibre naturali all’aggiunta di piante verdi, tutti elementi chiave dell’arredamento zen. Alterna inoltre le finiture in bambù e pietra per coniugare naturalezza e design.

Infine, lasciati sedurre dalla delicata bellezza di paraventi in legno o in carta, perfetti per separare le diverse aree di un grande open space. Non dimenticare di sfruttare i pavimenti: disponi stuoie, tappeti e cuscini, che potrai usare per sederti a terra e creare un’atmosfera di assoluto relax in famiglia e con gli amici.

Consigli per ogni stanza

Se ami l’arredamento tipico delle abitazioni orientali, lasciati ispirare dalla sofisticata eleganza dello stile zen. Che si tratti di una stanza o di tutta la casa, ti aiuterà a conferire alle diverse aree un profondo senso di pace, in perfetta connessione con l’elemento naturale: ecco qualche suggerimento per iniziare.

Bagno

Il bagno è un ambiente fondamentale per lo stile zen, che considera l’acqua un elemento importantissimo per l’equilibrio psicofisico. Per le superfici, opta per un mix di pietra e ceramica bianca, da movimentare con sanitari dalle linee stondate e rubinetterie con getto a cascata. Se lo spazio te lo permette, non rinunciare a una rilassante vasca freestanding. Completa poi con candele, piante e sassi che ti facciano sentire come in una raffinata spa.

Cucina

Per la stanza più calda e vissuta della casa, scegli finiture in legno chiaro e opta per una struttura con isola a cui abbinare semplici sgabelli alti. Cerca di nascondere tutto quello che non ti serve davvero, per mantenere sempre un ordine impeccabile; a tal proposito, gli elettrodomestici dovrebbero essere invisibili, celati da ante o inseriti in apposite nicchie. Durante i pasti, sostituisci le classiche tovaglie con tovagliette in bambù oppure stoffa.

Soggiorno

Soprattutto nel living, l’arredamento zen è puro minimalismo, caratterizzato da linee semplici e pulite. Oltre a favorire l’illuminazione naturale, scegli lampade sferiche da collocare a terra oppure applique discrete, puntando sempre su luci calde (e preferibilmente dimmerabili) che non risultino troppo intense. Per quanto riguarda i mobili, prediligi pezzi in legno con texture grezze, come tavoli, consolle e tavolini bassi. Abbinali a pouf in tessuto chiaro e a un divano componibile di forma organica, senza piedini.

Camera da letto

La zona notte deve essere arricchita da elementi tipici dell’arredamento zen, come il letto futon, posizionato direttamente sul pavimento. In alternativa, scegli un letto basso in legno chiaro senza testiera oppure con un pannello d’ispirazione orientale. Gli armadi dovrebbero essere provvisti di ante scorrevoli in legno, rattan o bambù, per evitare che si crei disordine. Per finire, scegli un bonsai oppure un’orchidea da appoggiare su una semplice consolle o cassettiera in legno.

Errori da non fare

Come avrai ormai capito, nell’arredamento zen il motto principale è “less is more”. È meglio togliere qualcosa invece che aggiungere e rischiare di rompere un magico equilibrio. Ecco una panoramica degli errori da non fare se vuoi che il risultato finale sia perfetto.

  • Eccedere con le decorazioni: non accumulare troppi oggetti in stile zen; scegli una sola cosa che abbia grande impatto sulla stanza.
  • Cadere nei cliché: stai alla larga da quello che sembra posticcio, per evitare che la casa diventi una sorta di scenografia irrealistica.
  • Mischiare altri stili contrastanti: l’arredamento zen perde la sua forza se viene sovrapposto a quello classico o glam; segui la tua ispirazione e portala fino in fondo, senza deviazioni.

Ora che sai tutto sullo stile zen, inizia a mettere in pratica i nostri consigli. Se cerchi altri spunti interessanti, continua a leggere i nostri approfondimenti sugli “Stili di arredamento“!